• Pulizia marmo macchiato

    per pulire il marmo

    COME PULIRE MARMO MACCHIATO DA CAUSE SCONOSCIUTE

    La procedura illustrata in questo post fornisce indicazioni sulla preparazione di un impacco universale per la rimozione di macchie sconosciute sul marmo.

    Per pulire il marmo da uno specifico tipo di macchia, invece, meglio seguire una procedura mirata che consente una maggior efficacia:

    1. Macchie Rame/Bronzo: vedi scheda 04400-07-R
    2. Macchie di grassi lubrificanti: vedi scheda  04455-10-R
    3. Macchie di olio e grasso: vedi scheda  04455-11-R
    4. Segni di corrosione: vedi scheda  04455-15-R
    5. Macchie di inchiostro e vernice: vedi scheda  04455-18-R
    6. Macchie organiche: vedi scheda  04455-14-R
    7. Vernici olio di lino: vedi scheda  04455-12-R
    8. Vernici al lattice e acriliche: vedi scheda  04455-13-R
    9. Macchie di ruggine: vedi scheda  04400-06-R
    10. Macchie di Iodio: vedi scheda  04455-16-R
    11. Macchie di urina: vedi scheda  04455-17-R

    Un impacco di solito viene fatto aggiungendo un solvente o una sostanza chimica detergente  all’acqua  mescolati con un eccipiente inerte per ottenere  una pasta morbida. La pasta viene poi applicata sulla macchia con una paletta o spatola.

    La parte liquida della pasta migra nella pietra dove scioglie la sostanza colorante. Poi il liquido risale gradualmente oltre la superficie pietra e rientra nell’impacco, dove evapora, lasciando il suo carico di materiale colorante disciolto nell’impacco.

    Quando l’impacco è asciutto, viene poi raschiato e spazzolato via.

    PROCURATI PRODOTTI PER PULIZIA MARMO MACCHIATO

    A.  1- Detergente – Seguire le singole procedure di cui alla lista sopra riportata per prodotti/sostanze chimiche specifiche da utilizzare

    o in alternativa, quando possibile, utilizzare candeggina da bucato o varechina

    o detersivi tipo Tide, Dash  o simili.

    2- Perossido di idrogeno 6% (H202)  è un composto instabile utilizzato soprattutto come ossidante e agente sbiancante, un antisettico e un propellente.

    Reperibile presso drogherie,  farmacie o negozi di ferramenta .

     

    B. Materiale assorbente bianco (gesso per stampi, tessuto bianco, tovaglioli di carta, polvere di gesso, talco, attapulgite in polvere, polvere per poultice).

    C. Acqua minerale

    D. Fogli di plastica

    E. Salviette pulite asciutte per tamponare la zona dopo il trattamento

     

    PREPARARE GLI ATTREZZI

    A. Contenitore di vetro o ceramica per miscelare la soluzione

    B. Utensile in legno per mescolare gli ingredienti

    C. Spatola di legno o plastica

    D. Nastro per mascherature e protezioni

     

    ESECUZIONE

    A. Per macchie di origine sconosciuta

    Se non hai la minima idea da dove provengano le macchie, prova quanto segue:

    pulitura marmo

    NOTA : NON USARE CANDEGGINA SU PIETRE DI COLORE SCURO, CIÒ CAUSEREBBE LO SCHIARIMENTO DELLA PIETRA .

    1. Lavare accuratamente la zona da trattare con acqua minerale.
    2. Miscelare la soluzione di liquido da utilizzare in una ciotola di vetro o ceramica. Utilizzare la soluzione liquida come richiesto in ogni procedura  di rimozione di macchie specifiche (vedere list sopra 1-11) – o – soluzione di perossido di idrogeno 6%.
    3. Inumidire accuratamente la superficie macchiata con questo liquido. Accertarsi di bagnare bene oltre la macchia.
    4. Mescolare il liquido con materiale assorbente bianco per formare una pasta della consistenza di dentifricio. ( È necessario circa mezzo chilo di impasto per ogni metro quadrato di superficie da trattare).
    5. Usando una spatola di legno o plastica, applicare la pasta alla superficie macchiata in strati di spessore non superiori a 6 mm. L’ impacco deve estendersi ben oltre la macchia per evitare di spingere la macchia nella pietra già pulita.
    6. Controllare le sacche d’aria o i vuoti nello strato.
    7. Coprire l’impacco con fogli di plastica e sigillare con nastro adesivo.
    8. Lasciare in posa per 48 ore (se non diversamente specificato).
    9. Dopo il periodo di posa, inumidire l’ impacco con acqua minerale.
    10. Togliere l’impacco con una spatola di legno o di plastica per evitare di graffiare la superficie.
    11.  Anche in questo caso, sciacquare la zona pulita con acqua minerale, asciugare con salviette pulite e lasciare asciugare la superficie.
    12. Una volta che la superficie si è asciugata completamente, verificare la presenza di residuo rimasto e ripetere il trattamento, se necessario.

    NOTA: Per accorciare i tempi di applicazione usare perossido di idrogeno a concentrazioni maggiori (12%, 20%, 35%)

    B. Pulitura Marmo sporco:

    pulitura marmo

    1. Lavare accuratamente la zona da trattare con acqua minerale.

    2. Aggiungere acqua sufficiente al detersivo in polvere per bucato tipo Tide, Dash per ottenere una pasta molto spessa di consistenza della pastella per frittelle.

    NOTA : MAI AGGIUNGERE LA POLVERE ALL’ACQUA. AGGIUNGERE SEMPRE L’ACQUA ALLA POLVERE .

    3. Stendere la pasta sopra l’area interessata con una spatola di legno o plastica per uno spessore di circa 5 mm.

    4. Coprire la zona con teli di plastica e lasciare in ammollo per tre giorni.

    5. Rimuovere la plastica e lasciare asciugare l’impacco.

    6. Rimuovere l’impacco secco con una spatola di legno o di plastica e una spazzola a setole dure.

    7. Sciacquare accuratamente la superficie con acqua chiara, pulita e lasciare asciugare.

    8. Ripetere se necessario per raggiungere il livello desiderato di pulizia .

     

     

  • STEP 5 – FINITURA GRANITI

    I graniti possono avere diversi tipi di finitura. Dopo l’intervento di pulizia e riparazione in una zona della superficie è necessario ripristinare la finitura originale in modo da accordarsi con la superficie circostante.

    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    BMC
    SOLUTIONS
    SCHEDA
    US GSA
    info sostanze base e specifiche tecniche
    RIPRISTINARE LA FINITURA SUPERFICIALE
    RILUCIDAREVIRGINIA0446525R
    RIPARAZIONI
    RIPARAZIONE CON EPOSSSIDICO DI PICCOLE CREPE E BUCHIMARBLE REPAIR KIT0446510R
    Riattaccare graniti allentati o scheggiati0446511R
  • STEP 4 – RIPARAZIONE GRANITI

    Programmare le riparazioni che inficiano l’integrità e la solidità della pietra

    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    BMC
    SOLUTIONS
    SCHEDA
    US GSA
    info sostanze base e specifiche tecniche
    RIPRISTINARE LA FINITURA SUPERFICIALE
    RILUCIDAREVIRGINIA0446525R
    RIPARAZIONI
    RIPARAZIONE CON EPOSSSIDICO DI PICCOLE CREPE E BUCHIMARBLE REPAIR KIT0446510R
    Riattaccare graniti allentati o scheggiati0446511R
  • Virginia

    In pochi minuti si risolve il problema

  • remove etch mark

    Con Virginia si passa con due o tre grane in relazione al tipo di corrosione

  • etch mark

    I segni di corrosione rovinano il marmo e sono difficili da trattare localmente

  • VIRGINIA

    Un nuovo concetto nella lucidatura manuale dei marmi

  • ISTITUTO CENTRALE DEL RESTAURO DI ROMA

    FORMULARIO AB57: SOLUZIONE SATURA 

    PER LA PULIZIA DI SUPERFICI SATURE (formula originale)

    Formulazione studiata dall’ICR ed utilizzata da alcuni decenni per la pulitura su affreschi e superfici lapidee. Appartiene ai metodi di pulitura chimica delle superfici del tipo non dannoso, ed è una miscela di sali, complessanti, elementi tixotropici ed assorbenti. 

    Impasto  che ha proprietà di sciogliere il gesso senza intaccare il carbonato di calcio. 
    Dovranno essere usati in soluzioni con il 5-20% d’acqua  al fine di ottenere una maggiore capacità solvente.

    Potrà essere, anche aggiunto un sapone liquido di tipo neutro o leggermente alcalino (5-10 cc. Litro) al fine di favorire una migliore bagnabilità ed esportazione delle croste grasse e prodotte dagli idrocarburi alifatici.

    Componenti:
    Acqua cc.1000;
    Bicarbonato d’ammonio g.30;
    Bicarbonato di sodio g.50;
    E.D.T.A. (sale bisodico) g. 25;
    Desogen (sale d’ammonio quaternario) cc.10 (tensioattivo, fungicida);
    Carbossimetilcellulosa g. 60.
    Dovrà avere un PH intorno a 7-5 e la quantità di E.D.T.A. potrà essere variata e portata, se ritenuto necessario, a 100 – 125 g.
    Alla miscela potranno essere aggiunte ammoniaca (NH4OH) o trietanolammina (C3H4OH3) allo scopo di facilitare la dissoluzione dei componenti”grassi” presenti nella crosta.
    Esametafosfato di sodio (NAPO3)6 e formiato di ammonio HCOONH+

    USO:

    Applicare uno strato di qualche mm di AB 57 sulla superficie da pulire, eventualmente anteponendo un foglio di carta giapponese, eventualmente aggiungere ammoniaca per dissolvere componenti grasse ossidate nella crosta. 
    Il tempo di azione è molto variabile (da 1 a 5 ore), per evitare l’evaporazione dell’acqua della soluzione, coprire la superficie con una pellicola non traspirante (polietilene, DOMOPAK, ecc.).
    Eventualmente ripetere l’operazione prestando attenzione a non danneggiare il carbonato di calcio dei calcari.
    Si consiglia sempre un lavaggio finale con acqua deionizzata, accompagnato da una blanda azione di spazzolatura.

     

    Pulitura materiali lapidei estratto da MANUALE OPERATIVO PER IL RESTAURO ARCHITETTONICO<

  • sostanze accessorie

    sostanze accessorie per lavori di restauro

    NOME COMMERCIALEALTRI NOMIPITTOGRAMMI SICUREZZACASLINK VENDITA ON LINE
    SEPIOLITE
    TALCO
    GESSO PER CALCHI E STAMPI
    GESSO SCAGLIOLA
    POLVERE DI MARMO
    TRIPOLOterra diatomacea, farina fossile
    CARBOSSIMETIL CELLULOSACMC
  • SOSTANZE CHIMICHE

    Elenco sostanze chimiche in commercio

    NOME COMMERCIALEALTRI NOMIPITTOGRAMMI SICUREZZACASLINK VENDITA ON LINE
    ACETONE PURO dimetilchetone, propanone67-64-1
    MEKmetiletilchetone, butanone78-93-3
    RAGIA MINERALEessenza di petrolio
    LIGROINAragia minerale, etere di petrolio8032-32-4
    AMMONIACAidrossido di ammonio, idrato di ammonio
    PEROSSIDO DI IDROGENO
    acqua ossigenata
    7722-84-1
    IPOCLORITO DI SODIOcandeggina, sale ossigenato7681-52-9
    PETROLIO LAMPANTEcherosene8008-20-6
    WHITE SPIRITragia minerale, etere di petrolio
    LIMONENED-limonene138-86-3
    CLORURO DI METILENEdiclorometano, DCM
    75-09-2
    ALCOL METILICOmetanolo, spirito di legno67-56-1
    EDTAacido etilendiamminotetraacetico60-00-4
    TRIELINA
    tricloroetilene, tricloroetene
    79-01-6
    PERCLOROETILENEtetracloroetilene, tetracloroetene
    127-8-4
    ALCOL ETILICOetanolo, spirito
    64-17-5
    ACETATO DI ETILEetanoato di etile141-78-6
    ACETATO DI AMILEacetato di n-amile, etanoato di 1-pentile628-63-7
    TOLUENE
    toluolo, metilbenzene108-88-3
    XILENE
    xilolo, dimetilbenzene1330-20-7
    BENZENE
    benzolo, [6]annulene71-43-2
    CLOROFORMIOtriclorometano67-66-3
    DIPROPILENGLICOLE MONOMETILETEREDPM monometiletere, DPM Dimetossipropanolo
    34590-94-8
    PROPILENGLICOLE MONOMETILETERE 1-metossi-2-propanolo107-98-2
    IDROSOLFITO DI SODIOdiotionito di sodio7775-14-6
    GLICEROLOglicerina, triidrossipropano56-81-5
    CITRATO DI SODIOcitrato di trisodio6132-04-3
    TIOSOLFATO DI SODIOiposolfito di sodio10102-17-7
    CLORURO DI AMMONIOiposolfito di sodio12125-02-9
    ACIDO OSSALICOacido etandioico6153-56-6
    FOSFATO DI SODIOfosfato trisodico10101-89-0
    PERBORATO DI SODIO13517-20-9
    PERCARBONATO DI SODIOSodio carbonato perossidrato15630-89-4
    AMMONIO BICARBONATOIdrogenocarbonato d’ammonio1066-33-7
  • STEP 6 – PROTEZIONE MARMI

    Specifiche per il trattamento dei marmi

    idrorepellenza

    antimacchia

    protezione antigraffiti

    protezione anticorrosione

     

     

  • STEP 5 – FINITURA MARMI

    I marmi  possono avere diversi tipi di finitura. Dopo l’intervento di pulizia e riparazione in una zona della superficie è necessario ripristinare la finitura originale in modo da accordarsi con la superficie circostante.

    TABELLA DI INTERVENTO RAPIDO PER   MARMI, PIETRE CARBONATICHE
    TIPO DI
    PROBLEMA
    U.S. GSA
    PRO TIPS
    BMC TIPS
    scheda tecnica
    cause
    soluzione
    RIPRISTINARE LA FINITURA SUPERFICIALE
    RILUCIDARE
    BOLLINO VERDE copia
    • POLVERE LUCIDANTE PER MARMO
    • BUFF PER LUCIDARE
    soluzione BMC
    RIMUOVERE SEGNI DI CORROSIONI
    BOLLINO VERDE copia
    vino, birra, succhi di frutta, aceto, derivati del pomodoro, senape, bevande gassate, inchiostro o condimenti per insalata
    consigli professionali
    soluzione BMC
    RIPARAZIONI
    RIPARAZIONE CON EPOSSIDICO DI PICCOLE CREPE E BUCHI
    BOLLINO VERDE copia
    soluzione BMC
    RIPARAZIONE DI CREPE CAPILLARI E PICCOLI INCAVI
    BOLLINO VERDE copia

    soluzione BMC
  • STEP 4 – RIPARAZIONE MARMI

    Programmare le riparazioni che inficiano l’integrità e la solidità della pietra

    TABELLA DI INTERVENTO RAPIDO PER   MARMI, PIETRE CARBONATICHE
    TIPO DI
    PROBLEMA
    U.S. GSA
    PRO TIPS
    BMC TIPS
    scheda tecnica
    cause
    soluzione
    RIPRISTINARE LA FINITURA SUPERFICIALE
    RILUCIDARE
    BOLLINO VERDE copia
    • POLVERE LUCIDANTE PER MARMO
    • BUFF PER LUCIDARE
    soluzione BMC
    RIMUOVERE SEGNI DI CORROSIONI
    BOLLINO VERDE copia
    vino, birra, succhi di frutta, aceto, derivati del pomodoro, senape, bevande gassate, inchiostro o condimenti per insalata
    consigli professionali
    soluzione BMC
    RIPARAZIONI
    RIPARAZIONE CON EPOSSIDICO DI PICCOLE CREPE E BUCHI
    BOLLINO VERDE copia
    soluzione BMC
    RIPARAZIONE DI CREPE CAPILLARI E PICCOLI INCAVI
    BOLLINO VERDE copia

    soluzione BMC
  • MIA – fare e utilizzare un impacco

    MIA

    Smacchiatura

    Sversamenti e macchie

    Tamponare immediatamente lo sversamento con una salvietta di carta. Non strofinare la zona, si diffonderà lo sversamento. Lavare la zona con acqua e sapone neutro e risciacquare più volte. Asciugare accuratamente con un panno morbido. Ripetere se necessario. Se la macchia persiste, consultare la sezione di questo opuscolo sulla rimozione delle macchie .

    Smacchiatura

    L’identificazione del tipo di macchia sulla superficie della pietra è la chiave per rimuoverla. Se non sapete cosa ha causato la macchia, giocare al detective. Dove si trova la macchia ? È vicino a una pianta, una zona di ristorazione, un posto dove vengono utilizzati cosmetici? Di che colore è? Qual è la forma o il modello? Che cosa succede nella zona intorno alla macchia? Le macchie superficiali possono spesso essere rimosse pulendo con un prodotto di pulizia appropriato o sostanze chimiche da casa. Le macchie profonde o ostinate possono richiedere l’uso di un impacco o chiamare un professionista. Le sezioni seguenti descrivono i tipi di macchie con cui si può avere a che fare e gli appropriati prodotti chimici domestici da utilizzare e come preparare ed applicare un impacco per rimuovere la macchia.

     

    IMPACCHI

    Fare e utilizzare un impacco

    Un impacco è un detergente liquido o chimico mescolato con un materiale assorbente bianco per formare una pasta della consistenza del burro di arachidi. L’impacco va spalmato sulla zona macchiata con uno spessore di circa 6/12 mm con una spatola di legno o plastica, ricoperto di plastica e lasciato agire per 24 a 48 ore. Il detergente liquido o chimico attirerà la macchia nel materiale assorbente. Le procedure di impacco potrebbero dover essere ripetuto per rimuovere completamente una macchia, ma alcune macchie non potranno mai essere completamente rimosse.

    Materiali per impacchi

    Materiali impiastro includono caolino, terra di Fuller, merlano, terra di diatomee, polvere di gesso, gesso bianco per stampi o talco. Circa mezzo chilo di materiale preparato per impacco coprirà 1/10 mq. Non usare il merlano o argille di tipo ferroso come terra di Fuller con sostanze chimiche acide. La reazione annulla l’effetto dell’impacco. Un impacco può essere preparato anche con batuffoli di cotone bianco, salviette di carta bianca o tamponi di garza.

     

    Applicare l’impacco

    Preparare l’impacco. Se si utilizza polvere, mescolare il detergente o sostanza chimica fino a ottenere una pasta spessa della consistenza del burro di arachidi. Se si utilizza carta, immergerla nella sostanza chimica e lasciare scolare. Non lasciare che il liquido sgoccioli.

    Bagnare la zona macchiata con acqua distillata.

    Applicare l’impacco alla zona macchiata con circa 6/12 mm di spessore ed stendere l’impacco oltre l’area macchiata di circa un centimetro. Utilizzare una spatola in legno o in plastica per spalmare l’impacco in modo uniforme.

    Coprire l’impacco con plastica e nastrare i bordi per sigillare.

    Lasciare che l’impacco asciughi completamente, di solito circa 24 a 48 ore. Il processo di essiccazione è quello che spinge la macchia dalla pietra al materiale dell’impacco. Dopo circa 24 ore rimuovere la pellicola e lasciare asciugare l’impacco.

    Rimuovere l’impacco dalla macchia. Risciacquare con acqua distillata e lucidare a secco con un panno morbido. Utilizzare un raschietto di legno o plastica , se necessario.

    Ripetere l’applicazione dell’impacco se la macchia non viene rimossa. Possono essere richieste fino a cinque applicazioni per le macchie difficili .

    Se la superficie è incisa chimicamente, applicare la polvere lucidatura e lucidare con tela o tampone di lucidatura in feltro per ripristinare la superficie.

  • PRTW13 – etch marks, graffi

    EUROTECH MARBLE

    13. Graffi

    a. Ri-lucidare o

    b. Ri-levigare

    14. Striature

    a. Lucidare con tampone di feltro asciutto o

    b. lana di acciaio 000 asciutta o

    c. Ri-lucidare

    15. Corrosioni Acide/Alcaline

    a . Ri-lucidare o

    b . Ri-levigare

    16. Stun marks /Fratture cristalline

    Ri-levigare

    17. Anelli e macchie d’acqua

    a. Lucidare con lana d’acciaio 000 asciutta o

    b. Ri-lucidare o

    c. Ri-levigare

    19. Mulinelli da lana d’acciaio

    a. Ri-lucidare o

    b. Ri-levigare

    20. Macchie opache casuali

    a. Controllare se corrosioni o

    b. Ri-lucidare

     

    MIA

    SEGNI DI CORROSIONE

    I segni di corrosione sono causati da acidi lasciati sulla superficie della pietra. Su alcuni materiali verrà corrosa la finitura ma non rimarrà una macchia. Altri verranno sia corrosi che macchiati. Dopo che la macchia è stata rimossa, bagnare la superficie con acqua pulita e cospargere sul marmo polvere lucidante reperibile da una ferramenta o negozio di lapidi o rivenditore locale di pietre. Strofinare la polvere sulla pietra con un panno umido o utilizzando un pad di lucidatura con un trapano elettrico a bassa velocità. Continuare lucidatura fino a che il segno di corrosione scompare e la superficie di marmo brilla. Rivolgersi al proprio rivenditore di pietre o chiamare un restauratore di pietre professionale per la finitura o ri-lucidatura delle zone con incisioni che non è possibile rimuovere.

     

    MACCHIE D’ACQUA E ANELLI

    ( accumulo in superficie di acqua dura )

    Lucidare con lana d’acciaio 0000 asciutta.

     

    GRAFFI E SCALFITTURE

    Lievi graffi superficiali possono essere lucidati con lana d’acciaio 0000 asciutta . Graffi più profondi e scalfitture nella superficie della pietra devono essere riparati e ri-lucidati da un professionista.

  • PRTW18 – Sbiadimento

    EUROTECH MARBLE

    18. Sbiadimento

    Pulire con :

    a. Sverniciatore alcalino o

    Applicare impacco con :

    b. Candeggina o

    c. Perossido di idrogeno o

    d. Ri-levigare e lucidare

  • PRTW12 – incrostazioni stucco

    EUROTECH MARBLE

    12. Stucco e residui secchi

    a. Strofinare con detergente neutro e pad rosso o

    b . Ri-lucidare

     

  • PRTW09 – strati di vernice

    EUROTECH MARBLE

    9. Verniciature poliuretaniche

    a. Cloruro di metile o

    b. Smerigliatura

     

    10. Patine di cristallizzazione

    a. Sverniciare con sverniciatore a base di acido ossalico o

    b. cloruro di metile

     

    11. Vernici

    a. Sverniciatore alcalino

    b. Cloruro di metile

     

    MIA

    VERNICI

    Piccole quantità possono essere rimosse con solvente per vernici o raschiata via accuratamente con una lametta. Una verniciatura spessa deve essere rimosso solo con uno sverniciatore commerciale “liquido e spesso” reperibile presso negozi di ferramenta e di vernici. Questi sverniciatori normalmente contengono soda caustica o liscivia. Non utilizzare acidi o strumenti a fiamma per togliere la vernice dalla pietra. Gli sverniciatori possono corrodere la superficie della pietra; può essere necessaria la ri-lucidatura. Seguire le indicazioni del produttore per l’utilizzo di questi prodotti, avendo cura di lavare la zona con acqua pulita. Proteggersi con guanti di gomma e occhiali di protezione e lavorare in un ambiente ben ventilato. Utilizzare solo raschietti di legno o plastica per rimuovere il residuo fangoso e la vernice cagliata. Normalmente le idropitture acriliche e non provocano macchie. Le vernici a base olio, olio di semi di lino, mastice, stucchi e sigillanti possono causare macchie oleose. Fare riferimento alla sezione sulle macchie a base olio.

     

     

  • PRTW08 – Cera

    EUROTECH MARBLE

    8. Cera ( patine acriliche ingiallite )

    Decerare con:

    Decerante alcalino

     

  • PRTW07 – crescita biologica

    EUROTECH MARBLE

    7. Macchie biologiche ( licheni, alghe, muschi, funghi, muffe, ecc. )

    Pulire con :

    a. Ammoniaca diluita o

    b. Candeggina o

    c. Perossido di idrogeno o

    d. Ipoclorito di sodio

     

    MIA

    MACCHIE BIOLOGICHE

    (alghe, muffe, licheni, muschi, funghi)

    Pulire con ammoniaca o candeggina o perossido di idrogeno diluiti (1/2 tazza in 4 lt di acqua). NON MESCOLARE CANDEGGINA E AMMONIACA! QUESTA COMBINAZIONE CREA UN GAS TOSSICO E LETALE!

    Impacco con ammoniaca diluita o candeggina o perossido di idrogeno. NON MESCOLARE AMMONIACA E CANDEGGINA ! QUESTO COMPOSTO CREA UN GAS TOSSICO E LETALE!

     

  • PRTW06 – rame

    EUROTECH MARBLE

    6. Macchie di rame

    Impacco con :

    a. Cloruro di ammonio o

    b. idrossido di ammonio

     

    MIA

    METALLO

    (ferro, ruggine, rame, bronzo)

    Le macchie di ferro o di ruggine sono di colore da arancione a marrone e seguono la forma dell’oggetto colorante come chiodi, bulloni, viti, barattoli, vasi di fiori, mobili metallici. Le macchie di rame e bronzo appaiono come verdi o marrone-fango e sono causate dall’azione dell’umidità su oggetti nelle vicinanze o su bronzo, rame o ottone incorporati. Le macchie di metallo devono essere rimosse con un impacco. (Vedere paragrafo impacchi) Le macchie di ruggine profonde sono estremamente difficili da rimuovere e la pietra può rimanere macchiata in modo permanente.

    MACCHIE DI RAME

    Impacco con uno dei materiali da impacco in polvere e ammoniaca. Queste macchie sono difficili da rimuovere. Potrebbe essere necessario chiamare un professionista.

     

     

  • PRTW05 – Efflorescenze

    EUROTECH MARBLE

    5. Efflorescenze

    Impacco con :

    a. Acqua distillata

     

    MIA

    EFFLORESCENZE

    L’efflorescenza è una polvere bianca che può comparire sulla superficie della pietra. E’ causata dall’acqua che trasportando sali minerali da sotto la superficie della pietra risalendo attraverso la pietra ed evaporando. Quando l’acqua evapora , lascia la sostanza in polvere. Se l’installazione è nuova, spolverare o aspirare la polvere. Potrebbe essere necessario farlo più volte appena la pietra si asciuga. Non usare acqua per rimuovere la polvere; scomparirà solo temporaneamente. Se il problema persiste, contattare l’installatore per aiutare a identificare e rimuovere la causa dell’umidità.

     

     

  • PRTW04 – Macchie organiche

    EUROTECH MARBLE

    4. Macchie organiche ( carta, tè, caffè, cosmetici, frutta, tabacco, ecc. )

    a. Versare perossido di idrogeno 35% direttamente sulla macchia e aggiungere qualche goccia di ammoniaca, lasciare fino a stop gorgoglio o

    b. Ripetere l’operazione di cui sopra ma aggiungere impacco o

    c. Acetone o toluene o xilene

     

    MIA

    MACCHIE ORGANICHE

    (caffè, tè , frutta , tabacco , carta, cibo , urina , foglie , cortecce , escrementi di uccelli)

    Possono causare una macchia rosa-marrone e possono scomparire dopo che la fonte della macchia è stata rimossa. All’esterno , con le cause rimosse, la normale azione di sole e pioggia generalmente scolorisce le macchie. All’interno, pulire con perossido di idrogeno 12% (schiarimento capelli) e qualche goccia di ammoniaca.

     Impacco con uno dei materiali da impacco in polvere e soluzione di perossido di idrogeno 12 % (tipo sbianca capelli) o utilizzare acetone al posto del perossido di idrogeno

  • PRTW03 – Olio e Unto

    EUROTECH MARBLE

    3. Macchie a base oleosa (grasso, olio da cucina, catrame, macchie di cibo , ecc )

    Pulire con :

    a . Sfregare energicamente con Candeggina o

    b . Detersivo per casa o

    c . Ammoniaca o

    d . Acquaragia minerale o

    fare un impacco con :

    e. Bicarbonato di sodio o

    f. Acquaragia minerale o

    g. Cloruro di metile

     

    MIA

    MACCHIE  BASE OLIO

    (grasso, catrame, olio da cucina, latte, cosmetici)

    Una macchia oleosa scurisce la pietra e normalmente deve essere disciolta chimicamente così la fonte della macchia può essere lavata o risciacquata via. Pulire delicatamente con un panno morbido, detergente liquido con candeggina

    o detersivo domestico

    o ammoniaca

    o acqua ragia minerale

    o acetone

    Impacco con bicarbonato di sodio e acqua o uno dei materiali da impacco in polvere e acqua ragia minerale.

     

  • PRTW02 – Inchiostro

    EUROTECH MARBLE

    2 . Inchiostro

    Applicare un impacco con le seguenti sostanze:

    a . Marmi chiari colorati utilizzare solo candeggina o perossido di idrogeno ;

    b . Marmi scuri utilizzare diluenti per vernici o acetone ;

    c . Cloruro di metile

     

    MIA

    INCHIOSTRI

    ( pennarello , penna, inchiostro)

    Pulire con candeggina o perossido di idrogeno (Solo pietre chiare!) o diluente o acetone (Solo pietre scure!)

     

     

  • PRTW01-ruggine

    EUROTECH MARBLE

    1. Macchie di ferro (ruggine)

    Applicare un impacco con le seguenti sostanze:

    a. Citrato di sodio e glicerina o

    b. Ossalato di Ammonio o

    c. Acido ossalico o

    d. Acido fosforico e sale sodico EDTA in acqua o

    e. Diluire acido fluoridrico oppure

    f. Non può essere rimossa, è parte della pietra

     

    MIA

    METALLO

    (ferro, ruggine, rame, bronzo)

    Le macchie di ferro o di ruggine sono di colore da arancione a marrone e seguono la forma dell’oggetto colorante come chiodi, bulloni, viti, barattoli, vasi di fiori, mobili metallici. Le macchie di rame e bronzo appaiono come verdi o marrone-fango e sono causate dall’azione dell’umidità su oggetti nelle vicinanze o su bronzo, rame o ottone incorporati. Le macchie di metallo devono essere rimosse con un impacco. (Vedere paragrafo impacchi) Le macchie di ruggine profonde sono estremamente difficili da rimuovere e la pietra può rimanere macchiata in modo permanente.

    MACCHIE FERROSE

    Impacco con terra di diatomee e uno togli-ruggine reperibile in commercio. Le macchie di ruggine sono particolarmente difficili da rimuovere. Potrebbe essere necessario chiamare un professionista.

  • 0447009R – Rimozione di graffiti dalle arenarie

    RIMOZIONE GRAFFITI DALLE ARENARIE

     

     PARTE 1 — GENERALE

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione di graffiti a base di vernice dalla pietra arenaria con una sostanza chimicasverniciante o impacco. Per ulteriori informazioni e/o metodi alternativi per rimuovere graffiti da arenaria, vedere 04200-01-S.

    B. Le vernici al lattice tendono a rimanere innanzitutto sulla superficie dei materiali lapidei al contrario delle vernici a base olio, che tendono a penetrare nella pietra e rimanervi.

    C. Precauzioni strutture storiche:

    1. Non utilizzare acidi o strumenti a fiamma per togliere la vernice dalla pietra, poiché danneggerà la superficie.

     2. Non usare spatole in acciaio o metallo o strumenti per raschiare pietra a causa del rischio di graffiare, scheggiare, scriccare o comunque guastare la superficie.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 PRODUTTORI

    A. ProSoCo, Inc.     www.prosoco.com

    2.02 MATERIALI

    A. Sverniciante per rimuovere strati multipli di mani di vernice e graffiti dalle superfici murarie esterne (rimane attivo per un massimo di 24 ore), come “Sure Klean Heavy Duty Paint Stripper” (ProSoCo, Inc.), o equivalenti approvati.

    NOTA: EVITARE SVERNICIATORI COMMERCIALI CHE CONTENGONO CERA, SCEGLIERE INVECE I TIPI “LAVABILE IN ACQUA”.

    B. Acqua pulita, potabile

    C. Stracci puliti in fibra naturale per asciugare

    D. Solventi come acetone o alcool denaturato:

     

    Acetone (C3H6O):

    1. Un chetone liquido volatile fragrante infiammabile utilizzato principalmente come solvente e nella sintesi organica e trovato anormalmente nelle urine.

    2. Altri nomi chimici o comuni sono: dimetilchetone; propanone

    3. Rischi potenziali: SOLVENTI VOLATILI ED INFIAMMABILI

    4. Reperibile fornitori di prodotti chimici per la casa o negozi di ferramenta.

    Alcol denaturato:

    1. Altri nomi comuni o chimici comprendono spirito metilato*.

    2. Rischi potenziali: TOSSICO E INFIAMMABILE.

    3. Reperibile da negozi di ferramenta, negozi di vernici o distributori di forniture per stampanti.

    4. L’alcool denaturato, che non è gravato da tassa sui liquori, dovrebbe essere un sostituto soddisfacente dell’alcol etilico per scopi di rimozione delle macchie.

    E. Materiale eccipiente come argilla attapulgite, caolino, terra di Fuller, talco, gesso, batuffoli di cotone, pasta di carta senza acidi. (Non usare gesso o argilla contenente ferro con un solvente acido poiché la reazione chimica annullerà l’efficacia dell’acido).

    2.03 ATTREZZATURE

    A. Tubo da giardino e ugello

    B. Spatole di legno o di plastica

     

    C. Spazzole con setole di fibra o iuta rigide (non metalliche)

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 ESAME

    A. Esaminare con attenzione la superficie della pietra arenaria per determinare la causa della macchiatura prima di procedere con qualsiasi operazioni di pulizia.

    B. Identificare la sostanza utilizzata per creare i graffiti.

    C. Esaminare l’area circostante per i segnali di ciò che può essere stato utilizzato per creare i graffiti (cioè bombolette spray o altri detriti).

    3.02 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    NOTA: SABBIATURA O TECNICHE ABRASIVE PER RIMUOVERE VERNICI DOVREBBERO ESSERE EVITATE. INVECE PICCOLO TEST DI RIPARAZIONE DOVREBBE ESSERE PROVATO UTILIZZANDO SOLVENTI COME L’ACETONE, ALCOOL DENATURATO E SVERNICIATORI COMMERCIALI.

    A. Lavare accuratamente la zona macchiata con acqua pulita, chiara togliendo accuratamente la vernice allentata con un raschietto di legno. Lasciare superficie completamente asciutta.

    B. Applicare a pennello una mano di sverniciatore commerciale sulla superficie (circa 3 mm di spessore), e lasciare in posa fino a quando la vernice viene sollevata dalla superficie; seguire le istruzioni del produttore.

    -O-

    Applicare a pennello un solvente come acetone o alcol denaturato.

    C. Raschiare la vernice ammorbidito con una spatola di legno.

    D. Lavare accuratamente la superficie con acqua pulita e chiara e lasciare asciugare.

    E. Ripetere il processo quanto necessario per eliminare sufficientemente la macchia.

    F. Per macchie di vernice ostinate, può essere richiesto di applicare un impacco.

    1. Creare un impacco mescolando un solvente appropriato con un materiale di eccipiente.

     2. Applicare la miscela alla zona macchiata con strati di spessore da 6 a 18 mm di spessore “utilizzando una spatola di legno o plastica e lasciare asciugare. Assicurarsi di stendere l’impacco ben oltre la zona macchiata. La porzione liquida della pasta migrerà nella pietra dove dissolverà parte del materiale macchiante. Poi il liquido gradualmente tornare sulla superficie della pietra e nell’impacco, dove esso evapora, lasciando la sostanza macchiante disciolta nell’impasto.

     3. Lasciare l’impasto riposare, mantenendolo umido fino la macchia è salita. Fissare un foglio di polietilene sull’impacco per ridurre l’evaporazione. Il tempo esatto di permanenza varia e richiederà il controllo periodico del substrato.

     4. Quando sembra che la macchia sia salita, lasciare asciugare l’impasto. Come si asciuga, il solvente viene riassorbito dall’impacco portando con sé la macchia.

     5. L’impacco dovrebbe cadere naturalmente quando è asciutto. Rimuovere il materiale rimanente con una spatola di legno e una spazzola di setole naturali.

     6. Sciacquare accuratamente la superficie con acqua pulita, chiara e lasciare asciugare.

     7. Possono essere richieste ripetute applicazioni di impacchi.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0447005R – Rimozione dello sporco dalle arenarie prima della ristilatura

    RIMOZIONE DELLO SPORCO DALLE ARENARIE PRIMA DELLA RISTILATURA

     

    ALCUNI TIPI DI INVECCHIAMENTO, DA AGENTI ATMOSFERICI E DIFETTO ESTETICI SONO NATURALI E ACCETTABILI E CONTRIBUISCONO A CARATTERIZZARE L’EDIFICIO.

    L’USURA NATURALE E GLI AGENTI ATMOSFERICI COME LE DEPRESSIONI NELLA PIETRA POSSONO NON ESSERE UN MOTIVO SUFFICIENTE PER LA RIPARAZIONE.

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

     

    A. Questa procedura comprende una guida sulla rimozione della crescita biologica, sporco superficiale ed efflorescenze dalle superfici di arenaria prima della ristilatura.

    ATTENZIONE: NON PULIRE FREQUENTEMENTE LE ARENARIE. QUESTO PUÒ ESSERE CAUSA DI GUASTI PREMATURI DEI LEGANTI O DEI MATERIALI CEMENTIZI CHE TENGONO INSIEME LA PIETRA.

    B. L’arenaria è molto porosa e incline a raccogliere lo sporco, polvere, oli, grassi sia da contatto diretto che dall’atmosfera. L’assorbimento di questi tipi di contaminanti possono causare macchie di superficie, e promuovere la crescita biologica.

    C. Crescite biologiche come licheni, alghe, muschi e funghi che proliferano su muri in pietra è di solito un’indicazione che vi è eccesso di umidità dentro o intorno alla pietra. Queste crescite devono essere rimosse, in quanto attirano l’umidità sulla superficie della pietra e la tengono lì, ciò può portare a problemi più seri. Licheni e muschi in particolare, producono acido ossalico che può danneggiare alcuni tipi di pietra storica.

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 PRODUTTORI

    A. Rohm & Haas (controllata di Dow Chemical)    www.rohmhass.com

    B. Sigma-Aldrich Corporation   www.sigma-aldrich.com

    2.02 MATERIALI

    A. Detergenti non ionici come “Triton” (Rohm & Haas), “IGEPAL” (Sigma-Aldrich), o equivalenti approvati.

    B. Candeggina:

    ATTENZIONE: NON MESCOLARE L’AMMONIACA CON CANDEGGINE CLORATE, POICHÉ CIÒ CAUSA GAS DI CLORO , (GAS VELENOSI)! NON USARE CANDEGGINA SU ESCREMENTI DI UCCELLI.

    1. Altri nomi chimici o comuni sono: soluzione sbiancante*; candeggina da lavanderia*; Ipoclorito di sodio (NaOCl); Soluzione di clorurati di soda* .

    2. potenziali pericoli : CORROSIVO SULLA CARNE.

    3. Disponibile presso fornitori di sostanze chimiche, negozi o supermercati, negozi di ferramenta o distributori di forniture per pulizie.

    C. Acqua pulita, potabile

    2.03 ATTREZZATURE

    A. Spazzola di setole naturali rigide

    B. Spruzzatore a bassa pressione o tubo da giardino

    C. Foglio di polietilene

    D. Spatola di legno o abbassalingua

     

     PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 ESAME

    A. Determinare la fonte di umidità eccessiva, cioè perdite di pluviali, acqua stagnante, sporgenza del tetto, vegetazione ecc., e fare le riparazioni necessarie prima di continuare con questo impegno.

    B. Determinare il tipo di macchia, cioè alghe e licheni, muffe e funghi o efflorescenze.

    3.02 PREPARAZIONE

    A. Protezione:

    1. Preparare adeguate soluzioni di lavaggio (ad esempio acqua, sapone e asciugamani) prima di iniziare il lavoro.

     2. Non spruzzare nelle immediate vicinanze di persone, ambiente e animali non adeguatamente protetti.

    B. Preparazione della superficie: riempire temporaneamente le grandi crepe con guarnizioni fbr prima di pulire le aree per evitare infiltrazione di grandi quantità di acqua.

     

    3.03 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    ATTENZIONE: NON USARE METODI DI PULIZIA ABRASIVI. NON UTILIZZARE DETERGENTI CHIMICI ACIDI O ALCALINI. UTILIZZARE SEMPRE IL PIÙ DELICATO MEZZO DI PULIZIA POSSIBILE.

    A. Per composto impermeabilizzante friabile:

    1. Rimuovere il composto sigillante sfaldato utilizzando raschietti di legno o abbassalingua. Fare attenzione a non usare sgorbie o si danneggierà la pietra.

     2. Rimuovere il più possibile utilizzando una pennello a setola rigida.

    ATTENZIONE: NON USARE SPAZZOLE IN FILO D’ACCIAIO IN QUANTO POTREBBERO LASCIRE PEZZETTI DI FERRO, CHE POTREBBERO ARRUGGINIRE E LASCIARE MACCHIE SULLA SUPERFICIE. NON USARE SPAZZOLE ROTANTI ELETTRICHE. QUESTE SONO TROPPO DURO E POSSONO ABRADERE SEVERAMENTE LA SUPERFICIE.

     3. Piccole quantità di composto sigillante residuo possono rimanere sulla superficie, e dovrebbe essere lasciate isolate. NON USARE SOLVENTI PER RIMUOVERE questo residuo. È probabile che questo residuo verrà portato via dalle intemperie naturalmente e non causano danni fisici alla pietra.

     4. Tenere i composti di silicone sigillante che possono essere stati applicati per contribuire a sigillare alcuni giunti delle scossaline e fare le riparazioni se necessario.

    B. Per sporco e polvere, escrementi di uccelli:

     1. Lavare la superficie con acqua con uno spruzzatore a bassa pressione o tubo da giardino con un getto fine.

     2. Pulire delicatamente, se necessario, con una spazzola bagnata di setola naturale o plastica.

    3. Se necessario, aggiungere nello spruzzatore un detergente non ionico alla minore concentrazione efficace. 

    Nota: Testare una piccola zona per vedere che non lasci un residuo annebbiato.

     4. Evitare l’ammollo della pietra. Sciacquare accuratamente la superficie per evitare di lasciare vaghi o invisibili residui che possono attirare lo sporco.

    C. Per muffe, muschi, e alghe: le crescite fungine/alghe è promossa da ambienti molto umidi. Questo, combinato con la mancanza di luce solare, crea condizioni favorevoli per questo tipo di macchiatura della superficie.

    1. Eliminare condizioni di umidità in eccesso.

     2. Sfregare accuratamente la superficie con una spazzola di setola naturale o di plastica e acqua.

     3. Se necessario, aggiungere una piccola quantità di candeggina all’acqua per aiutare a uccidere le piante cresciute.

    D. Per efflorescenze e sali superficiali:

    1. con cautela spazzolare via a secco dalla superficie i sali con una spazzola di setole naturali o lavare con acqua.

     2. Se l’efflorescenza ritorna, esaminare attentamente le aree circostanti per determinare la possibilità di perdite o fonti d’acqua che causano l’eccesso di infiltrazione di umidità.

     3. Eliminare le fonti di umidità in eccesso e ripetere quanto al paragrafo D.1. sopra.

    E. Per la guida su ristilatura, vedere 04470-06-R.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0447003R – Rimozione di sporco stratificato su arenaria

    RIMOZIONE DI SPORCO STRATIFICATO SU ARENARIA

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla pulizia di determinate zone di sporco stratificato su pietra arenaria tramite lavaggio con un detergente alcalino (per arenaria calcarea), o lavaggio con un detergente a base di acido fluoridrico (per la maggior parte altre arenarie). Generalmente, questo lavoro dovrebbe essere eseguite da un operatore esperto.

    B. Per le precauzioni relative al lavaggio a pressione, vedere 04510 -04-S.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 PRODUTTORI

    A. ProSoCo, Inc.     www.prosoco.com

    2.02 MATERIALI

    A. Per arenaria calcarea: detergenti alcalini e risciacquo con acqua, come ad esempio “Sure-Klean 766 Limestone & Masonry Pre-Wash/After-wash” (ProSoCo, Inc.), o equivalente approvato. Detergenti alcalini adatti conterranno idrossido di potassio o idrossido di alluminio .

    B. Per la maggior parte delle arenarie, escluse le calcaree:

    detergente a base di acido fluoridrico contenente non più del 5% di acido fluoridrico come “ure-Klean Restoration Cleaner “(ProSoCo, Inc.), o equivalente approvato.

    C. Acido acetico:

     

    1. Un acido liquido incolore pungente che è il capo acido dell’aceto e che viene utilizzato soprattutto nella sintesi (come delle plastiche).

    2. Altri nomi chimici o comuni: Acetati *; Sali acetica *; Sali o esteri dell’acido * acido aceto acetico *. (Aceto stesso, che contiene acido acetico circa il 4%, può essere adatto per alcuni scopi che richiedono acido acetico.)

    3. Potenziali rischi: CORROSIVO PER PELLE E CORROSIVO PER CALCESTRUZZO, ACCIAIO, LEGNO O VETRO.

    4. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche (sia commerciale che da laboratorio), farmacie o distributori di forniture farmaceutiche, negozi di alimentari o supermercati o negozi di ferramenta.

    D. Teli di plastica

    E. Acqua pulita, potabile

     

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Attrezzature per risciacquo con acqua a pressione (misura tra i 100 e 400 psi per bassa pressione; tra 400 e 800 psi per media pressione).

    B. Ugelli tipo a ventaglio (ventaglio di 15 gradi)

    C. Spazzole di setole in fibra rigida

    D. Spatola di plastica

    E. Nastro per mascherature

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 ESAME

    A. Esaminare le condizioni del sito per stabilire che l’attuale drenaggio sia sufficiente per rimuovere in modo adeguato e sicuro i rifiuti della pulizia e scolo dal sito.

    B. Test di pulizia di una piccola area non visibile per verificare effetti avversi e danni al materiale.

    3.02 PREPARAZIONE

    A. Protezione:

    1. Proteggere i materiali circostanti sul sito e le superfici degli edifici adiacenti e costruzione del paesaggio di venire in contatto con i materiali di pulizia e defluire. Coprire con rivestimento antiacido quando si utilizzano detergenti a base acido. L’acido fluoridrico può gravemente incidere alluminio e vetro.

    2. Fornire agli operatori una protezione necessaria contro prodotti chimici, overspray e deflussi di pulizia.

    3. Evitare che prodotti chimici entrino in contatto con qualche superficie verniciata, lucida o metallica.

    4. Deviare il flusso dello scolo per scarichi in conformità ai regolamenti comunali. Rispettare i regolamenti comunali per quanto riguarda il contenimento e smaltimento di pulizia materiali.

    B. Preparazione della superficie:

    1. Prima di procedere con le operazioni di pulizia, rimuovere tutto le varie ferramenta, ancore ed escrementi di uccello dalla superficie per evitare qualsiasi scolorimento.

    NOTA: GLI ESCREMENTI DI UCCELLI IN CONTATTO CON LA SOLUZIONE DI PULIZIA LASCERÀ UNA MACCHIA PERMANENTE DI COLORE SCURO SULLA SUPERFICIE.

    2. Verificare la presenza di fori aperti e giunti in superficie e riverniciare o impermeabilizzare come richiesto per evitare che l’acqua e soluzioni pulenti penetrino profondamente nella parete.

    3.03 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    NOTA: DURANTE LA PULIZIA EVITARE DI PULIRE TROPPO. MIRARE A CONSEGUIRE PULITO PER L’85%. I MAGGIORI DANNI SI VERIFICANO QUANDO SI TENTA PULIRE L’ULTIMO 15%.

    NOTA: TEST DI PULIZIA DI UN PICCOLO SPAZIO PER DETERMINARE L’EFFICACIA DI METODI DI PULIZIA, MATERIALI, ATTREZZATURE E PRESSIONI DI LAVORO SCELTE PRIMA DI PROCEDERE CON OPERAZIONI DI PULIZIA SU GRANDE

    AREE. REGOLARE METODI, MATERIALI, ATTREZZATURE, PRESSIONI, ECC. COME NECESSARIO. LASCIARE IL TEMPO DI ASCIUGARE COMPLETAMENTE ALL’AREA DI TEST PER VALUTARE PULIZIA I RISULTATI E DETERMINARE SE CI SONO MODIFICCHE DA FARE PER QUALCHE MATERIALE CHE RICHIEDE UNA VARIAZIONE AL TRATTAMENTO. NON PROCEDERE FINO A CHE NON È STATA APPROVATA UN’OPERAZIONE DI PULIZIA ACCETTABILE E PIENAMENTE DOCUMENTATA.

    A. Bagnare preventivamente la superficie della pietra utilizzando un lavaggio a bassa pressione (tra 100 e 400 psi).

    B. sciogliere lo sporco strofinando la zona utilizzando con una spazzola non-metallica.

    C. Inondare la superficie con pressione dell’acqua medio-alta (400-600 psi) ad un flusso di tre o quattro litri al minuto.

    Risciacquare dall’alto verso il basso. MANTENERE LA SUPERFICIE DELLA PIETRA UMIDA DURANTE L’INTERO PROCESSO DI PULIZIA AL FINE DI EVITARE LA FORMAZIONE DI SALI RESIDUI SULLA SUPERFICIE.

    D. PER ARENARIE CALCAREE, applicare un detergente commerciali alcalino. Seguire le istruzioni di applicazione del produttore.

    ATTENZIONE: NON UTILIZZARE DETERGENTI A BASE ACIDA SU ARENARIE CALCAREE. I PRODOTTI ACIDI POSSONO INCIDERE O ABRADERE LA PIETRA.

    I DETERGENTI ALCALINI DEVONO ESSERE SEMPRE UTILIZZATO SU MURATURA ACIDO-SENSIBILE. EVITARE DI USARE SOLUZIONI ALCALINE CONTENENTI IDROSSIDO DI SODIO (SODA CAUSTICA O LISCIVIA) O BIFLUORURO DI AMMONIO. QUESTI HANNO IL POTENZIALE DI CAUSARE EFFLORESCENZE, SUBFLORESCENZE E PUÒ PORTARE ALLA ABRASIONE DELLA SUPERFICIE.

    1. Fare il prelavaggio con detergente alcalino usando una spazzola con setole di nylon morbido. Lasciare agire sulla superficie per 30 minuti, o per la durata determinata mediante prove.

    2. Sciacquare accuratamente la superficie con acqua pulita, chiara utilizzando una pressione tra 400 e 600 psi. Dirigere lo spruzzo verso il basso per evitare di forzare l’acqua nei giunti e sulla superficie della pietra. Controllare spazi interni nei luoghi di pulizia e contenere l’acqua delle operazione di risciacquo in modo da non inondare gli interni degli edifici.

    3. Mentre la superficie è ancora umida dal risciacquo del pre-lavaggio, applicare postlavaggio per calcari con una spazzola con setole di fibra morbida.

    a. Diluire il postlavaggio per calcari con tanta acqua come determinato valido durante il test.

    b. Se la superficie ha cominciato ad asciugarsi, ri-bagnare prima di applicare il postlavaggio.

    c. Coprire tutti gli angoli, modanature, e interstizi del calcare.

    4. Lasciare riposare per 3-5 minuti o la durata determinata dai test.

    5. Sciacquare accuratamente la superficie con acqua pulita, chiara utilizzando pressione tra 400 e 600 psi. Spruzzo diretto verso il basso come indicato sopra.

    Controllare gli spazi interni e contenere l’acqua delle operazioni di lavaggio in modo da non inondare gli interni degli edifici.

    6. Spruzzare sopra una applicazione di acido acetico per neutralizzare il lavaggio alcalino.

    7. Sciacquare di nuovo la pietra con acqua pulita e chiara.

    8. Per arenarie calcaree molto chiare, può essere essere richiesto l’uso di un agente complessante come EDTA o candeggina biologica per ottenere risultati uniformi.

    USARE SOLO SOTTO LA SUPERVISIONE DI PROFESSIONISTI.

    E. Per la maggior parte delle arenarie, (ESCLUSE ARENARIE CALCAREE), applicare un detergente commerciale a base di acido fluoridrico.

    Seguire le istruzioni di applicazione del produttore.

    ATTENZIONE: l’acido FLUORIDRICO può schiarire il colore DI ALCUNE ARENARIE contenenti ferro. FARE UN TEST IN una zona non molto visibile, monitorare i risultati, e agire di conseguenza.

    1. Applicare il detergente a base acida utilizzando una spazzola con setole di nylon morbide. Lasciare rimanere sulla superficie il tempo determinato dai test. NON SUPERARE 5-7 minuti.

    2. Sciacquare accuratamente la superficie con acqua pulita, chiara utilizzando pressione tra 400 e 600 psi. Dirigere lo spruzzo verso il basso come indicato sopra. Controllare gli spazi interni e contenere l’acqua delle operazioni di lavaggio in modo da non inondare gli interni degli edifici.

    3. Se appaiono efflorescenze, pulire una seconda volta con un detergente a base di acido fluoridrico, seguito immediatamente da risciacquo con acqua fredda.

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0447001R – Riparazione di Arenarie logorate, sfaldate o rigonfie

     

    RIPARAZIONE DI ARENARIE LOGORATE, SFALDATE O RIGONFIE

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    R. Questa procedura contiene indicazioni sulla riparazione composita dell’ arenaria. È necessaria la riparazione composta quando porzioni della superficie di pietra sono andati persi e devono essere sostituiti. Per conservare l’arenaria che si sta sfaldando internamente, vedere 04470-02-R “Riparazione dell’arenaria con la riparazione intra-superfciale “.

    B. La riparazione composta è il processo attraverso il quale miscele di cemento e sabbia vengono applicate come una serie di strati simil stucco per ricostruire superfici lapidee mancanti. La riparazione composta è richiesta da tre tipi di degrado che comprendono quelli da agenti atmosferici, sfaldamento e rigonfiamenti.

     

    1.02 RIFERIMENTI

    A. American Society for Testing and Materials (ASTM)

    www.astm.org

    1.03 Conferimenti

    A. Campioni: il test di routine dei materiali della miscela di malta proposta e del lavoro finale per il rispetto della presente procedura verrà effettuato dal RHPO o dal suo\sua rappresentante designato.

    1. Selezionare sabbia e aggregati simili ad una campione macinato della pietra da abbinare; miscelare diverse sabbie e pigmenti con pietrisco come necessario.

    2. Tenere nota delle quantità aggiunte ad ogni campione; il colore della miscela secca è una buona indicazione del colore finale della riparazione.

    3. Aggiungere acqua e un additivo al lattice acrilico per effettuare un’impasto campione abbastanza grande per riempire una tortiera da 8 cm.

    4. Conservare il campione in una tortiera o contenitore simile per almeno 48 ore.

    5. Trattare metà di ogni campione con una finitura di superficie appropriata.

    6. Confrontare i campioni alla pietra reale, e fare nuovi campioni se necessario per ottenere un colore corrispondente.

    B. Modello: Eseguire un test di riparazione a una piccola area.

    1. Verificare che la riparazione composta corrisponda alla pietra in colore, consistenza e trattamento superficiale.

    2. Guardare che la riparazione aderisca bene alla pietra adiacente e non si ritiri, crepi o si distacchi.

    3. Guardare che la riparazione composita non provochi il deterioramento della vecchia pietra anche per la durezza notevolmente differente, la trasmissione di umidità, o espansione e contrazione termica.

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 PRODUTTORI

    A. Thoro System Prodotti

    www.thorosystems.com

    2.02 MATERIALI

    A. Cemento: Cemento Portland ASTM C 150, Type II, bianco.

    NOTA: NON utilizzare cemento grigio; è più difficile da colorare e da lavorare, si ritira di più nella fase di presa, e può causare macchiatura.

    B. Calce: ASTM C 207, Tipo S, a elevata plasticità: incrementa la coesione durante la miscelazione, rallenta il tasso di indurimento, e modera le qualità che potrebbero determinare una riparazione di cemento eccessivamente forte e resistente all’umidità tale da guastare e danneggiare la pietra antica.

    C. Sabbia:

    1. Sabbia naturale locale, vagliata o malta per murature conforme alla normativa ASTM C 144.

    2. Sabbia colorata, dimensioni e consistenza deve corrispondere il più possibile all’originale per dare le caratteristiche visive adeguate senza altri additivi. Un campione della sabbia è necessario per la comparazione all’originale, e deve essere approvato dal RHPO prima di iniziare il lavoro di ristilatura.

    3. Il colore della sabbia dovrebbe essere il fattore primario usato per fare malte che corrispondono ai tessuti esistenti adiacenti.

    D. Arenaria frantumata:

    1. Le migliori riparazioni contengono vera arenaria; utilizzare pietra rimossa dalla zona da riparare, o altro vecchia pietra con le stesse qualità.

    2. Macinare abbastanza bene per passare attraverso un vaglio maglia-16 e lavare accuratamente.

    E. Pigmenti secchi:

    1. Utilizzare ove disponibile pietrisco non è sufficiente per dare una corrispondenza di colore.

    2. Utilizzare pigmenti di ossido minerale stabili a prova di sbiadimento sia naturale che sintetico.

    NOTA: NON superare le quantità massime suggerite dalle istruzioni del produttore; troppo pigmento riduce la forza e dà un colore instabile. Il rapporto massimo pigmento/cemento deve essere 1/10 (verifica con il produttore).

    F. Acqua pulita, potabile

    G. Additivi:

    1. (Prodotti Thoro System) Acryl-60, o equivalenti approvati: Utilizzare solo additivi al lattice che sono etichettati non ri-emulsionabili come Acryl-60; non usare sostanze leganti che potrebbero indebolirsi in presenza di umidità.

    ATTENZIONE: LE QUANTITÀ DI ADDITIVO SOPRA RACCOMANDATE DANNO UN ASPETTO LUCIDO, ARTIFICIALE E CAUSANO UNA TINTA VERDASTRA.

    H. Acido cloridrico:

    1. Un forte acido corrosivo irritante.

    2. Altri nomi chimici o comuni: Acido muriatico * (generalmente reperibile in soluzioni 18 gradi e 20 gradi Baume); acido Marine*; Spirito di sale*; spirito di sale marino*.

    3. potenziali pericoli: TOSSICO, CORROSIVO PER LA PELLE; CORROSIVO PER CALCESTRUZZO, ACCIAIO, LEGNO O VETRO, INFIAMMABILE.

    4. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, farmacie o distributori di forniture farmaceutiche, o negozi di ferramenta.

    2.03 ATTREZZATURE

    A. Cazzuole

    B. Frattazzo

    C. Spazzole di setola naturale rigida

    D. Martello e scalpello

    E. Masselli di legno

     

    2.04 MISCELE

    A. Boiacca:

    1. 1 parte di cemento bianco Portland

    2. 2 parti di calce tipo S

    3. 6 parti di sabbia

    4. Mescolare con acqua e Acryl-60 in rapporto 3:1

    B. Rinzaffo:

    1.  1 parte di cemento bianco Portland

    2.  1 parte di calce tipo S

    3.  6 parti di sabbia

    4.  Mescolare con acqua e Acryl-60 in rapporto 5:1

    C. Strato di Finitura:

    1.  1 parte di cemento bianco Portland

    2.  1 parte di calce tipo S

    3.  2-3 parti di sabbia

    4.  3-4 parti di arenaria frantumata

    5.  Pigmenti secchi (massimo 10% in peso)

    6.  Mescolare con acqua e Acryl-60 (o equivalente) in rapporto 5:1

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 ESAME

    A. Il deterioramento dell’arenaria a causa dell’umidità si manifesta come scheggiature, erosioni, screpolature, sfaldamento e giunti di malta deteriorati.

    B. Prima di procedere con qualsiasi tipo di riparazione, esaminare l’arenaria per determinare l’entità e la causa dei danni. Confronta la pietra intatta con aree di sospetto decadimento. Utilizzare una lente d’ingrandimento, se necessario. Guardare attentamente alle seguenti:

    1. Colore: Di che colore è la pietra? C’è variazione di colore all’interno delle singole pietre? c’è variazione tra le pietre?

    2. Pattern: Ci sono vortici, fasce, o vene di colore all’interno delle singole pietre?

    3. Trama: La superficie di pietra è ruvida o liscia? è dura o friabile? La texture è uniforme o varia?

    4. Lavorazione in superficie: La faccia della pietra è grezza o liscia? Ci sono delle scanalature cesellate? ci sono pattern decorativi in superficie? Alcune parti danneggiate o mancanti?

    5. Granelli di sabbia: La dimensione del granello è grande o piccola? I granelli sono di forma regolare o irregolare, uniforme o variabile?La struttura dei grani appare impaccata densamente o sciolta? Ci sono scaglie di mica presenti nella pietra (questi appariranno spesso a brillare in superficie)?

    6. Materiale di cementazione: Di che colore è il materiale tra i grani? I grani sporgono dalla superficie di pietra, causando la superficie ruvida?

    7. Riparazioni vecchie e degradate: C’è evidenza di erosione, sgretolamento, scheggiatura o altri tipi di degrado? C’è evidenza di precedenti rattoppi o riparazioni?

    3.02 MONTAGGIO/INSTALLAZIONE/APPLICAZIONE

    A. Tagliare o scrostare tutta la pietra allentata con un martello e scalpello di uno spessore minimo di 1/2″; grattare la pietra così la riparazione si bloccherà saldamente.

    B. Fare fori di circa 10/12 mm di profondità da 6 mm di diametro con diverse inclinazioni a circa 5 cm di distanza lungo la nuova superficie esposta.

    C. Rimuovere la polvere di pietra dalla zona di riparazione con pennelli di setola e spruzzare leggermente la zona con acqua.

    D. Applicare uno strato sottile di impasto di circa 1 parte di Cemento bianco Portland, 2 parti di calce e 6 parti di sabbia e qualche additivo come richiesto. La miscela finale dipenderà da sperimentazione sul campo di miscele per ottenere colore corretto e consistenza corrispondente.

    E. Eseguire gli strati di rinzaffo fino a 5 mm all’interno della superficie; ogni strato deve essere non inferiore a 2 cm e non più di 8 cm di spessore. Non sfumare gli spigoli.

    F. Utilizzare una spatola per incavare molti graffi sulla superficie di ogni strato per fornire aggrappaggio; lascia asciugare 2-4 ore per ogni mano, ma applicare uno strato, mentre il livello precedente è ancora umido.

    G. Usa masselli di legno da collocare nei giunti di malta adiacenti per evitare riparazioni dall’estendere continuamente tra i blocchi di pietra separati e toglierli quando la malta è parzialmente indurita; ristilare il giunto dopo che la riparazione si è essicata.

    H. Spatolare un rivestimento finale di stucco brownstone.

    I. Lavora uno spigolo diritto avanti e indietro per tutta la larghezza della riparazione per batterlo a filo.

    J. Eseguire il rifacimento con attenzione. Rifinire la riparazione della superficie con una delle seguenti operazioni:

    1. Acquaforte ad acido: Dopo che la superficie si è essicata 48 ore, pennellare sopra acido cloridrico di grado tecnico, diluito 1:5 con acqua; sciacquare la superficie accuratamente con acqua pulita, chiara.

    2. Strofinare le pietre: grana grossa o fine (grana # 60, 80, 100, 120); utilizzare a secco o con acqua per levigare la superficie di riparazioni ben curate.

    3. Spugnare con una spugna umida o salvietta asciutta con un frattazzino in legno.

    4. Segnare parzialmente la riparazione indurita con strumenti di pietra per accompagnare segni e pattern degli utensili originali.

     

    FINE DELLA SEZIONE

     

  • 0446525R – Rilucidatura del Granito

    RI-LUCIDATURA DEL GRANITO

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla ri-lucidatura di zone erose su granito esterno.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Abrasivo al carburo di silicio per smerigliare pietre o dischi diamantati.

    B. Composto di lucidatura all’Ossido di alluminio

    C. Tamponi di feltro

    D. Panni puliti, morbidi

    E. Acqua pulita, potabile

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01   MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    NOTA: QUESTO LAVORO DOVREBBE ESSERE EFFETTUATO SOLTANTO DA UN OPERATORE SPECIALIZZATO IN RIFINITURA DEL GRANITO.

    A. Smerigliare il granito verso il basso fino a pareggiare il piano. Sfumare verso la superficie inalterata, come richiesto per evitare che il granito abbia un aspetto bombato. Utilizzare una smerigliatrice angolare ad acqua con dischi diamantati in successione di grana (da # 60 a # 3500) o abrasivi al carburo di silicio (grane 36-400).

    B. Lucidare fino ad armonizzarsi con il piano esistente di granito. Usare il composto lucidatura di ossido di alluminio senza acido con feltrino.

    ATTENZIONE: I COMPOSTI DI LUCIDATURA CONTENENTI ACIDO FLUORICO FINIRANNO PER INCIDERE LA SUPERFICIE DI GRANITO, CON UNA CONSEGUENTE RIDUZIONE DEL GLOSS.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0446514R – Rimozione di bitume dal granito

    RIMOZIONE DI BITUME DAL GRANITO

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla pulizia e la rimozione localizzata di bitume residuo dalle superfici di granito utilizzando una combinazione di metodi, tra cui ghiaccio secco, impacchi o abrasivo. Per indicazioni sulla pulizia generale di sporco superficiale su granito, vedere 04465-08-R.

    B. Un impacco di solito viene fatto aggiungendo un solvente o agente chimico di pulizia all’acqua e miscelato con un inerte per fare una pasta liscia.

    1. La pasta viene applicata sulla macchia con una cazzuola o una spatola.

    2. La parte liquida della pasta migra nella pietra dove scioglie alcuni dei materiali coloranti.

    3. Poi il liquido torna gradualmente indietro oltre la superficie della pietra e nell’impacco, da cui evapora, lasciando il suo carico di materiale colorante disciolto nell’impasto.

    4. Quando l’impacco è asciutto, viene raschiato e spazzolato via.

    C. La pulizia abrasiva ad umido della muratura in pietra comporta l’uso di una combinazione di aria, acqua e abrasivo applicato alla superficie di pietra con una pistola “wet-head” con getto singolo o multiplo.

    1. I metodi abrasivi ad umido sono da preferire rispetto ai metodi abrasivi a secco perché tendono ad essere meno duri sulla superficie di pietra. TUTTAVIA, LA PULIZIA ABRASIVA DEVE SEMPRE ESSERE ESEGUITA CON ATTENZIONE, IN QUANTO PUÒ ESSERE DANNOSA SIA PER LA PIETRA CHE PER L’OPERATORE SE LE TECNICHE OPERATIVE NON VENGONO VALUTATE CON ATTENZIONE PRIMA DI INIZIARE IL LAVORO.

    2. I fattori che devono essere considerati comprendono la pressione aria/acqua, dimensione dell’ugello e tipo, tipo di abrasivo, quantità di abrasivo, perizia dell’operatore, e supervisione del lavoro.

    3. Per chiarimenti per quanto riguarda i pericoli connessi all’uso di abrasivo su edifici storici, vedere 04510-05-S. Per le linee guida sull’uso di alta pressione attrezzature per la pulizia su muratura, vedere 04510-04-S.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Per Granito lucido:

    1. Anidride carbonica o ghiaccio secco

    2. Solvente come uno dei seguenti:

    Nafta

    -O-

    Ragia minerale:

    1. Un distillato di petrolio che viene utilizzato soprattutto come diluente per pitture e vernici.

    2 . Altri nomi chimici o comuni sono: Benzina*(non benzene); Nafta*; Etere di petrolio *; Nafta solvente*.

    3. Rischi potenziali: TOSSICI E INFIAMMABILI .

    4. Norme di sicurezza :

    a. EVITARE RIPETUTA O PROLUNGATO CONTATTO CON LA PELLE.

    b. Indossare sempre guanti di gomma quando si maneggiano ragie minerali.

    c . Se una sostanza chimica viene spruzzata sulla pelle, lavare immediatamente con acqua e sapone.

    5. Reperibile presso distributori di articoli per edilizia, negozi di ferramenta, negozi di vernici, o distributori di forniture per stampanti.

    -OR-

    Cloruro di metilene:

    NOTA : QUESTO PRODOTTO CHIMICO È VIETATO IN ALCUNI STATI COME LA CALIFORNIA. INFORMAZIONI SULLA REGOLAMENTAZIONE COME PURE SOSTANZE CHIMICHE ALTERNATIVE O EQUIVALENTI, POSSONO ESSERE RICHIESTE ALLA ENVIRONMENTAL PROTECTION AGENCY (EPA) UFFICIO REGIONALE E/O ALL’UFFICIO STATALE DI QUALITA’ AMBIENTALE.

    1. Altri nomi chimici o comuni includono: diclorometano; metilene cloruro .

    2. Potenziali pericoli : TOSSICO.

    3. Reperibile presso fornitori di sostanze chimiche, distributori di detergenti a secco, negozi di vernici, distributori di forniture fotografiche (non negozi di fotocamere) , o distributori di forniture per stampanti.

    -O-

    percloroetilene

    -O-

    Alcool etilico (C2H5OH):

    1. Altri nomi chimici o comuni sono: etanolo; Idrossido di etile; Alcol etilico; Metil carbinolo; Spiriti di Colonia *; Alcool da fermentazione *; alcol in gradazione *; alcol rettificato *; distillati di vino *.

    2. potenziali pericoli: INFIAMMABILE.

    3. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, negozi di ferramenta o negozi di liquori.

    4. Alcool denaturato, che non è gravato da tassa sui liquori, dovrebbe essere un sostituto soddisfacente alcol etilico per scopi di rimozione delle macchie.

    a. Alcool denaturato, non gravato da tassa su distillati, dovrebbe essere un sostituto soddisfacente dell’alcol etilico per scopi di rimozione macchie.

    -O-

    Acetone (C3H6O):

    1. Un chetone liquido volatile fragrante infiammabile utilizzato principalmente come solvente e nella sintesi organica.

    2. Altri nomi chimici o comuni sono: dimetilchetone; propanone

    3. Rischi potenziali: SOLVENTI VOLATILI ED INFIAMMABILI

    4. Reperibile presso fornitori di sostanze chimiche o negozi di ferramenta.

    -O-

    acetato di etile

    -O-

    Amile Acetato:

    a. Altri nomi chimici o comuni:  estere di amile acetato; Acetato di 1-pentanolo.

    b. Rischi potenziali: INFIAMMABILE.

    c. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, farmacie o distributori di forniture farmaceutiche, negozi di vernici o distributori di forniture fotografiche (non negozi di fotocamere).

    -O-

    Toluene (C7H8):

    1. Un idrocarburo aromatico liquido analogo al benzene ma è meno volatile, infiammabile e tossico ; Viene prodotto commercialmente da oli leggeri, da gas di cokeria e catrame di carbone e dal petrolio, ed è usato come solvente, in sintesi organica e come agente antidetonante per benzina .

    2. Altri nomi chimici o comuni includono Toluolo.

    3. Rischi potenziali : TOSSICI E INFIAMMABILI .

    4. Reperibile presso fornitori di sostanze chimiche, negozi di ferramenta, negozi di vernici o distributori di forniture per stampanti.

    -O-

    Xilene (C8H10):

    1. Miscela di tre idrocarburi tossici, infiammabili, oleosi, isomeri, aromatici che sono omologhi al di-metile di benzene e sono ottenuti da catrame di legno, catrame di carbone, o distillati di petrolio; anche una miscela di xileni e di etil-benzene utilizzato principalmente come solvente.

    2. Altri nomi chimici o comuni sono: Xilolo ; P-xilene ; 1,4-dimetilbenzene .

    3. Rischi potenziali: TOSSICI E INFIAMMABILI .

    4. Reperibile presso fornitori di sostanze chimiche, negozi di ferramenta, negozi di vernici o distributori di forniture per stampanti.

    -O-

    tricloroetilene:

    ATTENZIONE: TRICHLOROETHYLENE È ALTAMENTE TOSSICO E PUÒ REAGIRE CON ALCALI FORTI COME CALCESTRUZZO FRESCO FORMANDO GAS PERICOLOSI.

    1. Altri nomi chimici o comuni: tricloroetene, trielina.

    2. potenziali pericoli: TOSSICO.

    3. Reperibile presso distributori di forniture automotive, fornitori di sostanze chimiche(sia commerciali che scientifiche), distributori di forniture per lavanderie a secco, negozi di vernici, distributori di forniture fotografiche (non negozi di fotocamere), o distributori di forniture per stampanti.

    3. Materiale assorbente bianco (formatura in gesso, non trattata farina bianca, tessuto bianco, tovaglioli di carta, polvere di gesso, talco, gualchiere terra o lavanderia merlano).

    4. Acqua minerale

    5. Teli di plastica

    6. Salviette asciutte pulite per tamponare la zona dopo il trattamento

    B. Per Granito a superficie ruvida:

    1. Acqua pulita, potabile

    2. Sabbiatura a secco e sabbiatura ad acqua, Black Beauty Slag No. 8-10.

    3. Teli di plastica

    4. Salviette pulite per tamponare la zona dopo il trattamento

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Per Granito lucido:

    1. Spazzole di setole in fibra morbida

    2. Una spatola di legno o di plastica

    3. Contenitore di vetro o ceramica per miscelare la soluzione

    4. Utensile in legno per mescolare gli ingredienti

    5. Nastro adesivo per mascherature

    6. Spatola da stucco

    7. Martello

    B. Per Granito a superficie ruvida:

    1. Spazzole di setole in fibra morbida

    2. Una spatola di legno o di plastica

    3. Attrezzature a pressione per risciacquo con acqua (misura tra 100 e 400 psi per bassa pressione; tra 400 e 800 psi per media pressione).

    4. Ugelli tipo a ventaglio (ventaglio di 15 gradi)

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

     

    3.01   MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    NOTA: INIZIARE LA PULIZIA UTILIZZANDO IL METODO PIÙ DELICATO POSSIBILE.

    FARE TEST DI PULIZIA IN UNA ZONA PICCOLA PRIMA DI PULIRE AREE GRANDI PER DETERMINARE APPROPRIATI TEMPI DI SOSTA E NUMERO DI APPLICAZIONI NECESSARIE A RIMUOVERE ADEGUATAMENTE LE MACCHIE.

    A. Per Granito lucido:

    1. Raschiare maggior parte dei residui senza danneggiare la superficie della pietra , utilizzando una spatola di legno o plastica.

    2. Spruzzare il bitume con anidride carbonica o applicare ghiaccio secco per rendere il materiale fragile. ATTENZIONE: NON UTILIZZARE QUESTA PROCEDURA SU MURATURA BAGNATA.

    3. Allentare il bitume battendo con un piccolo martello.

    4. Usando una spatola, sollevare il bitume dalla superficie in granito.

    5. Rimuovere eventuali residui applicando un impacco contenente un solvente, testato per la sua idoneità al granito.

    a. Lavare accuratamente la zona da trattare con acqua minerale.

    b. Miscelare la soluzione liquida da utilizzare in un bicchiere o ciotola di ceramica.

    c. Bagnare accuratamente la superficie macchiata con questo liquido. Assicurati di bagnare bene oltre la macchia.

    d. Mescolare il liquido restante con il materiale assorbente bianco per formare una pasta della consistenza di farina d’avena o di torta glassa. (È necessario circa mezzo chilo di pasta per ogni metro quadrato di superficie da trattare).

    e. Utilizzando una spatola di legno o plastica, applicare l’impasto alla superficie macchiata in strati non più spessi di 5/6 mm. L’impacco deve estendersi bene oltre la macchia per evitare di spingere la macchia nella pietra già pulito.

    f. Controllare nello strato la presenza di sacche d’aria o vuoti.

    g. Coprire l’impacco con teli di plastica e sigillare con nastro adesivo.

    e. Lasciate in posa per 48 ore (se non diversamente specificato).

    f. Dopo il periodo stabilito, inumidire l’impacco con acqua minerale.

    g. Rimuovere l’impacco con una spatola legno o di plastica per evitare di graffiare la superficie.

    h. Anche in questo caso, sciacquare la zona pulita con acqua minerale, asciugare con salviette pulite e lasciare che la superficie si asciughi.

    i. Una volta che la superficie si è asciugata completamente, controllare il residuo rimanente e ripetere il trattamento se necessario.

    B.  Per Granito a superficie ruvida:

    1. Raschiare la maggior parte dei residui senza danneggiare pietra superficie, utilizzando una spatola di legno o plastica.

    2. Risciacquare la superficie di granito con attrezzature di risciacquo a pressione. Massima 1.000 PSI, 5-10 GPM, angolo del ventaglio 25°, non meno di 15 cm dalla superficie, con un angolo da 45 a 90° dalla superficie della parete.

    3. Sabbiatura ad umido a 400 PSI. Preparare dighe di sabbia per raccogliere il deflusso di pietrisco e sporco.

    4. Rimuovere il residuo che rimane applicando un impacco contenente un solvente, testato per la sua idoneità per il granito. Vedere da paragrafo 3.01 A.5.a. a paragrafo A.5.i. Sopra per guida.

    NOTA: LA PULIZIA ABRASIVA PER TOGLIERE BITUME PUÒ ESSERE ACCETTABILE SOLO PER USO SU GRANITO A SUPERFICIE RUVIDA – MAI SU GRANITO LUCIDO. L’APPROVAZIONE DELLA RHPO È RACCOMANDATA PRIMA DI USARE TECNICHE DI PULIZIA ABRASIVE SU MATERIALI IN MURATURA.

    FINE DELLA SEZIONE

     

  • 0446510R – Riparare scheggiature e piccoli fori nel granito

    RIPARARE SCHEGGIATURE E PICCOLI FORI NEL GRANITO

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla riparazione di piccoli scheggiature e fori nel granito. Questo può comprendere la riparazione di piccoli fori in granito lasciati dopo la rimozione di bulloni di metallo ed elementi di fissaggio dalla pietra.

    1.02 RIFERIMENTI

    A. American Society for Testing and Materials (ASTM),     www.astm.org

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Adesivo di resina poliestere colorato a due componenti da abbinare al granito esistente come “Akemi Transparent” knife grade (Akemi), o equivalente approvato; 15-30 minuti di lavorabilità a 21 °C; può essere applicato a temperature fino a 4 °C.

    B. Colorante permanente come richiesto, compatibile con l’adesivo, e come raccomandato dal produttore della colla.

    C. Acqua pulita, potabile

     

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Spazzole di setola rigida (fibra naturale o nylon setola)

    B. Recipiente di miscelazione in polietilene per mescolare gli adesivi e malta di riparazione

    C. Lama di rasoio

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

     

    3.01 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    A. Togliere lo sporco e detriti dal foro e superficie circostante della pietra con una spazzola a setole dure. Sciacquare con acqua pulita, acqua potabile se necessario e lasciare asciutto.

    B. Miscelare il materiale di riparazione seguendi le istruzioni e raccomandazioni del produttore. Mescolare il colorante con il mastice prima di aggiungere l’indurente. Le miscele devono essere sottoposte a test per determinare il colore finale dopo l’indurimento, per raggiungere la migliore corrispondenza di colore con la pietra circostante.

    C. Applicare il materiale di riparazione sulla pietra seguendo le istruzioni del produttore.

    D. Quando il materiale di riparazione diventa gommoso, rimuovere con attenzione il materiale in eccesso con una lama di rasoio. Rifinire la superficie riparata per abbinare alle superfici di pietra circostanti.

    E. Tutte le riparazioni classificate inaccettabili verranno rimosse e riempito come indicato dal Storica Regionale Ufficiale conservazione. Riparazioni inaccettabili sono quelle che mostrano distacco ai bordi e/o cavillature.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0446506R – Pulizia generale dei Graniti

    PULIZIA GENERALE DEI GRANITI

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione di sporco superficiale e inquinamento ambientale da graniti esterni.

    C. Per le precauzioni relative al lavaggio a pressione, vedere 04510-04-S.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

     

    2.01  PRODUTTORI

    A. Diedrich Technologies, Inc.

    www.diedrichtechnologies.com

    B. ProSoCo, Inc.

    www.prosoco.com

    2.02 MATERIALI

    A. Detergente commerciale per muratura con un acido al massimo al 4% di concentrazione, tensioattivi e agenti umidificanti come “Sure Klean Restoration Cleaner” – non diluito (ProSoCo, Inc.), o “Diedrich 101G Granite, Terracotta and Brick Cleaner”- diluito 1:4 da raggiungere un indice massimo del 4% di concentrazione (Diedrich Technologies, Inc.), o equivalenti approvati.

    B. Acqua pulita, potabile

    2.03 ATTREZZATURE

    A. Attrezzatura per risciacquo con acqua a pressione (misura tra i 100 e 400 psi per bassa pressione; tra 400 e 800 psi per media pressione).

    B. Ugelli tipo a ventaglio (ventaglio di 15 gradi)

    C. Spazzole a setole dure (non metalliche)

    D. Spatola di plastica

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    NOTA: DURANTE LA PULIZIA EVITARE L’ECCESSO DI PULIZIA. PUNTARE A CONSEGUIRE L’85% DI PULIZIA. I MAGGIORI DANNI SI VERIFICANO QUANDO SI TENTA DI PULIRE L’ULTIMO 15%.

    NOTA: FARE TEST DI PULIZIA DI UN’AREA PICCOLA PRIMA DI PULIRE GRANDI SUPERFICI.

    NOTA: NON TRATTARE LA SUPERFICIE CON DETERGENTE ACIDO PIU’ DI UNA VOLTA.

    A. Saturare il granito con acqua calda spruzzata a bassa pressione (tra 100 e 400 psi). Rimuovere escrementi di uccelli e detriti dal granito prima dell’applicazione di detergente acido per granito (cfr. 04510-02-R per istruzioni).

    B. Applicare il detergente a spruzzo in modo uniforme sulla superficie macchiata a 125 psi. o come raccomandato dal produttore, o applicare il detergente a pennello utilizzando una spazzola con setole di fibra morbida.

    C. Lasciare il detergente steso sulla superficie per 3-5 minuti o come raccomandato dal produttore.

    D. Lavare accuratamente la superficie con acqua pulita, chiara a media pressione (tra 400 e 800 psi). L’ugello deve essere tenuto 50/80 centimetri dalla superficie. La pietra deve risultare pulita, senza striature o macchie.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0446503R – Rimuovere macchie d’olio su granito

    RIMUOVERE MACCHIE D’OLIO SU GRANITO

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione macchie ostinate di olio e scolorimento in aree localizzate sulle superfici di granito.

    B. Per la guida su rimozione di altre macchie su granito, fare riferimento al seguente:

    1. Per macchie di ferro: vedere 04465-01-R.

    2. Per macchie di rame/bronzo: vedere 04465-02-R.

    C. Precauzioni sicurezza:

    1. NON conservare materiali non utilizzati per smacchiatura.

    2. NON conservare sostanze chimiche in contenitori non marcati.

    3. DEVE ESSERE FORNITA ECCELLENTE VENTILAZIONE OVUNQUE SI USI SOLVENTI. USARE RESPIRATORI CON FILTRI PER SOLVENTE.

    NOTA: ALCUNI DEI SOLVENTI MENZIONATI, SONO CONSIDERATI CANCEROGENI E PUÒ ESSERE VIETATO IN ALCUNI STATI.

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Per lavaggio a mano:

    1. Composto chimico detergente: acido fluoridrico(HF) e fosforico (H3PO4) in concentrazioni non superiori al 5% in peso su volume, con tensioattivi come alchilfenoli etossilati e alcol etossilato a concentrazione 1-2% in peso su volume.

    -O-

    2. Detergente per pulizie: detergente studiato per utilizzo su superfici murarie, esente da deleterie quantità di acidi, alcali e materiali organici, come raccomandato dal produttore per superfici murarie per lavori di pulizia accettabile.

    B. Materiali per nuove macchie di olio (applicazione impasto):

    1. Benzolo (C6H6):

    a. Un idrocarburo aromatico incolore, volatile, infiammabile, tossico, liquido usato in sintesi organica come solvente e come carburante.

    b. Altri nomi chimici o comuni: benzene; coal nafta *

    c. Rischi potenziali: INFIAMMABILE.

    d. Disponibile da fornitori per automotive, fornitori di sostanze chimiche, forniture per lavaggio a secco, negozi di ferramenta o negozi di vernici.

    e. Benzene e benzina non devono essere confusi. Il benzene è un composto chimico distinto ottenuta da catrame di carbone. Benzina è una miscela di idrocarburi aromatici con punti di ebollizione simili derivati dal petrolio.

    2. Calce idrata o polvere di marmo

    C. Materiali per l’utilizzo su machhie di olio di lino (impasti per applicazioni):

    1. Fosfato trisodico:

    NOTA: QUESTO PRODOTTO CHIMICO È VIETATO IN ALCUNI STATI COME LA CALIFORNIA. INFORMAZIONI SULLA REGOLAMENTAZIONE COME PURE I PRODOTTI CHIMICI ALTERNATIVI O EQUIVALENTI POSSONO ESSERE RICHIESTE ALLA L’ENVIRONMENTAL PROTECTION AGENCY (EPA) UFFICIO REGIONALE E / O L’UFFICIO DI STATO DELLA QUALITA’ AMBIENTALE.

    a. Materiali base-tipo detergente in polvere venduti sotto marchi.

    b. Altri nomi chimici o comuni: ortofosfato di sodio; Fosfato tribasico di sodio; Ortofosfato trisodico; TSP *; fosfato di soda *; (venduto anche sotto nome di marca).

    c. Potenziali rischi: CORROSIVO PER LA PELLE.

    d. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, drogherie o supermercati o negozi di ferramenta.

    2. perborato di sodio:

    a. Altri nomi chimici o comuni: Perborax*.

    b. Rischi potenziali: TOSSICO E INFIAMMABILE (QUANDO A CONTATTO CON SOLVENTI ORGANICI).

    c. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, drogherie o supermercati o negozi di ferramenta.

    3. Talco in polvere

    -O-

    4. sono anche disponibili impasti preparati di marca e devono essere utilizzati secondo le istruzioni pubblicate dal loro produttore.

    D. Acqua potabile, pulita

     

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Per applicazione impacchi:

    1. Contenitore di vetro o ceramica per miscelare la soluzione

    2. Utensile in legno per mescolare gli ingredienti

    B. Spatola di legno o plastica

    C. Spazzola a setole dure (non metalliche)

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 PREPARAZIONE

    A. Protezione:

    1. L’uso di spazzole metalliche, lana d’acciaio o abrasivo non sono strumenti di pulizia ammessi.

    2. Preparare adeguate soluzioni di lavaggio (per esempio acqua, sapone e salviette) prima di iniziare il lavoro.

    3.02 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    NOTA: NON PROVARE PIÙ DI UN TRATTAMENTO SU UNA DETERMINATA ZONA A MENO CHE I PRODOTTI CHIMICI UTILIZZATI DAL TRATTAMENTO PRECEDENTE NON SIANO STATI LAVATI VIA.

    A. Utilizzo di un composto brevettato di pulizia o di detergenti:

    1. Applicare detergenti chimici o detergenti per superfici macchiate seguendo le istruzioni del produttore.

    2. Strofinare la superficie a mano con una spazzola a setole rigide (non-metalliche). Iniziare dalla parte superiore della zona macchiata e lavorare verso il basso.

    3. Sciacquare accuratamente la superficie con acqua pulita, chiara e lasciare asciugare.

    4. Ripetere se necessario per raggiungere il livello desiderato di pulizia.

    B. Impacchi per Macchie di Olio Nuove:

    1. Lavare accuratamente la zona da trattare con acqua pulita, chiara.

    2. Mescolare una soluzione di benzolo in una ciotola di vetro o ceramica .

    3. Bagnare a fondo la zona macchiata con questa soluzione, avendo cura di coprire una zona ben al di là della macchia.

    4. Mescolare il liquido restante con calce idrata o polvere di marmo per formare una pasta della consistenza di farina d’avena o torta di glassa.

    5. Usando una spatola di legno o plastica, applicare la pasta su tutta l’area macchiata in strati di spessore non più di 5/6 mm. Estendere l’impasto ben oltre la macchia per evitare di spingere la macchia nella pietra già pulito.

    6. Lasciare asciugare (circa 48 ore).

    7. Dopo l’impacco ha fatto presa, inumidire con acqua minerale.

    8. Rimuovere l’impasto secco con raschietti di legno o spatole.

    9. Sciacquare accuratamente la zona con acqua pulita e chiara e lasciare asciugare.

    10. Controllare il residuo rimasto e ripetere il processose necessario, per ottenere il livello desiderato di pulizia.

    C. Impacco per Macchie di Olio di lino:

    1. Lavare accuratamente la zona da trattare con acqua pulita, chiara.

    2. Fare un impasto composto di una parte di fosfato trisodico, una parte di sodio perborato e 3 parti di talco in polvere, mescolato con una soluzione forte di sapone.

    3. Seguire i passaggi da 3 a 10 in 3.02 B. sopra.

    NOTA: il lavoro finito non deve presentare segni di macchie, graffi, striature o percorsi di scolorimento, danni da malta o altri simili difetti da uso di detergenti. Lasciare tutte le superfici murarie linde e pulite.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0446501R – Rimozione di macchie ferrose su granito

    RIMOZIONE DI MACCHIE FERROSE SU GRANITO

     

    PARTE 1 — GENERALE

     

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene una guida su come rimuovere le macchie ferrose da superfici in granito strofinando un detersivo o detergente, o tramite impacco con una sostanza chimica solvente.

    B. Per la guida alla pulizia di altre macchie localizzate su granito,fare riferimento ai seguenti:

    1. Per le macchie di rame/bronzo: vedere 04465-02-R.

    2. Per le macchie di olio: vedere 04465-03-R

    C. Precauzioni sicurezza:

    1. NON conservare materiali non utilizzati per smacchiatura.

    2. NON conservare le sostanze chimiche in contenitori non marcati.

    3.  DEVE ESSERE FORNITA ECCELLENTE VENTILAZIONE OVUNQUE SERVE UN QUALSIASI SOLVENTE. USARE RESPIRATORI CON FILTRI PER SOLVENTI.

    E. Per informazioni generali sulle caratteristiche, gli usi e problemi associati al granito, vedere 04465-01-S.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. per il lavaggio a mano:

    1. Composto chimico detergente: acido fluoridrico(HF) e fosforico (H3PO4) in concentrazioni non superiore a 5% in peso a volume, con tensioattivi come alchilfenoli etossilati e alcol etossilato a concentrazione 1-2% in peso su volume.

    -O-

    2. Detergente per pulizie: detergente studiato per l’uso su superfici murarie, esente da deleterie quantità di acidi, alcali e materiali organici, come raccomandato dal produttore per superfici murarie per lavori di pulizia accettabile.

    B. Per applicazione impacchi:

    1. Citrato di sodio ( simile al sale grosso):

    a. Altri nomi chimici o comuni: citrato di soda *

    b. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, farmacie o distributori di forniture farmaceutiche.

    2. Glicerolo (C3H8O3):

    a. Un alcol dolce sciropposo alcol triidrossi igroscopico solitamente ottenuto dalla saponificazione di grassi e usato soprattutto come solvente e plastificante.

    b. Altri nomi chimici o comuni: glicerina; Idrossido di glicerile; alcol Glycyle;1,2,3-propantriolo; Alcol propenil.

    c. Rischi potenziali: INFIAMMABILE.

    d. Reperibile fornitori di sostanze chimiche, farmacie o negozi di ferramenta.

    -O-

    3. sono anche disponibili preparati in pasta di marca e devono essere utilizzati secondo le istruzioni pubblicate dal loro produttore.

    C. Acqua pulita, potabile

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Per applicazione impacchi:

    1. Contenitore di vetro o ceramica per miscelare la soluzione

    2. Utensile in legno per mescolare gli ingredienti

    B. una spatola di plastica o legno

    C. spazzola a setole dure (non metalliche)

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

     

    3.01 PREPARAZIONE

    A. Protezione:

    1. L’uso di spazzole metalliche, lana d’acciaio o abrasivo non sono strumenti ammessi per la pulizia.

    2. Predisporre adeguate soluzioni di lavaggio (per esempio acqua, sapone e salviette) prima di iniziare il lavoro.

    3.02 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

     

    NOTA: NON PROVARE PIÙ DI UN TRATTAMENTO SU UNA DETERMINATA ZONA A MENO CHE I PRODOTTI CHIMICI UTILIZZATI NEL TRATTAMENTO PRECEDENTE SIANO STATI LAVATI VIA. 

    A. Strofinare le macchie ferrose (per le aree più grandi):

    1. Applicare detergenti chimici o detergenti per superficie macchiate seguendo le istruzioni del produttore.

    2. Strofinare la superficie a mano con una spazzola a setola rigida (non metallica). Iniziare nella parte superiore della zona macchiata e lavorare verso il basso.

    3. Sciacquare accuratamente la superficie con acqua pulita, chiara e lasciare asciugare.

    4. Ripetere se necessario per raggiungere il livello desiderato di pulizia.

    B. Applicazione di impacchi a macchie ferrose (per piccole aree localizzate):

    1. Mescolare una parte di sodio citrato in sei parti di acqua e mescolare con 7 parti di glicerina per formare una pasta spessa.

    2. Bagnare accuratamente la superficie del calcestruzzo da trattare con acqua pulita e chiara.

    3. Applicare la miscela alla zona macchiata con una spatola di legno o di plastica e lasciare asciugare. Assicurarsi di espandere l’impacco ben oltre la zona macchiata. La parte liquida della pasta migrerà nella pietra dove dissolverà alcuni dei materiali coloranti. Poi il liquido gradualmente tornerà indietro oltre la superficie della pietra e nell’impacco, dove evapora, lasciando disciolto il materiale di colorazione nell’impasto.

    4. Quando l’impacco si è asciugato, spazzolare o raschiare via con un raschietto di legno.

    5. Sciacquare accuratamente la zona con acqua pulita e chiara durante il lavaggio con una spazzola a setole dure e lasciare asciugare.

    6. Ripetere il processo se necessario fino a raggiungere il livello di pulizia desiderato.

    NOTA: il lavoro finito non deve presentare segni di macchie, graffi, striature o percorsi di scolorimento, danni da malta o altri simili difetti da uso di detergenti. Lasciare tutte le superfici murarie linde e pulite.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0451002R – Rimozione di escrementi di uccelli da murature di edifici

    RIMOZIONE ESCREMENTI DI UCCELLI DA EDIFICI IN MURATURA

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione di una piccola quantità di escrementi di uccelli da murature.

    ATTENZIONE: L’ESPOSIZIONE AD ACCUMULI DI ESCREMENTI DI PICCIONE E LA SUA POLVERE TRASPORTATA DALL’ARIA PUÒ PORTARE  MALATTIE POTENZIALMENTE FATALI DEI POLMONI E DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE, COME ISTOPLASMOSI E CRIPTOCOCCOSI. È IMPORTANTE SEGUIRE LE PRECAUZIONI DI SICUREZZA DELINEATE NEL PARAGRAFO 1.02 B. SOTTO, SE SI ESEGUE QUESTO TIPO DI LAVORO. RIVEDERE GLI AVVISI DI SICUREZZA DELLA SALUTE SU QUESTA MATERIA.

    B. Precauzioni di sicurezza:

    1. Tutto il personale deve indossare maschere (approvate da Istituto Nazionale sicurezza e salute – NIOSH) con un filtro ad alta efficienza ai particolati aerei (HEPA) per filtrare particelle di 0,3 micron. Maschere per polvere e particelle non sono appropriate.

    2. Devono essere utilizzati respiratori in conformità con gli attuali regolamenti OSHA e la politica GSA relative a questa condizione e il lavoro. Questo include fit-test di respiratori, manutenzione, formazione, requisiti di stoccaggio, lo smaltimento dei detriti, e altri argomenti rilevanti.

    3. Tutto il personale deve indossare tute di protezione, guanti, stivali e cappelli.

    4. Prima della rimozione, tutti escrementi devono essere saturati con acqua a bassa pressione per evitare che i detriti vengano dispersi in aria.

    5. Su strutture storiche, devono essere usati solo strumenti non metallici (come spatole e spazzole di plastica con setole di fibre naturali o di nylon, o equivalenti) per rimuovere gli escrementi.

    6. Gli escrementi rimossi devono essere raccolti in sacchetti di plastica, sigillati e smaltiti in una discarica sanitaria.

    7. Ogni lavoro dovrà essere eseguita dall’esterno dell’ edificio. Gli occupanti dell’edificio e il pubblico in generale devono essere tenuto lontani dal cantiere durante tutte le operazioni. È responsabilità del personale di pulizia fornire tutte le transenne, segnaletica, ecc necessarie per la protezione del pubblico.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Acqua pulita, fredda

    B. Agente chelante come EDTA (etilendiammina acido tetra-acetico)

    1. PER L’USO SU MURATURA ACIDO-SENSIBILE

    2. Le murature acido-sensibili comprendono calcare, marmo, arenaria calcarea, mattoni smaltati, mattoni di arenaria calcarea, terrecotte architettoniche, e granito lucido.

    C. Detergente acido contenente acido fluoridrico

    1. PER L’USO SU MURATURA NON ACIDO-SENSIBILE

    2. Le murature non-acido-sensibili comprendono arenaria, ardesia, granito, cotto smaltato, terra cotta smaltato e calcestruzzo.

     

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Spazzola a setole dure (non metalliche)

    B. Raschietto di legno

     

    C. Tubo da Giardino

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01  MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    ATTENZIONE: NON USARE CANDEGGINA PER RIMUOVERE ESCREMENTI DI UCCELLI. GLI ESCREMENTI DI UCCELLO CONTENGONO AMMONIACA, SE MESCOLATI A CANDEGGINA POSSONO FORMARE GAS TOSSICI.

    A. Rimuovere croste pesanti e stratificate risciacquando la zona interessata con acqua fredda tramite un tubo da giardino e spazzolando con spazzola a setole dure, non metalliche o raschiando con un raschietto di legno.

    NOTA: PER QUANTITÀ ECCESSIVE DI ESCREMENTI, APPLICARE ACQUA IN PRESSIONE A DISTANZA DI SICUREZZA E NON TENTARE LA RIMOZIONE TOTALE.

    B. Per il residuo che rimane, strofinare la superficie con una spazzola a setola rigida, non metallica, un detergente o agente chelante (per murature acido-sensibili) o detergente acido contenente acido fluoridrico (per murature non-acido-sensibili) e acqua pulita, chiara.

    C. Lasciare stazionare il detergente sulla superficie per circa 1 ora o come raccomandato dal produttore.

    D. Lavare accuratamente la superficie con acqua pulita, chiara e lasciare asciugare.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0450002R – Rimozione Sali-Efflorescenze da murature in mattoni e in pietra

    RIMOZIONE SALI/EFFLORESCENZE DA MURATURE IN MATTONI E IN PIETRA

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione di depositi di sali/efflorescenze da murature in mattoni e in pietra.

    B. L’efflorescenza è una condizione in cui depositi bianchi (sale) si formano sulla superficie della muratura. La formazione di sali di solito è un segno di eccessive quantità di umidità nella muratura. I depositi di sale sulla superficie muraria possono svilupparsi da:

    1. Composti solubili all’interno della muratura o nel suolo.

    a. In presenza di acqua, questi composti gradualmente migrano sulla superficie della parete, dove rimangono quando l’acqua evapora.

    b. Questi tipi di depositi superficiali sono acqua solubile e di solito possono essere rimosso mediante lavaggio della parete con acqua tramite una gomma da giardino integrata da strofinamento con una setola rigida pennello.

    2. Risciacquo improprio o insufficiente della muratura dopo pulizia chimica o ristilatura.

    3. La penetrazione di pioggia nella muratura attraverso i giunti di malta deteriorati ed altre rotture nell’involucro esterno (mancanza/rottura di gocciolatoio, espansione giunto impermeabilizzazione mancante, ecc.)

    4. Esposizione all’inquinamento atmosferico, che può comportare la formazione di spesse croste di solfato (sale) nella parte inferiore di modanature e cornicioni, zone non regolarmente lavate dalla pioggia.

    5. Movimento capillare di umidità attraverso la muratura, l’essiccazione di pareti associati con prove umido trattamento o l’eliminazione di un acque sotterranee sorgente può aumentare la quantità di sale o in prossimità la superficie della parete.

    C. Questi depositi non sono generalmente nocivi per l’edilizia, sono solo antiestetici. Tuttavia, essi devono essere lavati dalla superficie il più presto possibile. Alcuni depositi di sale sono idrosolubili solo per un breve periodo dopo che hanno raggiunto l’atmosfera. L’anidride carbonica nell’atmosfera col tempo converte questi sali in carbonati insolubili in acqua, che sono impossibili da rimuovere senza l’uso di acidi.

    NOTA: la rimozione di depositi di sale usando ACIDO non è descritto in questa procedura.

    1.02 CONDIZIONI PROGETTO / SITO

    A. Requisiti ambientali:

    1. Non fare il lavoro con acqua all’esterno quando l’aria la temperatura è inferiore a 4 gradi C.

    2. MAI iniziare la pulizia quando esista una probabilità di gelo o di congelamento.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Acqua pulita, potabile

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Gomma da giardino e ugello

    B. Spazzole a setole dure (non metalliche)

    C. Legno o raschietti di plastica

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 ESAME

    A. Prima di procedere con le fasi di rimozione delle efflorescenze, decidere in primo luogo la causa e l’entità del problema e fare le riparazioni come richiesto:

    1. Determinare l’età della struttura: k’efflorescenza su vecchi edifici è in genere causata dalla presenza di sali solubili nella costruzione combinata con l’umidità.

    2. Determinare la posizione delle efflorescenze: l’esame può mostrare dove l’acqua sta entrando.

    a. I cristalli di sale si stanno accumulando sui giunti o sui blocchi?

    b. Eventuali cambiamenti nella composizione della parete o nelle adiacenze possono farci capire che mostrerebbero l’origine del problema?

    3. Esaminare la condizione della muratura:

    a. ESAMINARE ATTENTAMENTE la parete per lacune aperte o crepe nei giunti e aperture circostanti che potrebbero consentire all’acqua di entrare nell’edificio.

    1) I giunti sono adeguatamente impermeabilizzati o sigillati?

    2) Scossaline e gocciolatoi sono in buone condizioni?

    3) Ci sono giunti di malta aperti o erosi nelle copertine o nei davanzali?

    b. Notare attentamente la condizione e il profilo dei giunti di malta.

    c. Riparare le crepe nella muratura e/o ristilare come necessario prima di procedere alle operazioni di pulizia.

    4. Esaminare sezioni di parete e particolari di costruzione:

    Esaminare attentamente giunture delle pareti e del tetto e i partocolari dei gocciolatoi per eventuali fonti di ingresso di umidità. Proiezioni orizzontali come cornici e elementi verticali, quali parapetti e camini sono aree di potenziale rischio.

    5. Esaminare rapporti di prova in laboratorio sui materiali:

    Il problema potrebbe derivare dalla composizione o uso improprio del materiale.

     

    3.02 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    A. Spazzolare a secco la superficie con un pennello a setola rigida (non metallica) o lavare con acqua pulita e chiara con una gomma da giardino flessibile, integrando con il lavaggio con una spazzola di setola rigida se necessario.

    B. Rimuovere le croste di solfati utilizzando un raschietto di legno pesante.

    C. Se le efflorescenze sono un problema persistente, può essere necessario ridurre il livello di sali solubili presenti all’interno della muratura. Due metodi di dissalazione della muratura sono descritti in 0450003-R. Fare riferimento a questa procedura per guida.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0446010R – Riparare con resina epossidiche le crepe nei Calcari

    RIPARARE CON RESINA EPOSSIDICHE LE CREPE NEI CALCARI

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    R. Questa procedura contiene indicazioni sulla riparazione di crepe nei calcari utilizzando una resina epossidica. Questo tipo di riparazione è adatto per crepe inattive non più larghe di 10 mm. di larghezza.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 PRODUTTORI

    A. Akemina    www.akemina.com

    B. Euclid Chemical Company  www.euclidchemical.com

    2.01 MATERIALI

    A. Adesivo a base epossidica per riparazione pietre: uno reperibile commercialmente, a due componenti, non sensibile all’umidità, alto modulo, bassa viscosità, resina epossidica formulato per penetrare in profondità nelle fessure sottitli delle murature, come “AKEPOX 1005 e 1006” (Akemina), “Eucopoxy Injection Resin”(Euclide Chemical Company), o equivalenti approvati.

    B. Singola Responsabilità: acquistare resina epossidica, indurente e solvente forniti da un unico produttore.

    C. Acetone (C3H6O) :

    1. Un chetone liquido volatile fragrante infiammabile utilizzato principalmente come solvente e nella sintesi organica e trovato anormalmente nelle urine.

    2. Altri nomi chimici o comuni sono: dimetilchetone; propanone

    3. Rischi potenziali: SOLVENTI VOLATILI ED INFIAMMABILI

    4. Reperibile fornitori di prodotti chimici per la casa o negozi di ferramenta.

    D. Polvere di calcare

    E. Acqua potabile, pulita

    2.03 ATTREZZATURE

    A. Siringa

    B. Spazzole a setole dure (non metallici)

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 PREPARAZIONE

    A. Protezione:

    1. Prendere tutte le precauzioni necessarie per proteggere l’edificio esistente da danni derivanti da questo intervento.

    2. Rimuovere immediatamente malta e componenti di riparazioni in contatto con la muratura a vista e altre superfici.

    3. L’uso improprio di prodotti chimici può costituire pericolo per la salute. Fare riferimento alle Schede Tecniche di Sicurezza del costruttore per i dati di pericolo, protezione speciale per l’uso e le precauzioni da adottare nella manipolazione e nello stoccaggio. Rispettare le raccomandazioni del costruttore per il corretto uso di sostanze chimiche.

    3.02 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    A. Pulire accuratamente polvere, sporco e detriti dalla crepa.

    B. Pulire le superfici da incollare con acetone e lasciare asciugare accuratamente.

    C. Miscelare accuratamente e completamente resina e indurente (2 minuti). Mescolare a bassa velocità per ridurre al minimo l’aria intrappolata. Miscelare l’adesivo epossidico per abbinarlo alla matrice cromatica del calcare adiacente con l’aggiunta di polvere colorata di calcare o pigmenti.

    D. Mascherare le superfici adiacenti alla crepa per evitare macchiature del calcare durante l’operazione di riparazione.

    E. Dopo la miscelazione, iniettare la resina epossidica nelle fessure con una siringa e lasciarla penetrare dentro. Continuare ad applicare materiale fino a quando la crepa è piena. Cospargere la polvere di calcare sull’adesivo epossidico per mascherare la crepa.

    F. Pulire gli strumenti e gli eventuali residui di nastro adesivo con acetone o solvente specificamente formulato per quel particolare prodotto utilizzato.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0440012R – Rimozione di Inquinamento industriale a base petrolio e macchie varie da Calcare e Marmo

    RIMOZIONE DI INQUINAMENTO INDUSTRIALE A BASE PETROLIO E MACCHIE VARIE DA CALCARE E MARMO

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione di macchie industriali da calcare e marmo tramite impacchi con un solvente chimico. Le macchie industriali comprendono fumo e fuliggine, grasso, olio, catrame, asfalto, cere, macchie di cibo e tracce delle mani.

    B. Le macchie industriali derivano dal contatto con materiali come olio combustibile, asfalto e catrame. Le macchie industriali che sono penetrate profondamente nella muratura non devono essere strofinate, ma devono sempre essere rimosse con un impacco.

    C. Alcuni solventi organici che possono essere efficaci nel rimuovere le macchie industriali comprendono: nafta, acquaragie minerali , idrocarburi clorurati (come il cloruro di metilene e percloroetilene), alcool etilico, acetone, acetato di etile, acetato di amile, toluene, xilene e tricloroetilene.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 PRODUTTORI
    A. La Procter & Gamble Co.
    www.pg.com

    2.02 MATERIALI

    A. Per le macchie di superficie :

    1. Candeggina non a base di sodio

    NOTA : Non usare candeggina su PIETRE di colore scuro, ciò causerebbe lo schiarimento della pietra.

    2. Ragia minerale:

    1. Un distillato di petrolio che viene utilizzato soprattutto come diluente di pitture e vernici.

    2. Altri nomi chimici o comuni sono: Benzina* (non benzene); Nafta*; Essenze minerali *; Nafta solvente*.

    3. Rischi potenziali : TOSSICI E INFIAMMABILI.

    4. Norme di sicurezza :

    a. EVITARE RIPETUTO O PROLUNGATO CONTATTO CON LA PELLE.

    b. Indossare sempre guanti di gomma quando si maneggia acquaragia minerale.

    c. Se una sostanza chimica viene spruzzata sulla pelle, lavare immediatamente con acqua e sapone.

    5. Reperibile presso distributori di articoli per costruzioni, negozi di ferramenta, negozi di vernici , o distributore di forniture per stampanti.

    B. Per fumo e fuliggine :

    1. Metile Cloroformio :

    a. Altri nomi chimici o comuni: 1,1,1 – triclorometano

    b . Rischi potenziali: TOSSICO

    IMPORTANTE: il metil cloroformio è spesso conosciuto come 1,1,1 – triclorometano. Ha proprietà solventi simili a tricloroetilene e tetracloruro di carbonio il cui utilizzo non è consigliato per motivi di sicurezza. Bisogna fare attenzione con il cloroformio metile anche se è molto meno pericoloso rispetto agli altri solventi chimici menzionati. Assicurare una buona ventilazione all’apparato respiratorio .

    c. Reperibile fornitori di sostanze chimiche .

    – O-

     

    Fosfato trisodico ( vedere paragrafo 2.02 C.1. Qui di seguito )

    C. Per grasso, olio, macchie di cibi o tracce di mani:

    1. Fosfato trisodico :

    NOTA: QUESTO PRODOTTO CHIMICO È VIETATO IN ALCUNI STATI COME LA CALIFORNIA. INFORMAZIONI SULLA REGOLAMENTAZIONE COME PURE ALTERNATIVE O EQUIVALENTI SOSTANZE CHIMICHE POSSONO ESSERE RICHIESTE ALLA ENVIRONMENTAL PROTECTION AGENCY ( EPA) UFFICIO REGIONALE E/O L’UFFICIO STATO DI QUALITÀ AMBIENTALE.

    a. Materiale di pulizia in polvere forte base-tipo venduto sotto marchi.

    b. Altri nomi chimici o comuni: sodio ortofosfato; Fosfato tribasico di sodio; Ortofosfato trisodico; TSP *; Fosfato di sodio *.

    c. Potenziali rischi : Corrosivo per la pelle.

    d. Reperibile dal fornitori di sostanze chimiche, negozi o supermercati o negozi di ferramenta.

    – E –

    2. Perborato di sodio :

    a. Altri nomi chimici o comuni: Perborax*.

    b. Potenziali pericoli: TOSSICO E INFIAMMABILE (QUANDO È A CONTATTO CON SOLVENTI ORGANICI).

    c . Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, farmacie o forniture farmaceutiche, drogherie o supermercati .

    – O-

    3. Acetone (C3H6O) :

    1. Un chetone liquido volatile fragrante infiammabile utilizzato principalmente come solvente e nella sintesi organica e trovato anormalmente nelle urine.

    2. Altri nomi chimici o comuni sono: dimetilchetone; propanone

    3. Rischi potenziali: SOLVENTI VOLATILI ED INFIAMMABILI

    4. Reperibile fornitori di prodotti chimici per la casa o negozi di ferramenta.

    – E –

    4. Acetato di n-amile:

    a. Altri nomi chimici o comuni includono amile estere acetico ; Acetato di 1 – pentanolo ; Olio Banana * ; Olio Pera * .

    b. Rischi potenziali: INFIAMMABILE.

    c. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, farmacie o distributore di forniture farmaceutiche, negozi di vernici o distributore di forniture fotografiche ( non negozi di fotocamere) .

    D. Eccipiente adatto come talco, gesso, argilla, batuffoli di cotone o flanella di cotone.

    E. Sapone liquido a pH neutro come “Joy” ( Procter & Gamble ) , o equivalente approvato.

    F. Acqua pulita, potabile

    2.03 ATTREZZATURE

    A. Gomma da giardino e ugello di spruzzo pneumatico

    B. Spazzole a setole dure (senza filo di ferro )

    C. Raschietti di legno, lame di coltello e spatole

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 MONTAGGIO / INSTALLAZIONE / APPLICAZIONE

    A. Rimuovere le macchie di superficie :

    1. Le macchie superficiali (o di superficie) possono essere rimosse strofinando delicatamente con una polvere abrasiva contenente candeggina (che non sia a base di sodio) o detergenti per la casa a base d’acqua privi di acidi e alcali.

    NOTA : L’uso di candeggina deve dipendere dal colore e il tipo di pietra.

    2. Spennellare con un’emulsione di acqua ragia minerale e risciacquare con acqua pulita e chiara.

    3. Lasciare asciugare.

    B. Rimozione di fumo e fuliggine :

    1. Sfregare la zona trattata con un sapone liquido a pH neutro .

    2. Le macchie più ostinate possono essere estratte dai pori della muratura con un impacco a base di cloroformio metile; un altro impacco adatto contiene fosfato trisodico e polvere candeggiante.
    Per la guida su applicazione impacchi, vedere 04455-02-R

    C. Rimozione di grasso, olio , macchie di cibo o tracce di mani:

    1. Strofinare accuratamente la superficie con sapone, sfregare polvere non abrasiva e fosfato trisodico per rimuovere i detriti in eccesso.

    2. Applicare un impacco di 1 parte di trisodio fosfato, perborato di sodio 1 parte e 3 parti di talco in una soluzione di detergente caldo a pH neutro in acqua. Un utile detergente caustico sgrassante alcalino di marca è disponibile per abbattere lo sporco grasso in superficie, in particolare sulle superfici esposte all’inquinamento da veicoli, e può essere usato con successo come preparazione preliminare per la pulizia con altri metodi. La rimozione accurata dalla superficie è essenziale. Per la guida su applicazione impacchi, vedere 04455-02 – R .

    – O-

    1. Mescolare 1 parte di acetone e 1 parte di acetato n-amile.

    2. Bagnare un batuffolo di cotone non intinto nella soluzione e posizionare la flanella sulla macchia (può anche essere usata argilla per formare un impacco).

    3. Mantenere la flanella o l’argilla sulla macchia per tre giorni sotto una sottile pellicola di plastica.

    4. Rimuovere l’impacco con spatole o raschietti di legno, e sciacquare completamente la superficie con acqua minerale.

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0440002R – Pulizia di Travertino scurito o scolorito

    PULIZIA DI TRAVERTINO SCURITO O SCOLORITO

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla pulizia di travertino scurito o scolorito.

    B. Il travertino scurisce naturalmente nel tempo. Il ferro fa una transazione nella pietra, quando è combinato con l’ossigeno, alla fine produrre un tono bruno-rossastro scuro.

    C. Il travertino può anche scurirsi per accumuli di particelle di sporco.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. detergenti contenenti sodio dodecil solfato e commercializzati per l’uso lavanderia casalinga, come detersivo “FAB” , o equivalente approvato.

    B. Ipoclorito di sodio (NaOCl):

    1. Un sale instabile prodotta solitamente in soluzione acquosa e utilizzato come agente sbiancante e disinfettante.

    2. Altri nomi chimici o comuni includono Soluzione candeggiante*; Candeggina *; candeggina da Lavanderia*; Soluzione di soda clorurata*.

    3. Rischi potenziali: Corrosivo sulla pelle.

    4. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche per casa, drogherie o supermercati, negozi di ferramenta o distributori forniture di pulizie.

    -O-

    Ipoclorito di Calcio (CaCl2O2):

    1. Una polvere bianca utilizzata soprattutto come agente sbiancante e disinfettante.

    2. Altri nomi comuni o chimici comprende clorurati di ossido di calcio; polvere sbiancante*; calcio oxymuriate *; Cloruro di calce *; clorurati di Calce*; Ipoclorito di calce *; Oxymuriate di calce *.

    3. Rischi potenziali: Corrosivo per la pelle; INFIAMMABILE (In caso di contatto con solventi organici).

    4. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, distributore di forniture pulitura a secco, farmacie o distributore di forniture farmaceutiche, distributore di forniture per pulizie, distributore di forniture per piscine, o distributore di forniture acqua e igienico-sanitari.

    C. Panni puliti, asciutti

    D. Acqua pulita, potabile

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Gomma da giardino

    B. Pennelli di setola rigida e/o tamponi in maglia acrilica

    C. Rulli per vernice (per grandi superfici)

    D. Spatole e/o aspiratore per liquidi.

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 PREPARAZIONE

    A. Preparazione della superficie: prova condotta su piccola area per determinare il tempo necessario per rimuovere lo sporco senza sovrapulire.

    3.02 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    NOTA: GLI EFFETTI DI TALE PROCEDURA SONO SOLO TEMPORANEI. LA PIETRA SCURIRÀ ANCORA, NEL TEMPO, DOVUTA AL RIFORMARSI DELL’OSSIDO DI FERRO SULLA SUPERFICIE DELLA PIETRA.

    ATTENZIONE: DETERGENTI ACIDI E ALCALINI INCIDERANNO IL TRAVERTINO E POSSONO INTRODURRE SALI SOLUBILI NEL MATERIALE POROSO.

    ATTENZIONE: I DETERGENTI CHE CONTENGONO CARBONATO DI SODIO O ACIDI FOSFATI SONO NOCIVI PER TRAVERTINO E POSSONO DANNEGGIARE LA SUPERFICIE.

    NOTA: DURANTE LA PULIZIA EVITARE DI SOVRAPULIRE. PUNTARE A CONSEGUIRE L’85% DI PULITO. I MAGGIORI DANNI SI VERIFICANO QUANDO SI TENTA DI PULIRE IL RIMANENTE 15%.

    NOTA: INIZIARE LA PULIZIA UTILIZZANDO IL METODO PIÙ DELICATO POSSIBILE. TESTARE LA PULIZIA IN UNA ZONA PICCOLA PRIMA DI PULIRE GRANDI AREE. TESTARE IN UNA POSIZIONE NON APPARISCENTE.

    A. Bagnare accuratamente la superficie da pulire.

    B. Applicare il detergente in una soluzione acquosa al 1-2%.

    1. Per le piccole aree, strofinare la superficie con spazzole di setola rigida e tamponi di maglia acrilica.

    2. Per grandi superfici, applicare con rulli da pittura e lasciare a riposare sulla superficie per il periodo di tempo determinati dal test precedente.

    C. lavare accuratamente la superficie con acqua pulita, chiara e lasciare asciugare. Per le applicazioni interne, contenere liquidi spatole aspiratore per liquidi.

    D. Se rimane qualcosa di sporco, sfregare con una soluzione 5-1/4% di ipoclorito di sodio o ipoclorito di calcio, o applicare panni imbevuti di candeggina.

    ATTENZIONE: BLEACH PUÒ IRRITARE LA PELLE E PUÒ CAUSARE VESCICHE A OCCHI E MUCOSE. È ANCHE TOSSICA SE INGERITO. LAVARSI ACCURATAMENTE LE MANI DOPO L’USO.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0446004R – Rimozione di sali solubili dai Calcari

    RIMOZIONE DI SALI SOLUBILI DAI CALCARI

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione di sali solubili dai calcari.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Acqua distillata

    B. Polpa di cellulosa realizzata facendo bollire carta assorbente di buona qualità con acqua distillata e battendo fino a completa disintegrazione e avviluppare le fibre di cellulosa per formare una polpa

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Spazzole a setole dure (non metalliche)

    B. Vuoto

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    A. Pulire la pietra da tutti i detriti, polvere, olio, cristalli di sale, ecc. spazzolando con una spazzola con setola di fibra rigida o aspirando.

    B. Bagnare la pietra accuratamente con acqua pulita, chiara appena prima ad applicare l’impacco.

    C. Applicare la pasta di carta umida (imbevuta di acqua distillata) alla pietra coprendola completamente e nascondendo tutti i vuoti e superfici.

    D. Mantenere la pasta in posizione per tre settimane o fino completa essiccazione e facile rimozione.

    E. Dopo aver rimosso accuratamente la polpa essiccata, spazzolare o aspirare per rimuovere tutti i cristalli di sale formatisi sulla superficie lapidea.

    F. Applicare polpa fresca come descritto nella Sezione da B a D sopra.

    G. Spazzolare o aspirare per rimuovere tutti i cristalli di sale formati sulla superfici lapidee.

    H. Se rimangono elevate concentrazioni di sali solubili nella pietra, ripetere le applicazioni degli impacchi.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0450003R – Rimozione di sali solubili all’interno di murature in mattoni e pietra

    RIMOZIONE DI SALI SOLUBILI ALL’INTERNO DI MURATURE IN MATTONI E PIETRA

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione di sali solubili all’interno di murature in mattoni e in pietra. Vengono descritti due metodi di rimozione del sale – o dissalazione – e comprendono l’applicazione di un impacco di argilla e la l’applicazione di un render sabbia: calce.

    B. La riduzione del contenuto di sale nella muratura può essere necessario se le effloresence (depositi di sale) sulla superficie diventa un problema persistente.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Stracci puliti di fibre naturali

    B. Materiali per impacco:

    1. Materiale eccipiente per impasto:  usare argilla assorbente o terra di diatomee (attapulgite o argilla di sepiolite).

    a. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche (sia commerciale e scientifiche), o distributori di forniture per piscine.

    2. Acqua distillata

    C. Materiali Render sacrificale:

    1. Grassello

    2. Sabbia

    D. acqua potabile, pulita

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Teli di plastica

    B. Attrezzatura per fare impacchi:

    1. Spatolone da gessatura o cazzuola grande

    2. Rete metallica zincata

    3. Punti metallici zincati

    4. Pinze

    5. Sacchi di plastica

    C. Attrezzatura Render sacrificale:

    1. Stuoia a rete

    2. Spatolone per stuccatura o cazzuola grande

    3. Seghetto

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    A. Applicazione di un impacco di Argilla:

    NOTA: QUESTO METODO DI DISSALAZIONE È ADATTA SU GRANDI AREE DI MURATURA CON DETTAGLI MINIMI, O SU MURATURA CON DETTAGLI SEMPLICI. PER DETTAGLI DELICATI O ZONE MOLTO DANNEGGIATE, QUESTO METODO DOVREBBE ESSERE ESEGUITO DA UN CONSERVATORE ADDESTRATO.

    ATTENZIONE: QUESTO METODO NON È ADATTO ALL’IMPIEGO QUANDO PRE-BAGNANDO LA SUPERFICIE POSSONO ESSERE INFLUENZATI NEGATIVAMENTE GESSO, VERNICI, O LEGNO INCORPORATO O METALLO.

     

    1. Saturare il muro per diversi giorni bagnandoli spruzzando areosol di acqua pulita e chiara.

    a. Nebulizzare acqua in modo uniforme su tutta la superficie muraria con 70 litri all’ora tramite irrigatori statici sottili montati su un braccio.

    b. La durata del tempo necessario per saturare completamente la parete dipenderà dal tipo di muratura, e la sua porosità (tipicamente 72 ore).

    ATTENZIONE: ASSICURARSI DI RACCOGLIERE IL RUSCELLAMENTO DELL’ACQUA E SCARICARE IN SICUREZZA LONTANO DALL’EDIFICIO DURANTE IL PROCESSO DI PULIZIA.

    2. Quando il muro è completamente saturo, mescolare il materiale eccipiente con acqua distillata fino a formare una morbida, pasta appiccicosa. Miscelare a mano o utilizzare un piccolo mescolatore meccanico. STARE ATTENTI AD AGGIUNGERE L’ARGILLA ALL’ ACQUA, NON IL CONTRARIO. L’AGGIUNTA DI ACQUA ALLA CRETA SI TRADURRÀ IN UNA MISCELA GRUMOSA, INUTILIZZABILE.

    3. Applicare l’impacco alla parete satura in un singolo strato (di spessore non superiore a 2/3 cm) con una spatola da stuccatore o cazzuola grande.

    NOTA: VERIFICARE CHE IL MURO SIA COMPLETAMENTE SATURO PRIMA DI APPLICARE L’IMPACCO PER EVITARE CHE RIDISTRIBUENDO IL SALI TORNINO NELLA MURATURA.

    4. Per aiutare a legare l’argilla alla superficie della parete, premere una rete metallica zincata leggera nell’impacco e inchiodarla con cura nei giunti con graffette zincate.

    5. Proteggere la zona trattata dal sole diretto o pioggia con teloni, se necessario.

    6. Lasciare che l’impacco rimanga in posa circa 1 mese. Come l’impacco asciuga, la creta eventualmente schiarirà di colore, creperà, si ritirerà e si staccherà dalla parete.

    7. Rimuovere i punti utilizzando pinze e arrotolare argilla e rete metallica.

    8. Portare a discarica i materiali in modo sicuro dal sito.

    9. Sciacquare accuratamente la superficie trattata con acqua pulita, chiara e lasciare asciugare.

    10. Ripetere il ciclo di bagnatura e impacco se necessario per ridurre i sali ad un livello accettabile; può essere richiesta la ristilatura alla fine del trattamento di dissalazione.

    -O-

    B. L’applicazione di un “sacrificial render” calce-sabbia:

    NOTA: QUESTO È UN METODO PIUTTOSTO LENTO DI DESALINIZZAZIONE DELLA MURATURA E PUÒ RICHIEDERE FINO A DIVERSI MESI PER PRODURRE RISULTATI EFFICACI.

    NOTA: QUESTO METODO È ADATTO PER L’USO SU AREE ESTESE DI MURATURA CON DETTAGLI MINIMALI, O SU MURATURA CON DETTAGLI SEMPLICI. PER I DETTAGLI DELICATI O ZONE FORTEMENTE DANNEGGIATE, QUESTO METODO DEVE ESSERE EFFETTUATO DA UN CONSERVATORE SPECIALIZZATO.

    ATTENZIONE: QUESTO METODO NON È ADATTO ALL’IMPIEGO QUANDO PRE-BAGNANDO LA SUPERFICIE POSSONO ESSERE INFLUENZATI NEGATIVAMENTE GESSO, PITTURE, O LEGNO INCORPORATO O METALLO.

    1. Saturare accuratamente la parete con acqua pulita, chiara.

    2. Mescolare 1 parte grassello di calce spento e vagliato con 4 parti di sabbia fine.

    3. Applicare il “sacrificial render” con almeno 12 mm di spessore su entrambi i lati della parete (se possibile) per un altezza di 5 cm sopra la zona di cristallizzazione/evaporazione del sale.

    4. Come la superficie di render comincia a irrigidirsi, irruvidire con il bordo a denti fini di una lama di seghetto. I sali del muro migreranno nel render. Come i sali cristallizzano, il render inizierà a sgretolarsi.

    5. Rimuovere completamente il render asciugato dalla superficie utilizzando una spazzola a setola dura (non metallica).

    6. Sciacquare accuratamente la superficie con acqua pulita, chiara e lasciare asciugare.

    7. Ripetere l’intero processo di applicazione se necessario per ottenere il livello di pulizia desiderato.

     

    3.02 REGOLAZIONE / PULIZIA

    A. Al termine dei lavori di pulizia della muratura, pulire vetri di finestre e superfici adiacenti schizzate.

     

    FINE DELLA SEZIONE

     

    SACRIFICIAL RENDER
    Un “sacrificial render” è una miscela render volutamente debole, diciamo 3 o 4 parti di sabbia per 1 di calce. Può essere aggiunta una piccola quantità di cemento Portland se la parete in questione è esposta alle intemperie, questo applicato alla parete in muratura porterà il sale dalla parete dentro il “sacrificial render”, proteggendo così la parete originale da ulteriori danni salini.
  • materiali artificiali per piani cucina e bagno

    DuPont™ Corian®

    Si tratta di un materiale composito formato da 2/3 di idrossido di alluminio (triidrato) e 1/3 di resina acrilica(polimetilmetacrilato) con aggiunta eventuale di pigmenti colorati. Il Corian è resistente alla luce diretta del sole e il suo colore si mantiene sostanzialmente immutato nel tempo. Resiste bene alle normali sollecitazioni. È resistente al calore (se a diretto contatto, solo per pochi istanti). È un materiale traslucente ovvero una parte della luce attraversa il materiale. (WIKIPEDIA)

    QUARZO

    OKITE®   combinazione di quarzo, resina poliestere e pigmenti naturali ; composto fino al 93% di quarzo. Resistente alle macchie, al calore e ai graffi, non poroso, facile da pulire, non richiede particolare manutenzione. Non assorbe liquidi e ha un ottimo livello di protezione da olio, caffè, vino, bevande gassose e da molti altri prodotti di uso quotidiano. E’ certificato come prodotto sicuro ed igienico, idoneo per le zone di preparazione degli alimenti. La sua superficie, totalmente non porosa, impedisce l’assorbimento dell’umidità o di cibi, non richiede l’uso di agenti chimici protettivi ed è quindi sicuro per tutta la famiglia. (DAL SITO UFFICIALE)

    Stone Italiana chiama base quarzo la produzione caratterizzata dalla presenza nell’impasto di inerti di natura silicea nella percentuale del 93% circa, siano essi sabbie o quarzi. Da anni si sono prodotti centinaia di migliaia di metri quadri di materiale a base quarzo, che ha permesso di ottenere grandi formati, fino a 140×305 in spessori sempre più bassi. Oltre ai colori e alle textures innovativi, infatti, la dimensione permette notevoli opportunità di applicazione senza stretti vincoli dimensionali ma soprattutto sono le caratteristiche prestazionali che distinguono il prodotto: resistenza alle aggressioni di acidi, all’abrasione, all’usura Per questi motivi i quarzo è sempre più scelto per superfici soggette a grande calpestio, per i piani cucina, i top per bagno e per tutte le lavorazioni speciali. (DAL SITO UFFICIALE)

    Silestone è composto per il 94% da quarzo naturale, un materiale dotato di straordinarie caratteristiche quali durezza e resistenza. È il primo e unico piano top in quarzo con protezione batteristaticha, capace di garantire un livello d’igiene unico sul mercato. È una superficie eccellente per top cucina, bagni, pavimenti e rivestimenti per pareti con un ridottissimo numero di giunti grazie ai suoi grandi formati.  (DAL SITO UFFICIALE)

     

    GRES PORCELLANATO

    KERLITE

     

  • 0446511R – Riattaccare graniti allentati o scheggiati

    RIATTACCARE GRANITO ALLENTATO O SCHEGGIATO

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni su come riattaccare il granito allentato o scheggiato che sia riutilizzabile e non troppo danneggiato. Questa procedura può non essere fattibile per pezzi sottili e friabili derivanti da esfoliazione.
    IN LINEA DI MASSIMA TALE PROCEDURA DOVREBBE ESSERE ESEGUITA DA UN OPERATORE ESPERTO.

    1.02 RIFERIMENTI

    A. American Society for Testing and Materials (ASTM),
    www.astm.org

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Adesivo di resina poliestere a 2 componenti colorato per essere abbinato al granito esistente: 15-30 minuti di lavorabilità a 20 gradi; può essere applicato a temperature fino a 4 gradi.

    B. Colorante permanente come richiesto, compatibile con l’adesivo, e come raccomandato dal produttore della colla.

    C. Barre di acciaio inossidabile per rinforzo: diametro barre filettate 6 mm, lunghezza come necessario.

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Spazzole a setole dure (fibra naturale o nylon)

    B. Recipiente di miscelazione in polietilene per mescolare gli adesivi e malta per riparare
    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    A. Rimuovere accuratamente tutti i frammenti sciolti di pietra. Conservare tutti i pezzi in buone condizioni per il riutilizzo.

    B. Pulire gli ancoraggi metallici esposti. Rimuovere la corrosione raschiando con spazzola a setole di filo rigido.

    C. Rimuovere gli ancoraggi metallici malsani e sostituirli con nuovi ancoraggi in acciaio inox di dimensioni e forma simile. Sistemare le ancore nello stucco epossidico.

    D. Rimuovere polvere e detriti dalla pietra della costruzione e dai frammenti utilizzando un pennello a setole dure.

    E. Per i piccoli frammenti (15 cm cubi o minori):

    1. Rivestire il substrato della pietra esposta con l’adesivo. Verificare di coprire l’intera superficie e riempire tutti i vuoti. La miscela adesiva colorata deve essere pre-testata per determinare corrispondenza del colore dopo l’essiccazione.

    2. Mentre l’adesivo è ancora appiccicoso, sistemare i frammenti di pietra al loro posto. Impedire ai frammenti di muoversi fino a quando l’adesivo non è completamente indurito.

    3. Pulire eventuali residui di adesivo dalla superficie di pietra con acqua e spazzola a setole dure. Bagnare la pietra e colmare eventuali scheggiature con stucco. Livellare la superficie con la pietra circostante.

     F. Per i grandi frammenti (più di 15x15x15 cm ):

    1. Seguire le procedure di cui sopra in E..

    2. Dopo l’indurimento dell’adesivo, ancorare i frammenti con barre in acciaio inox lisce da 6 mm.

    a. Trapanare fori da 6 mm con inclinazione di 45 gradi verso il basso attraverso la faccia del frammento di pietra appena installato. I fori devono penetrare almeno 5 cm nella pietra di supporto e 5 cm nel frammento e si deve lasciare la barra distante di almeno 2 cm dalla faccia della pietra.

    b. Spaziare le barre di ancoraggio da 7 a 12 cm tra loro e non meno di 5 cm da qualsiasi spigolo.

    3. Pulire eventuali residui di adesivo dalla superficie di pietra con acqua e una spazzola a setole dure. Bagnare la pietra e riempire i fori delle barre con stucco. Livellare la superficie con la pietra circostante.

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0451003R – Pulizia di murature con trattamento di fluoruro ammonio

    PULIZIA DI MURATURE CON TRATTAMENTO DI FLUORURO DI AMMONIO

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    R. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione dello sporco da muratura tramite impacchi con impasto di fluoruro di ammonio.

    B. Precauzioni di sicurezza:

    vedere  NOTA GENERALE

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Ammonio fluoruro:

    ATTENZIONE: usare estrema cautela con questo materiale.

    1. Altri nomi chimici o comuni: Ammonio bifluoruro; Ammonio Idrogeno di-Fluoruro.

    2. POTENZIALI PERICOLI: TOSSICO; CORROSIVO PER LA PELLE; CORROSIVO PER CALCESTRUZZO, ACCIAIO, LEGNO O VETRO; INFIAMMABILE.

    3. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche o di prodotti lattiero-caseari.

    B. Materiale bianco assorbente come gesso per stampi, farina bianca grezza, polvere di gesso, talco, terra di Fullers, ecc

    C. Acqua minerale

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Ciotola di vetro o di ceramica per mescolare gli ingredienti

    B. Utensile in legno per mescolare gli ingredienti

    C. Legno o spatola di plastica

    D. Pennelli – uno pennello da stencil fine e una spazzola di setola naturale

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 PREPARAZIONE

    A. Protezione: Preparare soluzioni di lavaggio adeguate (ad esempio acqua, sapone e salviette) prima di iniziare il lavoro.

    3.02 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    NOTA: NON PROVARE PIÙ DI UN TRATTAMENTO SU UNA DETERMINATA ZONA A MENO CHE I PRODOTTI CHIMICI UTILIZZATI DAL TRATTAMENTO PRECEDENTE SONO STATI LAVATI VIA.

    A. Miscelare il Fluoruro di Ammonio con uno dei materiali bianco assorbente elencati nella Sezione 2.02 per formare uno spesso impasto.

    B. Bagnare accuratamente la superficie da trattare con acqua minerale.

    C. Applicare la pasta con un pennello da stencil fine (assicuratevi di

    eliminare eventuali sacche d’aria o vuoti creati nella applicazione).

    D. Lasciare la pasta a seccare per 20 minuti.

    E. Rimuovere delicatamente la pasta con una spatola legno o di plastica , o una spazzola di setole naturali rigide.

    F. Lavare accuratamente la superficie con acqua minerale pulita, fredda e lasciare asciugare.

    G. Ripetere se necessario per raggiungere il livello desiderato di pulizia.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0420002R – Rimozione della crescita biologica da muratura e stucco esterni

    RIMOZIONE DELLA CRESCITA BIOLOGICA DA MURATURA E STUCCO ESTERNI

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura include indicazioni sulla rimozione biologica crescita quali licheni, alghe, muffe e funghi da

    in muratura e stucco.

    B. Crescite biologiche come licheni, alghe, muschi e funghi

    cresce su pareti in muratura è di solito un’indicazione che

    c’è eccesso di umidità in o intorno alla muratura. queste

    crescite devono essere rimossi, in quanto attirano l’umidità a

    la superficie muratura e tenerlo, che può portare a

    problemi più seri. Licheni e muschi, in particolare,

    produrre acido ossalico che può danneggiare alcuni tipi di

    muratura storica.

     

    C. Vedere 01100-07-S per le linee guida generali del progetto di essere

    rivisto insieme a questa procedura. queste linee guida

    coprire le seguenti sezioni:

     

    1. Precauzioni di sicurezza

     

    2. Strutture storiche Precauzioni

     

    3. Submittals

     

    4. Quality Assurance

     

    5. Consegna, stoccaggio e manipolazione

     

    6. Condizioni progetto / sito

     

    7. Sequencing and Scheduling

     

    8. Protezione generale (superficie e dintorni)

     

    Queste linee guida dovrebbero essere esaminate prima di eseguire

    questa procedura e dovrebbe essere seguita, se del caso,

    insieme con le raccomandazioni dalla Historic regionale

    Preservation Officer (RHPO).

     

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

     

    2.01 ERS MANIFATTURIERE

     

    A. ProSoCo, Inc.

    P.O. box 1578

    Kansas City, KS 66117

    913/281-2700

     

    2.02 MATERIALI

     

    A. Per Rimozione della muffa e muffa:

     

    1. Ammoniaca non sudsing o in uno dei seguenti

    candeggianti:

     

    ATTENZIONE: Non mescolare l’ammoniaca con candeggine clorate, A GAS VELENOSI COMPORTA! Non usare candeggina ON escrementi di uccelli.

     

    Ipoclorito di sodio (NaOCl):

     

    un. Un sale instabile prodotta solitamente acquosa

    soluzione e utilizzato come sbiancante e

    disinfettante.

     

    b. Altri nomi chimici o comuni includono

    Candeggio *; Candeggina *;

    Lavanderia candeggina *; Soluzione di cloro soda *.

     

    c. Potenziali rischi: Corrosivo per carne.

     

    d. Disponibile a partire dal chimico casa di alimentazione, drogheria

    negozio o supermercato, negozio di ferramenta o

    distributore di forniture pulizie.

     

    -OR-

     

    Perossido di idrogeno (H202):

     

    un. Un composto instabile utilizzata soprattutto come

    ossidante e agente sbiancante, un antisettico,

    e un propellente.

     

    b. Altri nomi chimici o comuni includono

    Perossido di idrogeno *; Soluzione di idrogeno

    biossido *; Superoxol *; (perossido di idrogeno è

    diffuso come una soluzione al 3%; Superoxol è un

    Soluzione al 30%; Superoxol provoca ustioni carne; 3%

    perossido di idrogeno non).

     

    c. Potenziali pericoli: TOSSICO (se concentrato);

    CORROSIVO alla carne; INFIAMMABILE (in alto

    concentrazione).

     

    d. Disponibile da casa approvvigionamento delle sostanze chimiche,

    parafarmacia, distributore di forniture farmaceutiche,

    o negozio di ferramenta.

     

    -OR-

     

    Calcio ipoclorito (CaCl2O2):

     

    un. Una polvere bianca utilizzata soprattutto come sbiancante

    agente e disinfettante.

     

    b. Altri nomi chimici o comuni includono

    Ossido di calcio clorurati; Sbianca in polvere *;

    Calcio oxymuriate *; Cloruro di calce *;

    Calce clorurati *; Ipoclorito di calce *;

    Oxymuriate di calce *.

     

    c. Potenziali rischi: Corrosivo per carne;

    INFIAMMABILE (QUANDO IN CONTATTO CON ORGANICO

    SOLVENTI).

     

    d. Disponibile da casa approvvigionamento delle sostanze chimiche, a secco pulizia distributore di forniture, farmacia o

    distributore di forniture farmaceutiche, pulizie

    distributore di forniture, nuoto fornitura piscina

    distributore, o acqua e servizi igienico-sanitari di fornitura

    distributore.

     

    -OR-

     

    Cloramina-T: cloramina è una delle varie

    composti contenenti azoto e cloro.

     

    . 2 Fosfato trisodico:

     

    NOTA: Questo prodotto chimico è vietato in alcuni stati come

    AS CALIFORNIA. INFORMAZIONI SULLA REGOLAMENTAZIONE COME PURE PRODOTTI CHIMICI alternative o equivalente possono essere RICHIESTO DALLA l’Environmental Protection Agency (EPA) UFFICIO REGIONALE E / O L’UFFICIO DI STATO QUALITA ‘AMBIENTALE.

     

    un. Forte base-tipo di materiale di pulizia in polvere

    venduti sotto marchi.

     

    b. Altri nomi chimici o comuni includono sodio

    ortofosfati; Fosfato tribasico di sodio;

    Ortofosfato trisodico; TSP *; fosfato di

    soda *; (venduto anche con marchi come).

     

    c. Potenziali rischi: Corrosivo per carne.

     

    d. Disponibile a partire dal chimico casa di alimentazione, drogheria

    negozio o supermercato o negozio di ferramenta.

     

    3. Detersivo in polvere come “Tide” o approvati

    uguali.

     

    B. cleaner proprietari come “Calcare Restauratore”

    (ProSoCo, Inc.), o approvato uguali.

     

    C. pulita, acqua potabile

     

    2.03 ATTREZZATURE

     

    Tubo A. Giardino e ugello

     

    B. gomma o un secchio in polietilene (NON USARE un secchio di metallo QUANTO possono reagire con il detergenti chimici e produrre FUMI TOSSICI)

     

    C. Vetro o ciotola di ceramica

     

    D. Coltello lama

     

    E. Stiff, spazzole di setole naturali (non metallici)

     

    Spazzola F. Tampico, rullo o bassa pressione (50 psi massimo)

    spruzzare come pneumatico da giardino spruzzatore

     

    Guanti di gomma G.

     

    Occhiali H. sicurezza

     

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

     

    3.01 ESAME

     

    A. Determinare l’origine di umidità eccessiva, cioè perde

    pluviale, acqua stagnante, tetto sbalzo, la vegetazione,

    ecc, ed effettuare le riparazioni necessarie prima di continuare

    con questo compito.

     

    B. Determinare il tipo di macchia, cioè alghe e licheni, o

    muffe e funghi.

     

    3.02 PREPARAZIONE

     

    A. Protezione:

     

    1. Fornire adeguate soluzioni di lavaggio (per esempio acqua, sapone e asciugamani) prima di iniziare il lavoro.

     

    2. Non spruzzare nelle immediate vicinanze di

    persone non adeguatamente protette e animali.

     

    3.03 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

     

    NOTA: NON provare più di un trattamento su una determinata zona

    A MENO CHE I prodotti chimici utilizzati dal trattamento precedente sono stati

    Lavato via.

     

    A. Rimozione di licheni e alghe (SOLO):

     

    1. Rimuovere la crescita delle piante, per quanto possibile utilizzando un lama del coltello e pennello a setole dure.

     

    2. Water risciacquare la superficie per rimuovere la maggior parte della pianta

    materiale.

     

    un. Se il substrato è sana e denso, utilizzare bassa

    a media pressione dell’acqua (100-400 psi).

     

    b. Se la muratura è più morbido, usare acqua di serie

    pressione dal rubinetto.

     

    3. Lasciare l’acqua in ammollo la crescita delle piante per circa

    30 minuti.

     

    4. Pulire delicatamente la superficie con una rigida, naturale

    setola.

     

    5. Sciacquare accuratamente la superficie di nuovo con acqua pulita,

    acqua chiara a bassa pressione da un tubo da giardino.

     

    NOTA: NON usare prodotti chimici senza aver prima consultato

    CON RHPO.

     

    B. Rimozione di muffe e funghi (SOLO):

     

    ATTENZIONE: Non mescolare l’ammoniaca con DECOLORANTI cloro, un

    GAS VELENOSI COMPORTA!

     

    . 1 Mescolare il seguente:

     

    3 once (2/3 di tazza) fosfato trisodico (TSP) più pulita

    1 oncia (1/3 di tazza) di detersivo in polvere (ossia Tide)

    1 qt. 5% di ipoclorito di sodio candeggina (lavanderia

    candeggina)

    3 qts. acqua calda

     

    -OR-

     

    Di ammoniaca 1 parte con 3 parti di acqua

     

    2. Applicare la soluzione sulla zona interessata e scrub

    con una spazzola di setole naturali di media durezza. Tenere il

    superficie satura fino a quando la macchia è sbiancato,

     

    ATTENZIONE: assicuratevi di indossare guanti di gomma e SICUREZZA Occhiali quando l’applicazione della soluzione.

     

    3. Sciacquare accuratamente la superficie con pulito, chiaro

    acqua da un tubo da giardino e lasciare asciugare.

     

    4. Ripetere il processo necessario per raggiungere l’

    livello di pulizia desiderato.

     

    -OR-

     

    C. Per il trattamento di una di queste (licheni, alghe, muffe o

    muffa), provare a utilizzare un detergente proprietario come

    Calcare Restauratore (ProSoCo, Inc.), o approvato uguali.

     

    1. Aggiungere 1 parte di Limestone Rinnovatore a 3 parti di acqua e

    mescolare in un secchio di gomma o polietilene.

     

    2. Applicare uno strato diluvio di questa miscela alla muratura

    utilizzando uno spray a bassa pressione (circa 50 psi).

     

    ATTENZIONE: NON USARE UNA PRESSIONE SPRAY alto quando Applicando questa soluzione in quanto ciò potrebbe causare la SOLUZIONE essere guidato più in profondità i pori della

    MURATURA, rendendo la rimozione DELLA SOLUZIONE DIFFICILE.

     

     

    un. Iniziare spruzzatura in cima alla verticale

    superficie e spostare tutta in orizzontale. consentire

    100 millimetri fatiscente.

     

    b. Continuare il prossimo passaggio orizzontale attraverso la

    precedente corsa verso il basso.

     

    c. Lasciare che la soluzione di rimanere sulla superficie

    circa 5-30 minuti a seconda della

    spessore della crescita.

     

    d. Pulire delicatamente la superficie con una rigida, naturale

    setola.

     

    e. Sciacquare accuratamente la zona trattata con

    acqua-applicata pressione (circa 400 a

    1500 psi), con un ventaglio 40-60 gradi o

    tubo da giardino con ugello regolato per una stretta

    ruscello. Risciacquare dal fondo del trattato

    zona all’inizio.

     

    f. Lasciare asciugare la superficie un minimo di 24

    ore.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • RISCHI E AVVERTENZE GENERALI

    Informazioni e precauzioni generali quando si usano impacchi a base di solventi.

    1. Rischi per la salute connessi all’utilizzo improprio di solventi organici .

    a. Il benzene è una sostanza cancerogena.

    b. Il Cloruro di metilene è pericoloso per le persone con problemi cardiaci.

    c. Il Tetracloruro di carbonio può causare insufficienza epatica o renale.

    d. Il Metil idrato può causare intossicazione seguita da cecità o addirittura la morte.

    e. L’Acetone non deve mai essere utilizzato in ambienti chiusi. L’ambiente deve essere ben ventilato ed evitare fiamme e scintille in quanto è una sostanza altamente infiammabile.

     2. Il costo dei solventi organici è elevato rispetto ad altri metodi di pulizia.

    NOTA: I prodotti chimici spesso vengono venduti con un nome comune. Di solito ciò significa che la sostanza non è pura come quando la stessa sostanza chimica viene venduta con il suo nome chimico. Il grado di purezza delle sostanze con un nome comune, tuttavia, è di solito sufficiente per il lavoro rimozione delle macchie, ed è consigliato acquistare questi prodotti quando sono disponibili, in quanto in genere sono meno costosi. Nelle schede i nomi comuni vengono indicati affiancati da un asterisco ( * ) .

    3. Quando si usano solventi organici c’è il pericolo di diffondere la macchia nelle zone adiacenti.  Queste zone devono essere adeguatamente protette e i detergenti da applicare sulla macchia devono essere somministrati partendo dal basso della macchia e lavorando verso l’alto per evitare ulteriori macchiature. 4. Non utilizzare sulla pietra solventi contenenti sostanze colorate o oleose.

    Evitare questi solventi:  trementina,  kerosene e benzina con piombo

    NOTA GENERALE LA PULIZIA O LA RIMOZIONE DI MACCHIE DALLE PIETRE PUÒ COMPORTARE L’USO DI LIQUIDI, DETERGENTI O SOLVENTI CHE POSSONO SCORRERE SUI MATERIALI ADIACENTI, POSSONO SCOLORIRE LA PIETRA O TRASPORTARE LE MACCHIE PIÙ IN PROFONDITÀ  (NEL CASO DI PIETRE POROSE). PERCIÒ NELL’USARE PRODOTTI E TECNICHE SEGUIRE ACCURATAMENTE LE PROCEDURE APPOSITAMENTE STUDIATE PER IL TIPO DI PIETRA OGGETTO DELL’INTERVENTO.

    RACCOMANDAZIONI E PRECAUZIONI DI SICUREZZA:

    1. NON conservare i residui inutilizzati dei materiali rimossi della macchia. 2. NON conservare nessuna sostanza chimica in contenitori non etichettati. 3. Si deve fare una eccellente ventilazione dove viene utilizzato del solvente. 4. Ogni volta che si usa acido, la superficie deve essere risciacquata con acqua, non appena la sua azione è stata sufficiente. Altrimenti l’acido continuerà a incidere la pietra, anche se la macchia è sparita.

  • RISKS AND GENERAL WARNINGS

     

    1. Health hazards associated with the improper utilization of organic solvents.

    a. Benzene is a carcinogen.

    b. Methylene chloride is dangerous to people with heart problems.

    c. Carbon tetrachloride may cause liver or kidney failure.

    d. Methylhydrate may cause intoxication followed by blindness or even death.

    e. Acetone should never be used in a closed area. The work place should be well ventilated and away from flames and sparks as it is a highly flammable substance.

     

  • 0440003R-Rattoppare con malta i fori nella muratura in pietra

    RATTOPPARE CON MALTA I FORI NELLA MURATURA IN PIETRA

     

     

    PARTE 1 — GENERALE

     

    1.01 SOMMARIO 

  • 0440003P-Rimuovere lo sporco dalla muratura in pietra con il metodo dell’ammollo

    RIMUOVERE LO SPORCO DALLA MURATURA IN PIETRA CON IL METODO DELL’AMMOLLO

     

     

    PARTE 1 — GENERALE

     

    1.01 SOMMARIO 

  • 0440002P-Rimuovere lo sporco dalla muratura in pietra con la pulizia a vapore

    RIMUOVERE LO SPORCO DALLA MURATURA IN PIETRA CON LA PULIZIA A VAPORE

     

     

    PARTE 1 — GENERALE

     

    1.01 SOMMARIO 

  • 0440001P-Rimuovere lo sporco dalla muratura di pietra con il lavaggio a pressione

    RIMUOVERE LO SPORCO DALLA MURATURA DI PIETRA CON IL LAVAGGIO A PRESSIONE

     

    PARTE 1 — GENERALE

     

    1.01 SOMMARIO 

  • 0445521R – Mettere in sicurezza frammenti di marmo allentati

    METTERE IN SICUREZZA FRAMMENTI DI MARMO ALLENTATI

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura riguarda le indicazioni sul mettere in sicurezza i frammenti di una parete di marmo allentati su facciate esterne di edifici o locali interni .

    I frammenti sono di piccole dimensioni e di peso per cui l’adesivo scelto avrà forza sufficiente per tenere la pietra in modo sicuro .

    B. Vedere 01100-07-S per le linee guida progettuali generali da essere riviste con questa procedura. Queste linee guida riguardano le seguenti sezioni :

    1. Precauzioni di sicurezza

    2. Precauzione per Strutture storiche

    3. Documentazione

    4. Controllo di Qualità

    5. Consegna, stoccaggio e manipolazione

    6. Condizioni di progetto/sito

    7. Sequenze e Pianificazione

    8. Protezione generale (superficie e dintorni)

    Queste linee guida devono essere esaminate prima di eseguire questa procedura e devono essere seguite, se del caso, insieme con le raccomandazioni del Regional Historic Preservation Officer (RHPO)

    CONDIZIONI 1.02 PROGETTO / SITO

    A. Condizioni esistenti : recensione del prodotto la documentazione del produttore e seguire le istruzioni.

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 PRODUTTORI

    A. Axson Nord America . Legno & Stone Company.

    www.axson – na.com

    2.02 MATERIALI

    A. Pietra : Tutto pietra sciolta in buone condizioni. Marmo di ricambio identici nel colore, consistenza e tipo di marmo esistente.

    B. Adesivi – riparazione pietra su pietra:

    1. Per i lavori di costruzione in esterno, vedere Axson North America, Wood & Stone ompany: Epoxy Stone Adhesives: Akabond 600 Flowing, Akabond 621 KG. Esaminare attentamente letteratura del prodotto a fare la selezione . O equivalente approvato.

    2. Per lavori di costruzione in interni, vedi xson North Americ, Wood & Stone Company: Polyester Adhesives; esaminare attentamente la gamma di prodotti nel fare la scelta. O equivalente approvato.

    C. Acqua: pulito e privo di importi deleteri di oli ,

    acidi, alcali e materia organica .

    2.03 ATTREZZATURE

    A. Spazzole con fibre di setola rigide

    B. Cazzuole

    C. strumenti comuni

    D. spatole di legno

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 MONTAGGIO , INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    A. Rimuovere con cautela i frammenti marmorei allentati. Riutilizzare tutti i pezzi di marmo.

    B. Pulire tutti i condotti metallici esposti e ancoraggi da tutta la corrosione mediante raschiatura e spazzolatura con spazzole metalliche rigide. Sostituire le ancore non solide, se necessario con nuovi ancoraggi in acciaio inox della stessa dimensione approssimativa e forma. Annegare i nuovi ancoraggi in stucco epossidico.

    C. Pulire sia l’edificio in marmo e frammenti da tutti i detriti e grasso mediante spazzolatura con pennello con setole di fibra rigida.

    D. Rivestire le superfici in marmo con adesivo, riempiendo completamente tutti i vuoti e coprire tutte le superfici. Mettere il marmo mentre l’adesivo è ancora appiccicoso, fino a 15 minuti. Fissare i frammenti marmorei in posto contro il movimento fino a quando l’adesivo è indurito.

    E. Pulire i residui di collante dai bordi. Bagnare il marmo e riempire le aree scheggiate e bordi con malta di di riparazione. Evitare frange sui bordi. Livellare con utensile la superficie con la pietra circostante. Tenere la malta umida ( 80-90 % UR) per 72 ore o fino a quando è indurita.

    3.02 REGOLAZIONE / PULIZIA

    A. Al momento di riparare, fugare e risistemare il marmo, rimuovere immediatamente malta, boiacca e adesivi dalla faccia della muratura.

    B. Utilizzare solo strumenti e attrezzature pulite e prive di materiale indurito o parzialmente indurito .

    C. Pulire il marmo solo con spazzole di fibre di setola e acqua.

    Non utilizzare acidi, detersivi o altri detergenti.

    FINE

  • 0440001S – Lista di controllo per ispezione dei guasti muratura in pietra

    LISTA DI CONTROLLO PER L’ISPEZIONE DEI GUASTI NELLE MURATURE IN PIETRA

     

    Questa lista di controllo generale è un aiuto per il controllo dello stato della pietra. Dovrebbe essere usato come un supplemento alle seguenti schede:

    04455-01-S, “Marmo: Caratteristiche, Usi e problemi”

    04465-01-S, “Granito: Caratteristiche, Usi e problemi”

    04460-01-S, “Calcare: Caratteristiche, Usi e problemi”

    NOTA: LA PRESENZA DI UNO O PIU’ DELLE CONDIZIONI DI CUI AL SEGUENTE ELENCO È UN’INDICAZIONE DEI PROBLEMI DELLA PIETRA. PUÒ ESSERE NECESSARIO UN CONSERVATORE ESPERTO O ESPERTO DI MURATURE PER INDIVIDUARE LE CAUSE REALI DEI PROBLEMI E SCEGLIERE O PIANIFICARE UN PIANO DI AZIONE ADEGUATO.

    Le valutazioni devono riguardare ogni tipo di pietra presente se ce ne sono di più tipi.

    1. Identificare il tipo di pietra.

    2. Esaminare la condizione complessiva della superficie e l’aspetto considerando fattori di elevazione/esposizione.

    a. Annotare qualsiasi colorazione.

    1) Annotare natura e colore della colorazione (cioè macchie arancio, macchie verdi, ecc)

    2) Annotare estensione e la localizzazione delle macchie o incrostazioni da ossidazione.

    b. Ispezionare la solidità strutturale della pietra. Annotare estensione e posizione di:

    1) Crepe

    2) Assestamento

    3) Movimento del blocco

    4) Fuga guasta

    5) Riparazioni

    6) Umidità

    c. Esaminare la condizione di impermeabilizzazione. Nota natura, ubicazione e la portata di:

    1) sfaldamento

    2) polverizzazione

    3) Perdite

    4) Distorsione

    5) Guasto/assenza

    6) Crepe

    d. Esaminare la condizione di stratificazioni. Nota natura e posizione di eventuali stratificazioni superficiali. Cercare:

    1) Residuo di pigmento

    2) Aspetto Reservoir

    3) Erosione parziale

    4) Fessure e cavillature della stratificazione

    5) Nuvolosità

    6) Doratura

    e. Prendere nota della posizione e la condizione delle aree in cui l’acqua raccoglie e ristagna. Cercare:

    1) acqua stagnante

    2) Striature

    3) Tasche e perforazioni

    f. Annotare qualsiasi perdita di finitura superficiale come evidenziato da desquamazione o peeling.

    1) Peeling e desquamazione di solito seguono non corretta efflorescenza o sub-fioritura e rappresentano un stadio più avanzato di guasto.

    2) E’ probabile che un certo grado di ruggine o corrosione sarà evidente nelle aree lasciato non protette come risultato della perdita delle stratificazioni attraverso la desquamazione.

    3) Annota estensione e la localizzazione di peeling e / o desquamazione.

    4) E’ localizzato o generale?

    g. Annotare eventuali aree che presentano segni di erosione e / o usura.

    1) Annotare natura e la posizione di qualsiasi usura o erosione.

    a) Distinguere tra erosione causata da fattori ambientali e normale esposizione, rispetto a quella causata da fattori umani quali toccare o atti di vandalismo.

    b) monitorare attentamente e registrare tutte le aree rilevate di erosione e di usura, e prendere nota della posizione delle zone erose sarà di aiuto nella pianificazione della protezione della pietra.

     

    h. Annotare la presenza di graffiti.

    1) Identificare il tipo di materiale utilizzato, come vernici, grasso, rossetto, pennarello, graffi, ecc

    2) Nota il modello generale e area dei graffiti.

    i. Prendere nota di eventuali problemi strutturali e / o meccanici.

    1) Esaminare superfici per le prove di movimento, crepe e rotture sulla superficie. Cercare:

    a) incrinature/crepe. Sono attive?

    b) le crepe strutturali. Sono attive? Necessità di molto monitoraggio (cfr. 04200-02-S “Monitoraggio e valutazione Crepe nella muratura “)

    c) pezzi rotti e/o mancanti.

    2) giunti danneggiati.

     

    FINE 

  • FAQ sezione 4

    BUFALE E CONSIGLI NOCIVI

    Guardarsi dai consigli che non aiutano

    Quando si è presi dall’urgenza di riparare un danno improvvidamente arrecato sul marmo in casa, molti cercano il primo aiuto usando la ricerca di Google, sperando di incappare in qualche informazione già categorizzata in rete oppure lanciano un SOS o richiesta di aiuto sulle chat delle social community, fiduciosi che qualcuno si affacci per indirizzarci verso una rapida soluzione.

    A nostro avviso la ricerca di Google è una modalità perfetta per reperire qualche sfiziosa ricetta di cucina ma non è garantito che funzioni altrettanto bene in tutti i campi. Infatti, mentre la diffusione della cultura culinaria è straordinaria e gli esperti sono moltissimi, la cultura sulle pietre e la loro lavorazione non è né diffusa né così avanzata. È questo il motivo per cui la ricerca su internet per risolvere un problema sulle pietre è tuttora una risorsa rischiosa; poche volte porta un valido buon consiglio, spesso disorienta completamente, a volte è perfino controproducente.

    Ecco qui, un esempio classico tratto da una social community a caso.

    Fase 1: prima richiesta di aiuto.

    AIUTO! il marmo è rovinato!

    (liabel60) Come faccio???? il piano di marmo del lavabo si è macchiato non so di che! è bianco e vicino al rubinetto oggi è comparso un alone scuro tondo di una decina di centimetri di diametro come se avesse assorbito dell’ acqua ma acqua non è!!!
    cosa sarà stato! cosa l’ avrà macchiato e soprattutto COME SI ELIMINA??? ho messo il borotalco…… niente! a nessuno di voi è mai capitato? cosa posso usare?

    Fase 2: In breve tempo arrivano i primi soccorsi.

    Alcuni sono utili, altri incerti o scoraggianti

    (babiscrici) azz lia, non sai cosa può essere stato?? (olio??, limone??) hai già provato con qualche prodotto?? no il viakal mi raccomando se è di marmo……. magari chiedi a chi te l’ha venduto, a volte hanno dei prodotti utili per certe macchie ma se non sai che è stato, dai forza non te la prendere più di tanto è solo marmo

    (annamaria) purtroppo le macchie dal marmo vanno via difficilmente non usare prodotti abrasivi altrimenti peggiori la situazione.Sei sicura di non avere usato qualche prodotto per lucidare il rubinetto che l’ha macchiato?ciao

    Fase 3: Scoramento e resa.

    (GANDALF) non penso che ti viene più bene,prova a rilucidarlo con un pochino di cera paraffina,altrimenti nascondi con una pianta sopra.

    (Maestro Zen *sul monte Fuji*) no ormai è troppo tardi…….io ti consiglio di nascondere la parte macchiata xche nn esistono prodotti che fanno miracoli

    (PrincessMilly) mi sa che l’unica soluzione è piazzare un bel tappeto sulla macchia…il marmo è malefico!!!!

    (Innamorato) mettici un tappeto e passa la paura 😀

    Scorrendo i vari forum, social community chat ecc. si possono rilevare moltissime richieste di aiuto analoghe a quella sopra riportata. Queste richieste non sfociano mai nella risoluzione del problema. Fin’ora abbiamo visto molto raramente chiudere un topic con un bel “risolto”.

    Per trovare la soluzione al problema non è questa quindi la strada ideale. E la soluzione non arriva nemmeno consultando le varie fonti che dispensano consigli un po’ su tutto. Per le pietre è meglio fidarsi solo delle fonti chiaramente competenti ed affidabili.

    I consigli della nonna

    Uno dei luoghi comuni da cui stare alla larga è la saggezza della “nonna”: diffidate dei “consigli della nonna” nel settore manutenzione e restauro dei marmi. Il motivo è banale: le nostre nonne raramente hanno goduto del marmo nelle loro case durante la loro vita, quindi non è pensabile che possano avere una sufficiente esperienza diretta, né che possano trasmetterci consuetudini riguardanti la cura del marmo tramandate dagli avi. La grande diffusione del marmo nelle abitazioni è un fenomeno relativamente recente, quindi meglio lasciar perdere i “consigli delle nonne” in questo caso.

    L’unico valido “consiglio”, che passa spesso come “consiglio della nonna”, in cui si incappa frequentemente riguarda la raccomandazione di pulire il marmo utilizzando solo sapone di marsiglia, magari con l’aggiunta di un pizzico di bicarbonato nell’acqua. In sè questo è un consiglio valido, anche se un po’ limitante. Infatti esistono molte altre formule per pulire i marmi, ma perlomeno questo consiglio mette in guardia ed evita che vengano usati troppo facilmente detersivi inadatti o dannosi, soprattutto per i marmi. Inoltre inculca la regola prudenziale di usare sostanze chimicamente neutre.

    Ovviamente tutto questo allarme nell’uso dei detergenti sulle pietre vale per le pietre carbonatiche. Per le pietre silicee, come i graniti veri e propri e le quarziti possono essere usati anche detergenti debolmente acidi per le normali pulizie.

    Qui di seguito riportiamo un bell’esempio di trucchi della nonna molto “esoterici” scovati in un blog di consigli all’insegna dell’ecologia e delle buone tradizioni:

    Trucchi della nonna per i

    pavimenti di casa

    Oggi voglio scrivere questo post sui trucchi della nonna per i pavimenti di casa.

    Li ho trovati in un suo quadernino di appunti di tanto tempo fa e, con molto rimpianto per nonna Ada e tenerezza li scrivo qui, sperando vi siano utili come lo sono stati per me.

    • La pulizia profonda dei pavimenti, specie di quelli in legno e parquet, dovrebbe essere fatta, preferibilmente, in fase di luna calante.
    • Se avete deciso di lucidare il pavimento di marmo e notate la presenza di qualche piccola macchia: provatela a mandare via strofinandola con l’interno della buccia di mela cruda.

    Consigli nocivi

    Oltre ai consigli inutili ma innocui, possiamo incappare anche in quelli effettivamente pericolosi e nocivi per i marmi. Tra i più diffusi c’è l’indicazione di utilizzare aceto o limone per pulire o tentare di smacchiare marmi lucidi: in questo caso il degrado della superficie è assicurato.

    Questo è un classico esempio di consiglio nocivo:

    (corsaro nero) ECONOMICAMENTE PUOI USARE SUCCO DI LIMONE PER SBIANCARLO O SEMPLICE ACETO. PER LUCIDARLO POI UN PO’ DI POLISH PER AUTO O DELLA SAMPLICE CERA

    Si devono anche assolutamente ignorare i consigli di usare sostanze oleose per trattare aloni o macchie assorbite nel marmo.

    (decapato) ciao, devi usare dell’olio paglierino chiaro,te lo dico perchè mio suocero e un lucidatore di marmi,lo usa per i bordi dove la lucidatura a piombo non arriva,dopo aver usato il flex con dischi abrasivi,come ultima passata passa dell’olio,non sò con quel raschio,però puoi provare,certo lo potrà solo mascherare,però..

    (skiver)… girando su internet ho trovato questo consiglio te lo rigiro come è:Marmo bianco da cucina: sfregare con una patata tagliata a metà, quindi lavare con acqua saponata, sciacquare, lucidare con panno imbevuto appena appena d’olio. Non ho mai provato personalmente.

     

    --> home/FAQ
  • MARMI

    – informazioni e soluzioni rapide –

    (altro…)

  • MARBLE

    Lorem Ipsum

  • CALCARI

    informazioni e soluzioni rapide

    (altro…)

  • GRANITI

    informazioni  e soluzioni rapide

    TABELLA DI INTERVENTO RAPIDO SU CALCARI, TRAVERTINI, ARENARIE CALCAREE
    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    PROCEDURA GSA
    agenti macchianti
    smacchianti
    SOLUZIONE BMC
    RIMUOVERE LE MACCHIE
    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA
    sostanze non ben identificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA, RIMOZIONE CON METODO “NEST”
    sostanze non ben identificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI OLIO E UNTO
    olio e grassi come vernici a base di olio, rossetto, burro, panna, latte, burro di arachidi, lozioni per le mani, senape e depositi costituiti da oli, grassi lubrificanti e/o prodotti bituminosi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI GRASSI, RIMDZIONE CON TAMPONI
    grassi lubrificanti
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI OLIO DI LINO, SPORCO FULIGGINOSO
    BOLLINO VERDE copia
    vernici all’olio di semi di lino, fuliggini
    soluzione BMC non ancora disponibile

    VERNICI ACRILICHE E AL LATTICE
    BOLLINO VERDE copia
    vernici al lattice e acriliche
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE ORGANICHE
    BOLLINO VERDE copia
    materia organica, escrementi di cibo, fiori, foglie, tè, caffè, sterco di uccelli o animali
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI IODIO
    BOLLINO VERDE copia
    iodio
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI URINE
    BOLLINO VERDE copia
    urina
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI INCHIOSTRO E COLORANTE
    BOLLINO VERDE copia
    inchiostri non metallici, coloranti
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI RESIDUI ADESIVI
    BOLLINO VERDE copia
    strati di adesivi essiccati o appiccicosi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI MUFFA
    BOLLINO VERDE copia
    muffa da funghi, alghe o altre piante viventi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI SILICONE SIGILLANTE
    BOLLINO VERDE copia
    film di silicone indurito
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE E INCROSTAZIONI DI MALTA
    BOLLINO VERDE copia
    malta, cemento
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI RUGGINE
    ossidi del ferro, inchiostri metallici
    soluzione BMC
    MACCHIE DI RAME/BRONZO
    BOLLINO VERDE copia
    ossidi di bronzo e rame
    soluzione BMC
    PULIZIA E TRATTAMENTI
    PATINE STRATIFICATE SU PAVIMENTI
    BOLLINO VERDE copia
    generiche colorazioni, macchie stratificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    RIMOZIONE SALI SOLUBILI
    BOLLINO VERDE copia
    solfati di sodio, potassio, magnesio o calcio;
    nitrati di sodio, potassio e calcio;
    carbonato di calcio; cloruro di sodio;
    silice
    • POLPA DI CELLULOSA
    soluzione BMC non ancora disponibile

    TRAVERTINO SCOLORITO/SCURITO
    BOLLINO VERDE copia
    ossidi di ferro
    • sodio dodecil solfato
    • Ipoclorito di sodio
    • Ipoclorito di Calcio
    soluzione BMC non ancora disponibile

    INQUINAMENTO
    BOLLINO VERDE copia
     fumo e fuliggine, grasso, olio, catrame, asfalto, cere, macchie di cibo e tracce delle mani
    soluzione BMC non ancora disponibile

    RIPRISTINARE LA FINITURA SUPERFICIALE
    RILUCIDARE
    BOLLINO VERDE copia
    • POLVERE LUCIDANTE PER MARMO
    soluzione BMC
    RIMUOVERE SEGNI DI CORROSIONI
    BOLLINO VERDE copia
    vino, birra, succhi di frutta, aceto, derivati del pomodoro, senape, bevande gassate, inchiostro o condimenti per insalata
    soluzione BMC
    RIPARAZIONI
    RIPARAZIONE CON EPOSSIDICO DI CREPE
    BOLLINO VERDE copia
    • RESINA EPOSSIDICA A 2 COMPONENTI
    soluzione BMC
    RIPARAZIONE DI SCHEGGIATURE
    BOLLINO VERDE copia
    • ADESIVO POLIESTERE
    • COMPOSTO LUCIDANTE
    soluzione BMC
  • GRANITE

    Lorem Ipsum

  • ARENARIE

    informazioni  e soluzioni rapide

    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    BMC
    SOLUTIONS
    SCHEDA
    US GSA
    info sostanze base e specifiche tecniche
    RIMUOVERE MACCHIE
    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA0445502-R
    MACCHIE DI OLIO E UNTO
    11R
    RIMUOVERE MACCHIE DI GRASSI CON TAMONI10R
    MACCHIE DI OLIO DI LINO12R
    VERNICI ACRILICHE E AL LATTICE
    13R
    MACCHIE ORGANICHE
    14R
    MACCHIE DI IODIO
    16P
    MACCHIE DI URINE
    17P
    MACCHIE DI INCHIOSTRO E COLORANTE
    19P
    MACCHIE DI RESIDUI ADESIVI23P
    MACCHIE DI MUFFA
    26R
    MACCHIE DI SILICONE SIGILLANTE
    29R
    MACCHIE E INCROSTAZIONI DI MALTA
    27R
    MACCHIE DI RUGGINERUST REMOVER KIT0440006R
    MACCHIE DI RAME/BRONZO0440007R
    PULIZIA E TRATTAMENTI
    RIMUOVERE SPESSE INCROSTAZIONI01R
    DECERARE DENSI STRATI SUL PAVIMENTO19P
    RIMUOVERE EFFLORESCENZE
    25P
    RIMUOVERE INGIALLIMENTO DEL MARMO28R
    TRATTAMENTO AREE SBIANCATE24P
    RIPRISTINARE IL LUCIDO
    RILUCIDAREMARBLE REPOLISHING KIT02P
    RIMUOVERE ETCH MARKSMARBLE RESTORE KIT15R
    RIPARAZIONI
    RIPARAZIONE CON EPOSSSIDICO DI PICCOLE CREPE E BUCHIMARBLE REPAIR KIT0445503P
    RIPARAZIONE DI CREPE CAPILLARI E PICCOLI INCAVIMARBLE REPAIR KIT0445508R
  • STEP 3 – CALCARI

    Osserva attentamente il calcare (limestone) sotto l’aspetto della pulizia. Utilizzando le informazioni della tabella sottostante fai un elenco degli interventi da effettuare per pulire a fondo la pietra calcarea.

    TABELLA DI INTERVENTO RAPIDO SU CALCARI, TRAVERTINI, ARENARIE CALCAREE
    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    PROCEDURA GSA
    agenti macchianti
    smacchianti
    SOLUZIONE BMC
    RIMUOVERE LE MACCHIE
    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA
    sostanze non ben identificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA, RIMOZIONE CON METODO “NEST”
    sostanze non ben identificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI OLIO E UNTO
    olio e grassi come vernici a base di olio, rossetto, burro, panna, latte, burro di arachidi, lozioni per le mani, senape e depositi costituiti da oli, grassi lubrificanti e/o prodotti bituminosi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI GRASSI, RIMOZIONE CON TAMPONI
    grassi lubrificanti
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI OLIO DI LINO, SPORCO FULIGGINOSO
    BOLLINO VERDE copia
    vernici all’olio di semi di lino, fuliggini
    soluzione BMC non ancora disponibile

    VERNICI ACRILICHE E AL LATTICE
    BOLLINO VERDE copia
    vernici al lattice e acriliche
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE ORGANICHE
    BOLLINO VERDE copia
    materia organica, escrementi di cibo, fiori, foglie, tè, caffè, sterco di uccelli o animali
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI IODIO
    BOLLINO VERDE copia
    iodio
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI URINE
    BOLLINO VERDE copia
    urina
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI INCHIOSTRO E COLORANTE
    BOLLINO VERDE copia
    inchiostri non metallici, coloranti
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI RESIDUI ADESIVI
    BOLLINO VERDE copia
    strati di adesivi essiccati o appiccicosi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI MUFFA
    BOLLINO VERDE copia
    muffa da funghi, alghe o altre piante viventi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI SILICONE SIGILLANTE
    BOLLINO VERDE copia
    film di silicone indurito
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE E INCROSTAZIONI DI MALTA
    BOLLINO VERDE copia
    malta, cemento
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI RUGGINE
    ossidi del ferro, inchiostri metallici
    soluzione BMC
    MACCHIE DI RAME/BRONZO
    BOLLINO VERDE copia
    ossidi di bronzo e rame
    soluzione BMC
    PULIZIA E TRATTAMENTI
    PATINE STRATIFICATE SU PAVIMENTI
    BOLLINO VERDE copia
    generiche colorazioni, macchie stratificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    RIMOZIONE SALI SOLUBILI
    BOLLINO VERDE copia
    solfati di sodio, potassio, magnesio o calcio;
    nitrati di sodio, potassio e calcio;
    carbonato di calcio; cloruro di sodio;
    silice
    • POLPA DI CELLULOSA
    soluzione BMC non ancora disponibile

    TRAVERTINO SCOLORITO/SCURITO
    BOLLINO VERDE copia
    ossidi di ferro
    • sodio dodecil solfato
    • Ipoclorito di sodio
    • Ipoclorito di Calcio
    soluzione BMC non ancora disponibile

    INQUINAMENTO
    BOLLINO VERDE copia
     fumo e fuliggine, grasso, olio, catrame, asfalto, cere, macchie di cibo e tracce delle mani
    soluzione BMC non ancora disponibile

  • STEP 3 – LIMESTONE

    Observe limestone carefully about its cleanliness and integrity. Obtain the type of dirt and stains. Then, using the information in the table below, make a list of the interventions to be done to thoroughly clean the limestone

    QUICK RECOVERY TABLE FOR   MARBLES AND ONICES
    TYPE OF
    PROBLEM
    U.S. GSA
    PRO TIPS
    BMC TIPS
    P.T.
    causes of stains
    stain removers
    REMOVE STAINS
    STAINS OF UNKNOWN ORIGN
    Substances not well identified
    soluzione BMC non ancora disponibile

    STAINS OF UNKNOWN ORIGN, REMOVING USING THE “NEST” METHOD
    Substances not well identified
    soluzione BMC non ancora disponibile
    OIL AND FAT STAINS
    Oils and fats such as oil-based paints, lipstick, butter, cream, milk, peanut butter, hands lotions, mustard and deposits made of oils, lubricating oils and / or bituminous products
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    GREASY SMUDGES REMOVUNG BY COTTON SWAB
    lubricating grease
    soluzione BMC non ancora disponibile
    LINSEED OIL STAINS, SOOTY DIRTY
    BOLLINO VERDE copia
    linseed oil paints, soots
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    ACRYLIC AND LACTIC PAINTS
    BOLLINO VERDE copia
    acrylic and lactic paints

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    ORGANIC STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    Organic matter, food desserts, flowers, leaves, tea, coffee, dung of birds or animals
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    IODINE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    iodine
    soluzione BMC non ancora disponibile
    URINE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    urine
    soluzione BMC non ancora disponibile
    INK AND DYE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    non-metallic ink, dye
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    ADHESIVE RESIDUES
    BOLLINO VERDE copia
    sticky adhesive residue
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MILDEW STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    mildew from mushrooms, algae or other living plants

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    SILICONE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    hardened silicon layers
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MORTAR DEPOSITS AND STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    mortar, concrete
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    RUST STAINS
    iron oxides, metal inks
    consigli professionali

    soluzione BMC
    COPPER/BRONZE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    bronze and copper oxides
    consigli professionali
    soluzione BMC
    CLEANING AND TREATMENTS
    BUILT-UP FLOOR COATINGS
    BOLLINO VERDE copia
    colorations in general, stratified stains
    soluzione BMC non ancora disponibile
    REMOVING SOLUBLE SALTS
    BOLLINO VERDE copia
    sulfates of sodium, potassium, magnesium or calcium;
    Sodium nitrite, potassium and calcium;
    calcium carbonate; sodium chloride;
    silica

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    DAEKENED OR DISCOLORED TRAVERTINE
    BOLLINO VERDE copia
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    BLEACHED AREAS
    BOLLINO VERDE copia
    bleach, sodium hypochlorite acid, acid detergents
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
  • STEP 3 – GRANITI

    Osserva attentamente il granito sotto l’aspetto della pulizia. Utilizzando le informazioni della tabella sottostante fai un elenco degli interventi da effettuare per pulire a fondo il granito.

    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    BMC
    SOLUTIONS
    SCHEDA
    US GSA
    info sostanze base e specifiche tecniche
    RIMUOVERE MACCHIE
    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA0445502-R
    MACCHIE DI OLIO E UNTO
    11R
    RIMUOVERE MACCHIE D’OLIO SU GRANITO0446503-R
    MACCHIE DI OLIO DI LINO12R
    VERNICI ACRILICHE E AL LATTICE
    13R
    MACCHIE ORGANICHE
    14R
    MACCHIE DI IODIO
    16P
    MACCHIE DI URINE
    17P
    MACCHIE DI INCHIOSTRO E COLORANTE
    19P
    MACCHIE DI RESIDUI ADESIVI23P
    MACCHIE DI MUFFA
    26R
    MACCHIE DI SILICONE SIGILLANTE
    29R
    MACCHIE DI BITUME
    0446514R
    MACCHIE DI RUGGINERUST REMOVER KIT0446501R
    MACCHIE DI RAME/BRONZO0446502R
    PULIZIA E TRATTAMENTI
    RIMUOVERE SPESSE INCROSTAZIONI0446506R
    INQUINAMENTO0440012R
    RIMUOVERE EFFLORESCENZE
    0446004R
  • STEP 3 – GRANITE

    Observe granite carefully about its cleanliness and integrity. Obtain the type of dirt and stains. Then, using the information in the table below, make a list of the interventions to be done to thoroughly clean the granite

    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    BMC
    SOLUTIONS
    US GSA SHEETInformation on basic substances and technical specifications
    REMOVE STAINS
    STAINS OF UNKNOWN ORIGN0445502-R
    OIL AND FAT STAINS
    11R
    REMOVE OIL STAINS ON GRANITE0446503-R
    LINSEED OIL STAINS, SOOTY DIRTY12R
    ACRYLIC AND LACTIC PAINTS
    13R
    ORGANIC STAINS

    14R
    IODINE STAINS

    16P
    URINE STAINS
    17P
    INK AND DYE STAINS
    19P
    ADHESIVE RESIDUES23P
    MILDEW STAINS
    26R
    SILICONE STAINS
    29R
    BITUMEN STAINS
    0446514-R
    RUST STAINSRUST REMOVER KIT0446501R
    COPPER/BRONZE STAINS0446502R
    CLEANING AND TREATMENTS
    BUILT-UP FLOOR COATINGS0446506R
    POLLUTION0440012R
    SALTS
    0446004R
  • STEP 3 – ARENARIE

    Osserva attentamente la pietra arenaria (sandstone) sotto l’aspetto della pulizia. Utilizzando le informazioni della tabella sottostante fai un elenco degli interventi da effettuare per pulire a fondo la pietra arenaria.

    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    BMC
    SOLUTIONS
    SCHEDA
    US GSA
    info sostanze base e specifiche tecniche
    RIMUOVERE MACCHIE
    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA0445502-R
    MACCHIE DI OLIO E UNTO
    11R
    RIMUOVERE MACCHIE DI GRASSI CON TAMPONI10R
    MACCHIE DI OLIO DI LINO12R
    VERNICI ACRILICHE E AL LATTICE
    13R
    MACCHIE ORGANICHE
    14R
    MACCHIE DI IODIO
    16P
    MACCHIE DI URINE
    17P
    MACCHIE DI INCHIOSTRO E COLORANTE
    19P
    MACCHIE DI RESIDUI ADESIVI23P
    MACCHIE DI MUFFA
    26R
    MACCHIE DI SILICONE SIGILLANTE
    29R
    MACCHIE E INCROSTAZIONI DI MALTA
    27R
    MACCHIE DI RUGGINERUST REMOVER KIT0440006R
    MACCHIE DI RAME/BRONZO0440007R
    PULIZIA E TRATTAMENTI
    RIMUOVERE SPESSE INCROSTAZIONI0447003R
    RIMUOVERE EFFLORESCENZE
    25P
    RIMUOVERE SPORCO0447003R
  • STEP 3 – SANDSTONE

    Observe sandstone carefully about its cleanliness and integrity. Obtain the type of dirt and stains. Then, using the information in the table below, make a list of the interventions to be done to thoroughly clean the sandstone

    QUICK RECOVERY TABLE FOR   SANDSTONES
    TYPE OF
    PROBLEM
    U.S. GSA
    PRO TIPS
    BMC TIPS
    P.T.
    causes of stains
    stain removers
    REMOVE STAINS
    STAINS OF UNKNOWN ORIGN
    Substances not well identified
    soluzione BMC non ancora disponibile

    STAINS OF UNKNOWN ORIGN, REMOVING USING THE “NEST” METHOD
    Substances not well identified
    soluzione BMC non ancora disponibile
    OIL AND FAT STAINS
    Oils and fats such as oil-based paints, lipstick, butter, cream, milk, peanut butter, hands lotions, mustard and deposits made of oils, lubricating oils and / or bituminous products
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    GREASY SMUDGES REMOVUNG BY COTTON SWAB
    lubricating grease
    soluzione BMC non ancora disponibile
    LINSEED OIL STAINS, SOOTY DIRTY
    BOLLINO VERDE copia
    linseed oil paints, soots
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    ACRYLIC AND LACTIC PAINTS
    BOLLINO VERDE copia
    acrylic and lactic paints

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    ORGANIC STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    Organic matter, food desserts, flowers, leaves, tea, coffee, dung of birds or animals
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    IODINE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    iodine
    soluzione BMC non ancora disponibile
    URINE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    urine
    soluzione BMC non ancora disponibile
    INK AND DYE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    non-metallic ink, dye
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    ADHESIVE RESIDUES
    BOLLINO VERDE copia
    sticky adhesive residue
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MILDEW STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    mildew from mushrooms, algae or other living plants

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    SILICONE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    hardened silicon layers
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MORTAR DEPOSITS AND STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    mortar, concrete
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    RUST STAINS
    iron oxides, metal inks
    consigli professionali

    soluzione BMC
    COPPER/BRONZE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    bronze and copper oxides
    consigli professionali
    soluzione BMC
    CLEANING AND TREATMENTS
    DIRT BUILT-UP
    BOLLINO VERDE copia
    colorations in general, stratified stains
    soluzione BMC non ancora disponibile
    EFFLORESCENCE
    BOLLINO VERDE copia
    sulfates of sodium, potassium, magnesium or calcium;
    Sodium nitrite, potassium and calcium;
    calcium carbonate; sodium chloride;
    silica

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    REMOVAL OF SOILING
    BOLLINO VERDE copia
    bleaching solution
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    BLEACHED AREAS
    BOLLINO VERDE copia
    bleach, sodium hypochlorite acid, acid detergents
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
  • STEP 3 – PULIZIA MARMI

    Osservare attentamente il marmo riguardo al suo stato di pulizia e integrità. Rilevare la tipologia dello sporco e delle macchie. Quindi, utilizzando le informazioni della tabella sottostante, fare un elenco degli interventi da effettuare per pulire a fondo il marmo

    TABELLA DI INTERVENTO RAPIDO PER   MARMI E ONICI
    TIPO DI
    PROBLEMA
    U.S. GSA
    PRO TIPS
    BMC TIPS
    P.T.
    agenti macchianti
    sostanze smacchianti
    RIMUOVERE LE MACCHIE
    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA
    sostanze non ben identificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA, RIMOZIONE CON METODO “NEST”
    sostanze non ben identificate
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE DI OLIO E UNTO
    olio e grassi come vernici a base di olio, rossetto, burro, panna, latte, burro di arachidi, lozioni per le mani, senape e depositi costituiti da oli, grassi lubrificanti e/o prodotti bituminosi

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE DI GRASSI, RIMOZIONE CON TAMPONI
    grassi lubrificanti
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE DI OLIO DI LINO, SPORCO FULIGGINOSO
    BOLLINO VERDE copia
    vernici all’olio di semi di lino, fuliggini
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    VERNICI ACRILICHE E AL LATTICE
    BOLLINO VERDE copia
    vernici al lattice e acriliche

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE ORGANICHE
    BOLLINO VERDE copia
    materia organica, escrementi di cibo, fiori, foglie, tè, caffè, sterco di uccelli o animali

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE DI IODIO
    BOLLINO VERDE copia
    iodio
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE DI URINE
    BOLLINO VERDE copia
    urina
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE DI INCHIOSTRO E COLORANTE
    BOLLINO VERDE copia
    inchiostri non metallici, coloranti
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE DI RESIDUI ADESIVI
    BOLLINO VERDE copia
    strati di adesivi essiccati o appiccicosi
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE DI MUFFA
    BOLLINO VERDE copia
    muffa da funghi, alghe o altre piante viventi

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE DI SILICONE SIGILLANTE
    BOLLINO VERDE copia
    film di silicone indurito
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE E INCROSTAZIONI DI MALTA
    BOLLINO VERDE copia
    malta, cemento
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MACCHIE DI RUGGINE
    ossidi del ferro, inchiostri metallici
    consigli professionali

    soluzione BMC
    MACCHIE DI RAME/BRONZO
    BOLLINO VERDE copia
    ossidi di bronzo e rame
    consigli professionali
    soluzione BMC
    PULIZIA E TRATTAMENTI
    PATINE STRATIFICATE SU PAVIMENTI
    BOLLINO VERDE copia
    colorazioni in genere, macchie stratificate
    soluzione BMC non ancora disponibile
    EFFLORESCENZE
    BOLLINO VERDE copia
    solfati di sodio, potassio, magnesio o calcio;
    nitrati di sodio, potassio e calcio;
    carbonato di calcio; cloruro di sodio;
    silice

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    INGIALLIMENTO DEL MARMO
    BOLLINO VERDE copia
    cere, luce ultravioletta, ossidi di ferro, mastici
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    SBIADIMENTI
    BOLLINO VERDE copia
    candeggina, acido ipoclorito di sodio, detergenti acidi
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
  • STEP 3 – CLEANING MARBLE

    Observe marble carefully about its cleanliness and integrity. Obtain the type of dirt and stains. Then, using the information in the table below, make a list of the interventions to be done to thoroughly clean the marble

    QUICK RECOVERY TABLE FOR   MARBLES AND ONICES
    TYPE OF
    PROBLEM
    U.S. GSA
    PRO TIPS
    BMC TIPS
    P.T.
    causes of stains
    stain removers
    REMOVE STAINS
    STAINS OF UNKNOWN ORIGN
    Substances not well identified
    soluzione BMC non ancora disponibile

    STAINS OF UNKNOWN ORIGN, REMOVING USING THE “NEST” METHOD
    Substances not well identified
    soluzione BMC non ancora disponibile
    OIL AND FAT STAINS
    Oils and fats such as oil-based paints, lipstick, butter, cream, milk, peanut butter, hands lotions, mustard and deposits made of oils, lubricating oils and / or bituminous products
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    GREASY SMUDGES REMOVUNG BY COTTON SWAB
    lubricating grease
    soluzione BMC non ancora disponibile
    LINSEED OIL STAINS, SOOTY DIRTY
    BOLLINO VERDE copia
    linseed oil paints, soots
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    ACRYLIC AND LACTIC PAINTS
    BOLLINO VERDE copia
    acrylic and lactic paints

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    ORGANIC STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    Organic matter, food desserts, flowers, leaves, tea, coffee, dung of birds or animals
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    IODINE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    iodine
    soluzione BMC non ancora disponibile
    URINE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    urine
    soluzione BMC non ancora disponibile
    INK AND DYE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    non-metallic ink, dye
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    ADHESIVE RESIDUES
    BOLLINO VERDE copia
    sticky adhesive residue
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MILDEW STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    mildew from mushrooms, algae or other living plants

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    SILICONE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    hardened silicon layers
    soluzione BMC non ancora disponibile
    MORTAR DEPOSITS AND STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    mortar, concrete
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    RUST STAINS
    iron oxides, metal inks
    consigli professionali

    soluzione BMC
    COPPER/BRONZE STAINS
    BOLLINO VERDE copia
    bronze and copper oxides
    consigli professionali
    soluzione BMC
    CLEANING AND TREATMENTS
    BUILT-UP FLOOR COATINGS
    BOLLINO VERDE copia
    colorations in general, stratified stains
    soluzione BMC non ancora disponibile
    EFFLORESCENCE
    BOLLINO VERDE copia
    sulfates of sodium, potassium, magnesium or calcium;
    Sodium nitrite, potassium and calcium;
    calcium carbonate; sodium chloride;
    silica

    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    YELLOW DISCOLORATION
    BOLLINO VERDE copia
    waxes, ultraviolet light, iron oxides, mastics
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile
    BLEACHED AREAS
    BOLLINO VERDE copia
    bleach, sodium hypochlorite acid, acid detergents
    consigli professionali
    soluzione BMC non ancora disponibile

     

  • FAQ sezione 3

    domande su prodotti BMC

    buongiorno, volevo sapere se questo prodotto può essere utilizzato sulla pietra apricena levigata. grazie

    si, è ideale per le pietre calcaree

    si può riparare un lavandino in marmo giallo in silva oro scheggiato?

    si, con il kit ripara marmo (versione normale) e kit rinnova marmo in blister

     

    ho visto su you tube un filmato dove rilucidavano il marmo macchiato da segni tipo aloni di bicchiere con il vostro kit vorrei saperne di più

    innanzitutto il piano deve essere di marmo o pietra assimilabile (non deve essere granito o quarzo), ma se e’ rovinato da cerchi di bicchiere e’ quasi sicuramente marmo;;; il trattamento e’ abbastanza semplice da fare;;; si passa una placchetta abrasiva diamantata a grana fine per eliminare i cerchi;;; fatto ciò si passa il piano con la polvere inumidita e si ottiene una brillante lucidatura;;; e’ un gioco da ragazzi;;; il kit si acquista seguendo il link indicato nella presentazione del video o su amazon 

     

    il kit lucida marmo si può usare anche su mattonelle di “graniglia di marmo?

    si’

    Salve ho un piano cucina in starlight nero sul quale sono comparse delle piccole macchie sparse opache dove in quel punto manca la lucentezza naturale. Probabile che qualche sostanza abbia portato via il lucido…..Esiste qualche prodotto in grado di trattare lo starlight tipo cera lucidante o simile??? Grazie

    non essendo carbonatico il nostro kit rinnova marmo non può risolvere. Virginia va molto meglio ma è possibile che rimanga sempre un leggero alone. L’unico rimedio su marmoresina è passare un prodotto lucidante ad esempio questo: http://www.detergentiwagner.com/contents/it/p555.html
    attenzione però, non è certificato per uso alimentare!  Nel nostro kit rinnova granito Plus è inserito un tubetto di cera lucidante

    Salve, la mia scala in marmo Veselje con finitura semilucida (è liscia, ma non a specchio) ha delle macchie da acido inavvertitamente caduto su alcuni scalini. Quale prodotto mi consiglia di usare per ripristinarla?Grazie in anticipo.

    per eliminare le macchie di corrosione occorre levigarle con i tamponcini diamantati partendo da grana 200 o superiore a seconda della gravità della corrosione. Se la corrosione è leggera basta partire dalla grana 800(verde) e successivamente con la grana 1500(verde acqua). Non si deve passare la polvere perché dà la lucidatura a specchio. Quindi se la corrosione è leggera basta acquistare sul nostro sito 2 placchette (verde 800 e verde acqua 1500) + 1 tampone, se c’è il dubbio che non sia sufficiente aggiungere la 400 (rosso) oppure acquistare l’intero pacchetto a 4 grane  

    How long will the order take to receive here in the US?
    shipping BMC items;;;   Italian Post Office which provide these delivery times
    North America: 14 working days + shipping day ‘s 85% of items

    Salve.Il prodotto è valido anche per pavimenti in graniglia?GRZ

    si, se e’ graniglia fatta con cemento e marmo o pietre calcaree;;; funziona meno se il legante e’ resina

     

    ciao, io ho un marmo bianco a casa come paviemnto e con il tempo nella zona cucina è diventato più opaco…tra l’altro ho notato anche delle macchie di vario tipo che lo rendono ancora più opaco. Tempo fa mi è caduta anche la spremuta d’arancia che ha creato una macchia di opaco….insomma mi da un fastidio….c’è uno dei vostri kit che può restituirmi il marmo lucido di casa nuova? grazie disperatissima ,alessandra

    c’è il kit lucida marmo con il quale si può dare la lucidatura originale a 2 mq. circa di marmo. Se però vuoi tirare a nuovo l’intero pavimento è meglio chiamare un marmista. Con vari kit si ottiene lo stesso risultato ma ci vuole tempo e fatica (circa mezz’ora ogni mq)

    dovrei ripristinare la lucidature di tutte le piane in marmo ,che prodotti mi consigliate di acquistare ?

    – premessa; accertarsi che le piane siano in pietra carbonatica (marmo, calcare, travertino o onice – oppure agglomarmo non marmoresina)
    – prodotti da usare; 1 kit rilucida marmo se e’ sufficiente ripristinare la lucidatura e togliere qualche leggera corrosione
    1 kit rinnova plus se le corrosioni o incrostazioni sono marcate;;
    ognuno di questi kit contiene 100 gr di polvere lucidante, sufficiente a lucidare 2 mq di marmo;;; se la superficie e’ maggiore acquistare altra polvere

     

    volevo sapere la resa del contenuto di un kit rinnova marmo ; io devo trattare 4 lastre di marmo di una cucina ciascuna di circa 120 x 80 cm

    ogni kit contiene diamantati per portare alla semilucidatura circa 3 mq di mamo di media abrasività. Per ottenere la lucidatura a specchio 50 gr di polvere lucidante bastano per 1 mq circa. La confezione Rinnova Marmo in blister contiene una busta da 50 gr, mentre la confezione Rinnova Marmo Plus contiene 1 busta da 100 gr, come pure la confezione Lucida Marmo. La polvere è acquistabile anche a parte

     

    Spedite anche in Spagna?

    spediamo ovunque nel mondo

     

    Vorrei conoscere il vs iban per poter fare un ordine

    fai pure l’ordine e scegli l’opzione bonifico, ti verranno forniti tutti i dati

     

    ho fatto l’acquisto sul sito ma non ho ricevuto e-mail di conferma

    controlla nello spam

     

    Ho già un conto PayPal e voglio acquistare un kit rinnova marmo con spedizione a casa. Nella procedura non capisco come selezionare l’pzione di consegna e vedo che limporto riportato è sempe 19.90, quindi escluse le spese di psedizione. E’ corretto? il pagameno del trasporto è alla consegna?

    per il calcolo della spedizione occorre fare il login

     

    Buon giorno, ho rovinato nel mio bagno la pietra del lavandino ( penso che sia marmo) con dei detersivi troppo forti. Il kit rinnovo marmo può andar bene per far ritornare la lucidatura? Anche se é un’ altro tipo di pietra? La pietra adesso é opaca e piena di macchie

    se è un marmo o una pietra calcarea si può arrivare a una lucidatura a specchio, se è un granito o pietra silicea si arriva a una lucidatura semiopaca

     

    Ho da lucidare un piccolo piano cottura e delle piastrelle della doccia danneggiate da rigagnoli di acido muriatico. Grazie della vostra risposta.

     con gli abrasivi di un kit si levigano 2/3mq, mentre 50 gr di polvere lucidano solo 1 mq

     

    Posso pagare in contrasegno alla consegna del prodotto al mio indirizzo?

    no, non e’ previsto il contrassegno

     

     

    --> home/FAQ

     

  • FAQ sezione 2

    domande sulle pietre naturali

    1. lavorazioni di finitura

    Cos’è la lucidatura a piombo?  E’ una tecnica di lucidatura che sfrutta la reazione chimica tra l’Acido ossalico, il carbonato di calcio presente nel marmo e il calore generato dallo sfregamento della lastrina di piombo, creando l’ossalato di calcio, direttamente sulla superficie (lucidatura chimica o per reazione). 

    2. conoscere le pietre

    Cos’è la una pietra carbonatica?  Vedi questo post

    3. manutenzione

    C’è un modo per proteggere i marmi dagli acidi?  Vista la grande diffusione del problema corrosione, sorge spontanea una domanda: è possibile proteggere il marmo dagli acidi? Per impedire agli acidi di venire a contatto con il carbonato di calcio è indispensabile interporre una barriera protettiva. In definitiva, solo una apposita verniciatura può garantire l’assoluta protezione dall’attacco degli acidi. Non è quindi possibile proteggere efficacemente la superficie del marmo calcareo dalla corrosione degli acidi senza verniciarlo e di conseguenza alterarne l’aspetto naturale.

    Un metodo per proteggere parzialmente la superficie dei marmi dagli acidi deboli, senza alterarne significativamente le qualità estetiche, è l’inceratura. La cera però ha l’inconveniente di rendere scivolosi i pavimenti; inoltre è un trattamento che richiede manutenzione continua dovendo essere rinnovato abbastanza frequentemente, al fine di mantenere un’estetica impeccabile della superficie. In ogni caso la protezione fornita dalle cere non funziona a dovere se le sostanze acide, accidentalmente cadute sulla superficie, non vengono rimosse in tempi relativamente brevi.

    Per le superfici in marmo maggiormente esposte al contatto con sostanze acide e allo stesso tempo non adatte funzionalmente all’inceratura – come tavoli e ripiani per cucina – è consigliata la finitura spazzolata con la quale saranno meno evidenti eventuali segni di corrosione.

    --> home/FAQ
  • FAQ sezione 1

    domande su BMC

    dove si possono acquistare i prodotti BMC?  Sono in vendita solo su canali online di proprietà qui , parzialmente su questo sito, su Amazon e su Ebay

     

    .

     

    --> home/FAQ
  • ____Sostanze e solventi da non usare su marmi

    sostanze da evitare
    acidi di ogni tipo
    trementina
    kerosene
    benzina con piombo

     

    tecniche inadeguate o dannose
    Pulizia a vapore
    pulizie abrasive
  • categoria n.1

    Codart.img
    PER LUCIDARE MARMOkit per marmi
    PER LUCIDARE GRANITOkit per graniti
    VIRGINIA UNIVERSALEkit universale
    PER SMACCHIAREsmacchiatori
    ABRASIVI DIAMANTATIabrasivi
    COLLE PER LE PIETREresine e mastici
    LUCIDANTIpolveri lucidanti
  • 0940001S – Terrazzo: caratteristiche, utilizzi e problemi

    TERRAZZO: CARATTERISTICHE, USI E PROBLEMI

    Questa scheda  contiene informazioni generali sulle caratteristiche e usi comuni del Terrazzo e individua i problemi tipici associati con il materiale.

    INTRODUZIONE

    Il Terrazzo è stato creato in Europa diverse centinaia di anni fa dai Veneziani che lo hanno sperimentato con il riutilizzo di scaglie di marmo posandole con calcestruzzo. Ulteriori esperimenti con la lucidatura hanno portato a una superficie liscia per camminare. Dopo che il marmo è stato portato negli Stati Uniti, è stata aggiunta polvere di marmo per ottenere colori diversi. Venivano utilizzati listelli di legno per separare le sezioni durante il getto. Le strisce di legno furono in seguito sostituire con un altro materiale.

    Caratteristiche del Terrazzo:
    – Il Terrazzo è stato descritto come una forma decorativa di calcestruzzo. Scaglie di marmo di dimensioni assortite vengono mescolate in un contenitore, frattazzate a terra e lucidate.
    – Un buon Terrazzo ha una superficie liscia che è una miscela di 70% o più di aggregato di marmo grossolano e 30% o anche meno di matrice in cemento Portland.
    – Il Terrazzo unisce la durevolezza del marmo con la forza e l’economia del calcestruzzo.
    – Facilità di manutenzione – è uno dei principali motivi per cui il Terrazzo si trova in tanti edifici dove il traffico è pesante.

    Tipi di Terrazzo:
    La più grande differenza tra i tipi di Terrazzo è il tipo di legante che viene utilizzato. Il legante, ovvero un cemento Portland o a base resinosa, serve a mantenere l’aggregato in posto.
    Leganti diversi richiedono procedure diverse di impermeabilizzazione.

    – Terrazzo con un legante cementizio Portland
    – Terrazzo con cemento Portland poliacrilico modificato e legante acrilico additivo
    – Terrazzo con un legante di resina epossidica o poliestere (detto anche sistema resinoso thin-set)

    IMPIEGHI TIPICI

    Tipico storico e utilizzi nel 20° secolo per il Terrazzo:
    – Come materiale da pavimentazione in edifici pubblici.
    Usi tipici per il Terrazzo nel 20° secolo:
    – Come materiale da pavimentazione in luoghi come aeroporti, centri congressi e centri commerciali.

    PROBLEMI E DEGRADO

    – Ha la reputazione di essere esente da manutenzione
    – Sensibile ai detergenti aggressivi
    – Sensibile ai detergenti multiuso e saponi contenenti sostanze acqua-solubili
    – Evitare di spazzare composti contenenti olio in quanto potrebbero scolorire permanentemente il pavimento
    – I sistemi di cemento Portland devono essere impermeabilizzati con un solvente penetrante di tipo sigillante dopo lucidatura finale per proteggere il legante cementizio poroso
    – I sistemi resinosi possono essere impermeabilizzati con un sigillante non-penetrante o di tipo superficiale poiché la matrice in questo sistema crea una superficie non porosa

    Per ulteriori informazioni su Terrazzo, vedere le seguenti procedure:
    09400-01-P  Linee guida di manutenzione preventiva di routine per Terrazzo
    09400-01-R  Rimozione di macchie di inchiostro da Terrazzo
    09400-02-R  Deceratura e pulizia dello sporco o scolorimento di Pavimenti di Terrazzo
    09400-03-R  Riparare piccole scheggiature e Crepe nel Terrazzo con boiacca di cemento
    09400-04-R  Installazione di un nuovo pavimento di Terrazzo connesso per combinarsi con un Terrazzo storico
    09400-05-R  Riparazione di crepe con resina eposssidica in Terrazzo
    09400-06-R  Rimozione macchie di olio lubrificante da pavimenti in terrazzo
    09400-07-R  Rimuovere le macchie di tabacco da pavimenti in terrazzo
    09400-08-R  Rimozione di macchie di caffè da Pavimenti in Terrazzo
    09400-09-R  Rimozione di macchie di Iodio da Pavimenti in Terrazzo.

     

  • ARENARIE: GRIGLIA DOCUMENTI E SOLUZIONI

    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    BMC
    SOLUTIONS
    SCHEDA
    US GSA
    info sostanze base e specifiche tecniche
    RIMUOVERE MACCHIE
    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA0445502-R
    MACCHIE DI OLIO E UNTO
    11R
    RIMUOVERE MACCHIE DI GRASSI CON TAMONI10R
    MACCHIE DI OLIO DI LINO12R
    VERNICI ACRILICHE E AL LATTICE
    13R
    MACCHIE ORGANICHE
    14R
    MACCHIE DI IODIO
    16P
    MACCHIE DI URINE
    17P
    MACCHIE DI INCHIOSTRO E COLORANTE
    19P
    MACCHIE DI RESIDUI ADESIVI23P
    MACCHIE DI MUFFA
    26R
    MACCHIE DI SILICONE SIGILLANTE
    29R
    MACCHIE E INCROSTAZIONI DI MALTA
    27R
    MACCHIE DI RUGGINERUST REMOVER KIT0440006R
    MACCHIE DI RAME/BRONZO0440007R
    PULIZIA E TRATTAMENTI
    RIMUOVERE SPESSE INCROSTAZIONI01R
    DECERARE DENSI STRATI SUL PAVIMENTO19P
    RIMUOVERE EFFLORESCENZE
    25P
    RIMUOVERE INGIALLIMENTO DEL MARMO28R
    TRATTAMENTO AREE SBIANCATE24P
    RIPRISTINARE IL LUCIDO
    RILUCIDAREMARBLE REPOLISHING KIT02P
    RIMUOVERE ETCH MARKSMARBLE RESTORE KIT15R
    RIPARAZIONI
    RIPARAZIONE CON EPOSSSIDICO DI PICCOLE CREPE E BUCHIMARBLE REPAIR KIT0445503P
    RIPARAZIONE DI CREPE CAPILLARI E PICCOLI INCAVIMARBLE REPAIR KIT0445508R
  • 0447001S – Arenarie: Caratteristiche, utilizzi e problemi

    ARENARIE: CARATTERISTICHE, USI E PROBLEMI

    Questo standard contiene informazioni generali su caratteristiche e usi comuni delle arenarie e individua i problemi tipici associati con il materiale con cause comuni del suo deterioramento.

    INTRODUZIONE

    Caratteristiche dell’Arenaria:
    – Una roccia sedimentaria costituita da sottili strati di sabbia, particelle minerali, e una matrice legante depositati uno sopra l’altro in ambienti acquatici e formazioni desertiche.
    – Molto porosa e l’acqua vi penetra facilmente.
    – Le Arenarie marroni, rosse, viola e rosa sono chiamate comunemente brownstone.
    – Disponibili in una varietà di texture di superficie e colori della tettonica terrestre.
    – Resiste meglio quando è esposta alle intemperie con la sua grana fine (in falda). La pietra al contro (controfalda) è soggetta ad un maggiore deterioramento. L’acqua danneggia una pietra al controi scheggiando o sfaldando interi strati di arenaria. Inoltre, i cicli gelo/disgelo consentono all’acqua di entrare nella pietra e poi congelare ed espandersi causando la separazione di alcuni strati superiori.
    NOTA: In molte applicazioni del 19° secolo, sulla faccia esposta all’esterno è stato usato il piano controfalda per ragioni estetiche. Questo era particolarmente comune nei contorni delle porte.

    IMPIEGHI TIPICI

    Usi storici tipici dell’arenaria comprendono:
    – Case a schiera urbane, edifici commerciali e chiese costruite dal 1840 per tutto il 20esimo secolo (queste erano di solito le brownstone); spesso localizzate nelle zone del nord-est e Mid-Atlantic degli Stati Uniti.
    – le arenarie di colore più chiaro, sono state usati più frequentemente dalla fine del 19 ° secolo.

    Gli usi tipici odierni di arenaria comprendo:
    – La nuova arenaria è in genere più spesso utilizzata per gli edifici di alta qualità progettati ad hoc. Tale pietra rappresenta il 13% del mercato delle pietre ornamentali (Mineral Information Institute). Inoltre, la nuova pietra arenaria viene utilizzata eventualmente per progetti di restauro.

    PROBLEMI E DEGRADO

    I problemi possono essere classificati in due grandi categorie: 1) naturali o problemi intrinsechi basati sulle caratteristiche del materiale e le condizioni di esposizione, e 2) Vandalismo e problemi antropici.
    Sebbene vi sia una certa sovrapposizione tra le due categorie, i
    problemi intrinsechi di deterioramento del materiale generalmente si manifestano gradualmente in lunghi periodi di tempo, a tassi prevedibili e richiedono procedura corretta o manutenzione preventiva per controllarli.
    Al contrario, molti problemi antropici, (soprattutto vandalismo), sono casuali nel verificarsi; possono produrre risultati catastrofici; sono difficile da prevenire, e richiedono interventi di emergenza per mitigarli.
    Alcuni problemi antropici, tuttavia, come l’uso improprio di pietre, impianti e dettagli possono essere mitigati con trattamenti correttivi sviluppati.

    PROBLEMI NATURALI E INTRINSECHI

    1. problemi correlati all’umidità: possono essere evidenti nella pietra arenaria come scheggiatura, erosione, screpolature, desquamazione e giunti di malta deteriorata.
    2. atmosferici: Disintegrazione della superficie della pietra in genere causata da erosione, azione chimica, e congelamento dell’umidità nella pietra.
    3. Esfoliazione: Separazione e perdita di vaste aree di pietra lungo i piani di stratificazione di solito causati da pietre a vista strato (controfalda).
    4. Esfoliazione nascosta: Separazione della pietra, lungo piani di stratificazione, ma dove gli strati sono ancora vagamente attaccati dietro la superficie. E’ spesso causato per aver posato la prima pietra con i piani di stratificazione paralleli con la superficie della parete (controfalda). La pietra con esfoliazione nascosta suonerà come vuota quando leggermente battuta con un martello di gomma.
    5. Rigonfiamento: rigonfiamento e rottura di una pelle sottile uniforme causata da agenti chimici aerodispersi che reagiscono con la pietra della superficie, formando una dura, pelle fragile. Le bolle spesso scoppieranno quando vengono toccate.
    6. Screpolature: strette fratture nella pietra da 1/16 a 1/2 pollice di larghezza.
    7. Distacco: Un taglio netto nella pietra, spesso derivante da un impatto brusco, o da sollecitazioni concentrate in una piccola area della pietra a causa di insediamento strutturale.

    PROBLEMI ANTROPICI

    1. Pietra posata con i suoi strati parallelo al piano della parete (controfalda) anziché perpendicolare al piano della parete (in falda): la pietra controfalda è più incline al deterioramento da agenti atmosferici dato che intere strati della pietra tendono a sfaldarsi.
    2. Dipingere su una superficie di pietra deteriorata può portare a problemi più gravi legati all’umidità quando il necessario trattamento è differito.
    3. Applicare una riparazione di cemento duro su superfici degradate:
    se viene utilizzata una miscela di riparazione inappropriato, può essere necessario dipingere l’intera superficie di pietra per ridurre la disparità visiva tra i due materiali, o rimuovere la riparazione.
    FINE DELLA SEZIONE

  • GRANITO: GRIGLIA DOCUMENTI E SOLUZIONI

    TABELLA DI INTERVENTO RAPIDO SU CALCARI, TRAVERTINI, ARENARIE CALCAREE
    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    PROCEDURA GSA
    agenti macchianti
    smacchianti
    SOLUZIONE BMC
    RIMUOVERE LE MACCHIE
    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA
    sostanze non ben identificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA, RIMOZIONE CON METODO “NEST”
    sostanze non ben identificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI OLIO E UNTO
    olio e grassi come vernici a base di olio, rossetto, burro, panna, latte, burro di arachidi, lozioni per le mani, senape e depositi costituiti da oli, grassi lubrificanti e/o prodotti bituminosi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI GRASSI, RIMDZIONE CON TAMPONI
    grassi lubrificanti
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI OLIO DI LINO, SPORCO FULIGGINOSO
    BOLLINO VERDE copia
    vernici all’olio di semi di lino, fuliggini
    soluzione BMC non ancora disponibile

    VERNICI ACRILICHE E AL LATTICE
    BOLLINO VERDE copia
    vernici al lattice e acriliche
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE ORGANICHE
    BOLLINO VERDE copia
    materia organica, escrementi di cibo, fiori, foglie, tè, caffè, sterco di uccelli o animali
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI IODIO
    BOLLINO VERDE copia
    iodio
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI URINE
    BOLLINO VERDE copia
    urina
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI INCHIOSTRO E COLORANTE
    BOLLINO VERDE copia
    inchiostri non metallici, coloranti
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI RESIDUI ADESIVI
    BOLLINO VERDE copia
    strati di adesivi essiccati o appiccicosi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI MUFFA
    BOLLINO VERDE copia
    muffa da funghi, alghe o altre piante viventi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI SILICONE SIGILLANTE
    BOLLINO VERDE copia
    film di silicone indurito
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE E INCROSTAZIONI DI MALTA
    BOLLINO VERDE copia
    malta, cemento
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI RUGGINE
    ossidi del ferro, inchiostri metallici
    soluzione BMC
    MACCHIE DI RAME/BRONZO
    BOLLINO VERDE copia
    ossidi di bronzo e rame
    soluzione BMC
    PULIZIA E TRATTAMENTI
    PATINE STRATIFICATE SU PAVIMENTI
    BOLLINO VERDE copia
    generiche colorazioni, macchie stratificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    RIMOZIONE SALI SOLUBILI
    BOLLINO VERDE copia
    solfati di sodio, potassio, magnesio o calcio;
    nitrati di sodio, potassio e calcio;
    carbonato di calcio; cloruro di sodio;
    silice
    • POLPA DI CELLULOSA
    soluzione BMC non ancora disponibile

    TRAVERTINO SCOLORITO/SCURITO
    BOLLINO VERDE copia
    ossidi di ferro
    • sodio dodecil solfato
    • Ipoclorito di sodio
    • Ipoclorito di Calcio
    soluzione BMC non ancora disponibile

    INQUINAMENTO
    BOLLINO VERDE copia
     fumo e fuliggine, grasso, olio, catrame, asfalto, cere, macchie di cibo e tracce delle mani
    soluzione BMC non ancora disponibile

    RIPRISTINARE LA FINITURA SUPERFICIALE
    RILUCIDARE
    BOLLINO VERDE copia
    • POLVERE LUCIDANTE PER MARMO
    soluzione BMC
    RIMUOVERE SEGNI DI CORROSIONI
    BOLLINO VERDE copia
    vino, birra, succhi di frutta, aceto, derivati del pomodoro, senape, bevande gassate, inchiostro o condimenti per insalata
    soluzione BMC
    RIPARAZIONI
    RIPARAZIONE CON EPOSSIDICO DI CREPE
    BOLLINO VERDE copia
    • RESINA EPOSSIDICA A 2 COMPONENTI
    soluzione BMC
    RIPARAZIONE DI SCHEGGIATURE
    BOLLINO VERDE copia
    • ADESIVO POLIESTERE
    • COMPOSTO LUCIDANTE
    soluzione BMC
  • CALCARI: GRIGLIA DOCUMENTI E SOLUZIONI

    TABELLA DI INTERVENTO RAPIDO SU CALCARI, TRAVERTINI, ARENARIE CALCAREE
    TIPOLOGIA
    PROBLEMA
    PROCEDURA GSA
    agenti macchianti
    smacchianti
    SOLUZIONE BMC
    RIMUOVERE LE MACCHIE
    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA
    sostanze non ben identificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI ORIGINE SCONOSCIUTA, RIMOZIONE CON METODO “NEST”
    sostanze non ben identificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI OLIO E UNTO
    olio e grassi come vernici a base di olio, rossetto, burro, panna, latte, burro di arachidi, lozioni per le mani, senape e depositi costituiti da oli, grassi lubrificanti e/o prodotti bituminosi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI GRASSI, RIMDZIONE CON TAMPONI
    grassi lubrificanti
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI OLIO DI LINO, SPORCO FULIGGINOSO
    BOLLINO VERDE copia
    vernici all’olio di semi di lino, fuliggini
    soluzione BMC non ancora disponibile

    VERNICI ACRILICHE E AL LATTICE
    BOLLINO VERDE copia
    vernici al lattice e acriliche
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE ORGANICHE
    BOLLINO VERDE copia
    materia organica, escrementi di cibo, fiori, foglie, tè, caffè, sterco di uccelli o animali
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI IODIO
    BOLLINO VERDE copia
    iodio
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI URINE
    BOLLINO VERDE copia
    urina
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI INCHIOSTRO E COLORANTE
    BOLLINO VERDE copia
    inchiostri non metallici, coloranti
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI RESIDUI ADESIVI
    BOLLINO VERDE copia
    strati di adesivi essiccati o appiccicosi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI MUFFA
    BOLLINO VERDE copia
    muffa da funghi, alghe o altre piante viventi
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI SILICONE SIGILLANTE
    BOLLINO VERDE copia
    film di silicone indurito
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE E INCROSTAZIONI DI MALTA
    BOLLINO VERDE copia
    malta, cemento
    soluzione BMC non ancora disponibile

    MACCHIE DI RUGGINE
    ossidi del ferro, inchiostri metallici
    soluzione BMC
    MACCHIE DI RAME/BRONZO
    BOLLINO VERDE copia
    ossidi di bronzo e rame
    soluzione BMC
    PULIZIA E TRATTAMENTI
    PATINE STRATIFICATE SU PAVIMENTI
    BOLLINO VERDE copia
    generiche colorazioni, macchie stratificate
    soluzione BMC non ancora disponibile

    RIMOZIONE SALI SOLUBILI
    BOLLINO VERDE copia
    solfati di sodio, potassio, magnesio o calcio;
    nitrati di sodio, potassio e calcio;
    carbonato di calcio; cloruro di sodio;
    silice
    • POLPA DI CELLULOSA
    soluzione BMC non ancora disponibile

    TRAVERTINO SCOLORITO/SCURITO
    BOLLINO VERDE copia
    ossidi di ferro
    • sodio dodecil solfato
    • Ipoclorito di sodio
    • Ipoclorito di Calcio
    soluzione BMC non ancora disponibile

    INQUINAMENTO
    BOLLINO VERDE copia
     fumo e fuliggine, grasso, olio, catrame, asfalto, cere, macchie di cibo e tracce delle mani
    soluzione BMC non ancora disponibile

    RIPRISTINARE LA FINITURA SUPERFICIALE
    RILUCIDARE
    BOLLINO VERDE copia
    • POLVERE LUCIDANTE PER MARMO
    soluzione BMC
    RIMUOVERE SEGNI DI CORROSIONI
    BOLLINO VERDE copia
    vino, birra, succhi di frutta, aceto, derivati del pomodoro, senape, bevande gassate, inchiostro o condimenti per insalata
    soluzione BMC
    RIPARAZIONI
    RIPARAZIONE CON EPOSSIDICO DI CREPE
    BOLLINO VERDE copia
    • RESINA EPOSSIDICA A 2 COMPONENTI
    soluzione BMC
    RIPARAZIONE DI SCHEGGIATURE
    BOLLINO VERDE copia
    • ADESIVO POLIESTERE
    • COMPOSTO LUCIDANTE
    soluzione BMC
  • 0446501S – Granito: Caratteristiche, utilizzi e problemi

    GRANITO: CARATTERISTICHE, UTILIZZI E PROBLEMI

    Questa scheda contiene informazioni generali sulle caratteristiche e utilizzi comuni del granito e individua i problemi tipici associati al materiale. Vedi anche scheda 04400-01-S per una guida su ispezione delle rotture nelle murature di pietra.

    INTRODUZIONE

    Il granito è una delle pietre più durevoli utilizzate nelle applicazioni artistiche e architettoniche, tra cui la scultura all’aperto. Il Granito è definito dalla American Society for Testing and Materials (ASTM) come “visibilmente granulare, roccia ignea generalmente di colore variabile dal rosa al grigio chiaro o scuro, e composto prevalentemente da quarzo e feldspati, accompagnati da uno o più minerali scuri “. La definizione va a sottolineare che “alcune rocce ignee granulari scure, sebbene non siano propriamente graniti, sono comprese nella definizione “. Alcune rocce ignee di colore scuro in realtà sono basalti, gabbri, dioriti, diabasi e anortositi sono estratti e venduti come “granito nero”.  Queste pietre contengono poco o per niente quarzo o feldspati alcalini, ma, ai fini pratici, sono utilizzati e intercambiabili con i veri graniti.

    Oltre a quarzo e feldspati, il granito può anche contenere altri minerali come la mica, orneblenda e, occasionalmente, pirosseno. Rispetto alle arenarie calcaree, marmo e calcari, il granito non è una pietra solubile in acido ed è molto più resistente agli effetti delle soluzioni, all’acqua piovana o ai detergenti acidi. In generale, le pietre da costruzione magmatiche come il granito, hanno una composizione più inerte; mostrano tassi di deterioramento molto più bassi; hanno un assorbimento d’acqua più basso, e sono più duri dei marmi, dei calcari e delle arenarie.

    IMPIEGHI TIPICI

    Il granito, come altre pietre da costruzione, viene utilizzato per una varietà di impieghi strutturali e decorativi. Il tipico utilizzo per esterni del granito comprende:

    1. Scultura

    2. Basi di sculture

    3. Pietra strutturale e involucro di edifici

    4. Assetto architettonico

    5. Pavimentazione e cordoli

    6. Lapidi.

    Alcune applicazioni, soprattutto quelle più semplici o più limitate, possono essere monolitiche, ma la maggior parte degli impieghi richiederanno l’unione di pezzi più piccoli attraverso vari metodi meccanici. Metodi e tecniche di giunzione devono essere individuati e valutati come parte integrante della valutazione del sistema di costruzione, a causa della ruolo fondamentale del giunto nel mantenere la solidità del sistema.

    PROBLEMI E DEGRADO

    I problemi possono essere classificati in due grandi categorie: 1) naturali o problemi intrinsechi basati sulle caratteristiche del materiale e condizioni di esposizione, e 2) Vandalismo e problemi di causa antropica.

    PROBLEMI NATURALI O INTRINSECHI AL GRANITO

    RIGONFIAMENTI:

    Un gonfiore sulla superficie seguita da una rottura di una sottile pelle uniforme. Sebbene comune per lo più su pietra arenaria, questo problema potrebbe verificarsi con il granito. Esso è tipicamente causato da sali disgelanti e/o acque sotterranee, quindi di solito è localizzato vicino a livello del terreno.

    Questa condizione può stabilizzarsi e rimanere costante, tuttavia precede spesso ulteriori problemi, come scheggiatura o esfoliazione. Attualmente non esiste un trattamento stabilito diverso che modifichi le condizioni che causano bolle, distacchi o delaminazione. Quando si osserva questo sintomo, va osservato nelle relazioni di valutazione o ispezione e riferito al Regionale Historic Preservation Officer (RHPO).

    SCHEGGIATURA:

    Il distacco di piccoli pezzi o frammenti più grandi da una pietra, spesso in corrispondenza degli angoli, spigoli o giunti di malta è nota come scheggiatura. Queste fratture sono generalmente causate da deterioramento e ristuccatura, soprattutto a causa dell’uso di una malta di stuccatura troppo forte, da incidenti o vandalismo .

    Per indicazioni specifiche sulla riparazione di scheggiature del granito, vedere scheda 04455-03 – R

    SCREPOLATURE :

    Questa condizione si manifesta con la comparsa di strette fessure che vanno da meno di 1,5 mm  a 10/2mm di larghezza o più nella pietra.

    Esse sono dovute a una varietà di cause, come sovraccarico strutturale dovuto ad assestamento, uso di una miscela di malta troppo forte o di un difetto nel materiale. La fessurazione minore può non essere un problema, in sé e per sé, ma può essere un’indicazione di problemi strutturali e le fessure possono essere una fonte di entrata di acqua verso l’interno della pietra, promuovendo la migrazione di sale.

    Per indicazioni specifiche sulla riparazione di crepe nel granito, vedere scheda 04455-03-R

    DISTACCO:

    Questo non è un guasto all’interno del materiale di per sé ma un cedimento del sistema di costruzione, cioè connettori e/o giunzioni. La definizione implica che il componente difettato resta intatto e può essere nuovamente installato utilizzando appropriate tecniche meccaniche.

    Il guasto di ancore o connettori metallici che portano al distacco può essere causato e/o accelerato dalla penetrazione dell’acqua nella struttura dietro la pietra, provocando ruggine e corrosione.

    Un adeguato fissaggio e coibentazione impediranno perdite e penetrazione di acqua nel sistema.

    Per indicazioni specifiche sulla riparazione di granito distaccato, vedere schede 04465-11-R

    EFFLORESCENZE:

    Un deposito di aspetto biancastro localmente o uniforme sulla superficie può essere un’efflorescenza, deposizione superficiale di sali solubili. Ci sono numerose fonti di sali solubili che creano l’aspetto annebbiato; i sali possono provenire da malte, detergenti impropri , umidità di risalita, sali antigelo , trattamenti chimici ambientali e inquinamento atmosferico.

    Le efflorescenze possono essere un residuo di sale derivante da pulizia chimica impropria, cioè  un detergente chimico troppo forte un o risciacquo inadeguato. Può anche essere un’indicazione di problemi di acqua. La migrazione di sale e/o sub-fioritura e le efflorescenze devono essere considerate un sintomo che deve essere esaminato per individuare l’origine dei sali solubili e/o la fonte di umidità. Devono quindi essere intraprese azioni correttive per eliminare la fonte del problema una volta che viene identificato.

    Alcuni efflorescenze possono verificarsi naturalmente con pietre nuove, malte e materiali di installazione. Normalmente, questa efflorescenze verrà rimossa dalla pioggia naturale e processi atmosferici e/o lavaggio normale. La nuova o continua comparsa di efflorescenze è un forte indicatore di problemi come l’umidità di risalita, metodi di pulizia inappropriati, i quali dovrebbero essere sottoposti al RHPO.

    Per indicazioni specifiche sulla rimozione di efflorescenze granito, vedere  scheda 04500-02-R

    EROSIONE:

    L’erosione è l’asportazione dalla superficie di materiale per l’azione naturale del vento, delle particelle nel vento e nell’acqua. Può verificarsi con il granito nonché su qualsiasi materiale esposto. Questo problema è meno grave con il granito che con altre pietre, tuttavia le ispezioni dovrebbe comprendere un esame per qualsiasi perdita apparente di dettaglio e nitidezza degli spigoli che potrebbe essere causa di erosione.

    L’erosione può essere un problema minore su roccia a spacco cava, ma può essere un problema più serio sulla pietra con dettagli  più precisi. Poco si può fare per risolvere questo problema quando si verifica, oltre che proteggere la superficie da ulteriore esposizione per interrompere o ritardare il processo.

    DESQUAMAZIONE:

    Questa è una fase iniziale di più gravi problemi come desquamazione, esfoliazione, sfaldamento o scheggiatura evidenziata dal distacco di piccoli pezzi sottili piatti di strati esterni di pietra da un pezzo più grande di pietra. La desquamazione è di solito causata da umidità capillare o cicli di gelo-disgelo che si verificano all’interno della muratura.

    L’applicazione di rivestimenti idrorepellenti possono provocare desquamazione intrappolando l’umidità sotto la superficie.

    Il problema può verificarsi anche a causa di sub-fioritura, cosicché se si verifica desquamazione, l’area deve essere esaminata per determinare se la cristallizzazione del sale avviene in aree a scaglie.Il sintomo sarà un sottile strato di un deposito biancastro dove il sub-strato è esposto. Le indagini devono essere effettuate al più presto possibile o le ispezioni devono essere indirizzate dove gli strati non sono ancora separati, perché la prova di sub-fioritura può essere stata lavata via dopo che il substrato è stato esposto.

    Per indicazioni specifiche sulla riparazione di granito esfoliato, vedi scheda 04465-15-R

    SCROSTAMENTO :

    Lo scostamento è l’asportazione della superficie dal substrato in strisce o strati. Esso può derivare da un uso non corretto dei rivestimenti murari che determinano la rottura del rivestimento e/o superficie di pietra.

    L’incrostazione della superficie causata da reazioni chimiche con gli elementi ambientali può anche scrostarsi o sfaldarsi lungo il piano di contatto con la pietra.

    UMIDITA’ DI RISALITA:

    L’umidità di risalita è il risucchio delle acque sotterranee nella base della muratura attraverso l’azione capillare. L’umidità è pompata nel calcare e può salire e scendere a causa di condizioni di temperatura, umidità, livello del posto, mancanza o rottura di scoli umidi, e/o trattamenti alle superfici murarie che influenzano l’evaporazione .

    Durante i periodi umidi attivi, l’umidità ascendente può essere visibile come uno scurimento del calcare lungo la base a terra. A causa del continuo cambiamento del livello di umidità dovuto alle condizioni variabili di esposizione, le macchie o le efflorescenze possono essere visibili ad una distanza di diversi metri dal suolo. Il persistere del problema può portare a più gravi problemi di desquamazione, secchezza e/o scheggiatura, ma la correzione del problema richiede l’ eliminazione della fonte di acqua o l’interruzione del suo percorso nella pietra tramite impermeabilizzanti fisici o chimici.

    SCHEGGIATURA :

    La scheggiatura è la separazione e il distacco di pezzi di pietra a causa di sub-fioritura, gelo-disgelo, rifissaggio improprio con mix di malta o cemento Portland troppo duri, o sovraccarico strutturale della pietra.

    La scheggiatura è meno frequente con il granito che con le pietre sedimentarie che sono anche meno compatte. Il granito è abbastanza compatto da resistere alle forze interne che potrebbero causare distacchi in altre pietre naturali o costruzioni in muratura.

    Per indicazioni specifiche sulla riparazione di granito scheggiato, vedere scheda 04400-03 -R

    SUB – FIORITURA :

    Questo è un accumulo interno potenzialmente dannoso di sali solubili depositati sotto o appena sotto la superficie muraria come l’umidità nella parete evapora.

    La fonte dei sali può derivare da sali disgelanti; detergenti chimici o prodotti ambientali; malta e/o di inquinamento atmosferico. I sali vengono disciolti nella pietra nell’acqua piovana o di falda attraverso l’assorbimento naturale, risalendo giunti umidi o scadenti.

    L’accumulo di sali e la loro cristallizzazione possono creare pressioni sostanziali all’interno della pietra, provocando rotture di pezzi lungo i piani di deposizione. L’efflorescenza in superficie è un’indicazione che è possibile la sub-fioritura. Le tecniche di mitigazione del problema comprendono l’applicazione di impacchi, la rimozione delle fonti di sale individuate, l’eliminazione dell’umidità nella pietra e impermeabilizzazione.

    MACCHIATURA:

    Una varietà di macchie possono apparire sulla pietra, ciascuna con diverse caratteristiche e requisiti per la rimozione. La macchiatura può essere causata da fonti quali:

    1. Escrementi di uccelli

    2. Ferro o connettori di acciaio corrosi all’interno della muratura

    3. Cristallizzazione di sali (efflorescenze)

    4. Gocciolamento da bronzo o scultura/ornamento in metallo

    5. Concrescenze di particelle (sporcizia, fuliggine, ecc), e

    6. Graffiti.

    L’identificazione del tipo di macchiatura è necessaria prima della pianificazione della rimozione delle macchie. Per indicazioni specifiche sulla rimozione delle macchie, vedere il seguente:

    1. Escrementi di uccelli, vedere scheda 04510-02-R.

    2. Sporco/fuliggine, vedere schede 04400-01-P, 04400-02-P, 04400-03-P e 04465-03-R

    3. Macchie di bronzo/rame, cedere scheda 04465-02-R

    4. Graffiti, vedere schede 04455-12-R e 04455-13-R

    5. Macchie di ruggine da corrosione, vedere scheda 04465-01-R

     

    FINE

  • 0446001S – Calcari: caratteristiche, usi e problemi

    CALCARE: CARATTERISTICHE, USI E PROBLEMI

    Questa procedura include informazioni generali sulle caratteristiche e usi comuni delle pietre calcaree calcare e individuare problemi tipici associati con il materiale. Vedi anche scheda 04400-01-S per una guida su ispezioni delle rotture nelle opere in pietra.

    INTRODUZIONE

    Il calcare è una roccia sedimentaria composta principalmente di carbonato di calcio (calcite) o doppio carbonato di calcio e magnesio (dolomite). E comunemente composta da minuscoli fossili, frammenti di conchiglia e altri detriti fossilizzati. Questi fossili sono frequentemente visibili ad occhio nudo con un attento esame della superficie di pietra, tuttavia ciò non sempre accade. Alcune varietà di calcare hanno una grana estremamente fine.

    Il calcare è normalmente grigio, ma può essere anche bianco, giallo o marrone. Si tratta di una roccia morbida e si graffia facilmente. Farà facilmente effervescenza in qualsiasi acido comune.

    I calcari possono variare notevolmente in consistenza e porosità dalla coquina, che è una matrice di conchiglie di mare intere o in pezzi vagamente cementate da calcite, ai calcari oolitici e calcari microcristallini le cui strutture sono così fini che possono essere visti solo sotto ingrandimento.

    I depositi calcarei possono subire metamorfismo durante i principali eventi geologici con conseguente ricristallizzazione come il calcare.

    Il Calcare oolitico consiste di notevoli quantità di “ooliti.” Gli ooliti sono piccoli granuli sferici o sub-sferici concentrici di calcite.

    La classificazione di calcari e marmi può essere fonte di molta confusione per i non geologi. La stessa pietra può essere commercializzata una volta come pietra calcarea e, in altro tempo e luogo, venduti come calcare. Le sottigliezze che talvolta differenziano gradi e tipi di pietre sono spesso al di là della preoccupazione e competenze degli addetti alla manutenzione, amministratori di condominio e architetti storici con la responsabilità per la manutenzione delle risorse.

    Mentre questo è comprensibile, non si deve tralasciare o eliminare il necessario per identificare accuratamente i materiali che devono essere trattati e manutenzionati. La mancata identificazione esatta di un materiale da trattare può comportare la mancata considerazione di importanti dati tecnici che poi si traduce in danni irreversibili alle risorse.

    Nel tentativo di migliorare la precisione nell’identificazione della categoria generale dei calcari a livello ‘macro’, la seguente sezione contiene le descrizioni dei tipi più comuni di calcare, ma questa informazione non è un sostituto per la formazione e l’esperienza per individuare e catalogare correttamente i tipi di pietra. Le

    seguenti definizioni sono tratte dal documento dell’ American Society for Testing and Materials (ASTM) ,”Definizione Standard dei termini relativi alle pietre naturali da costruzione. “

    Calcarenite: la Calcarenite è composta di granelli di dimensioni della sabbia di calcite, di solito sotto forma di minuscoli frammenti di conchiglie fossili, e detriti fossili. Alcuni calcareniti contengono ooliti e se le oolites sono presenti in quantità sufficiente, la pietra è chiamata Calcare Oolitico. Il Calcare Oolitico è una sotto-categoria della calcarenite.

    Lumachella: la Lumachella (o Coquina ) consiste di framenti grezzi, conchiglie inalterate, spesso abbastanza grandi, vagamente cementate da calcite. È generalmente molto grossolana e porosa, spesso costituito da ostriche e conchiglie marine e frammenti.

    Dolomite: la Dolomite è una roccia sedimentaria composta di carbonato di calcio e carbonato di magnesio. Chiamato anche “calcare magnesio”, contiene dal 5 al 40% di carbonato di magnesio.

    Calcare Microcristallino: Questa è una struttura calcarea di cristalli troppo piccoli per essere visto senza ingrandimento.

    Calcare Oolitico: il Calcare Oolitico è una pietra calcarea di calcite cementata composta da frammenti di conchiglie, di carattere praticamente non cristallino. In generale, senza sfaldamenti, e di composizione e consistenza estremamente uniforme, il calcare oolitico si adatta alle variazioni di temperatura.

    Travertino: un carbonato di calcio, di solito di colore chiaro, il travertino può essere estremamente poroso o cellulare. Di solito è depositato da solidi nelle acque sotterranee.

    Il colore del Calcare va in genere da un bianco puro costante a un bianco sporco. Molte varietà non prendono una buona lucidatura, così che la superficie di solito è una finitura levigata, non lucida. I Calcaree, come il calcare e altre pietre calcaree, sono indicati come acido sensibili. Le pietre calcaree sono facilmente sciolte dall’acido, pertanto i prodotti acidi non devono essere utilizzati su calcari e marmi.

    IMPIEGHI TIPICI

    Il calcare è ampiamente utilizzato in applicazioni architettoniche per pareti, finiture decorative e rivestimenti. Viene meno frequentemente utilizzato come materiale da scultura, a causa della sua porosità e morbidezza, comunque, si tratta di un materiale base comune. Può essere trovato sia in applicazioni portanti (strutturali) che di rivestimento.

    PROBLEMI E DEGRADO

    Gli agenti atmosferici possono avere un effetto degradante su spetto e solidità strutturale del calcare. I fattori includono pioggia, neve, temperatura, vento e inquinanti atmosferici. Generalmente questi fattori agiscono in combinazione tra loro o con altri agenti di deterioramento.

    L’acqua piovana, soprattutto in combinazione con i gas atmosferici spesso con conseguente pioggia acida può determinare lo scioglimento del calcare, causando livelli elevati di movimento salino all’interno della struttura di pietra. La temperatura può influenzare i tassi di degrado e (in pietre più grandi) il movimento dei pezzi, così come i modelli di migrazione del sale all’interno della pietra.

    La maggior parte dei problemi naturali o intrinseci che possono verificarsi con il calcare richiede un certo grado di umidità per verificarsi, tuttavia altri problemi possono verificarsi indipendentemente quali l’erosione del vento e atti di vandalismo.

    PROBLEMI NATURALI O INTRINSECHI AL CALCARE

    ATMOSFERICI:

    Il calcare sottoposto alle esposizioni esterne si deteriora a causa degli agenti atmosferici o degli effetti naturali di vento, pioggia, e variazione termica. Il calcare è estremamente durevole. Esso, tuttavia, assorbe acqua e, poiché è una roccia carbonatica, è altamente reattivo quando esposto ad acidi o acqua piovana anche un po’ acida, e può soffrire di deterioramento sostanziale. L’effetto più comune degli agenti atmosferici e l’erosione è la perdita di precisi dettagli.

    Può essere fatto poco per ripristinare brevi spigoli di dettaglio ri-scolpendo la pietra e di solito è fattibile.

    EROSIONE:

    L’erosione può essere il risultato di agenti atmosferici generali sopra descritti, o può essere un fenomeno più localizzato basato su manipolazione o esposizione. Il vento trasporta abrasivi dispersi nell’aria che possono selettivamente portare via dettagli su alcuni rilievi, basandosi sulla direzione di venti prevalenti. Uno dei pochi modi efficaci per affrontare questo problema è tramite il paesaggio dove piantumazioni e/o inclinazione possono deviare il vento. Tale paesaggio e/ o inclinazione possono variare dal semplice e poco costoso fino ad un grande e costoso intervento.

    Dovrebbe essere coerente con la politica appropriata per la gestione dei paesaggi culturali. Essa può, tuttavia, essere costo valido quando si considera la vita lunga della pietra.

    I sintomi di erosione può essere sia semplice come la perdita di nitidezza degli spigoli come sopra descritto, oppure può essere molto localizzata, specifica l’usura dovuta al contatto con attrezzature l’abbellimento e taglio.

    Danni localizzati dovuti al contatto da tagliaerba o apparecchiatura per altre operazioni di manutenzione è prevenibile. Qualora vi sia evidenza di recidiva di danni fisici, dovrebbero essere prese misure per proteggere la risorsa.

    MACCHIATURA:

    Lo scolorimento del calcare, di carattere generale o localizzata, è macchiatura. La macchiatura, può essere il risultato di esposizione a una varietà di sostanze esterne o occlusioni interne alla pietra o elementi strutturali.

    Alcuni dei tipi più comuni di colorazione e gli agenti causali sono:

    1. macchie di olio/grasso: Queste macchie sono di solito il risultato di atti di vandalismo o uso. Una varietà di oli organici o inorganici può essere assorbita nella pietra al momento del contatto. La profondità di penetrazione dipenderà dalla viscosità dell’olio/grasso, temperatura, porosità pietra , finitura e secchezza.

    La comparsa di macchie di grasso/olio che sono costituite da un scurimento della pietra nella zona di contatto. I bordi della macchiatura saranno generalmente diffusi, soprattutto dopo un periodo prolungato. Ci sono tecniche standard per la rimozione di macchie di olio e grasso.

    Per indicazioni specifiche sulla rimozione di macchie di olio/grasso da calcare, vedere schede 04455-10-R e 04455-11-R

    2. Coloranti e inchiostri: La colorazione potrebbe essere di qualsiasi colore a seconda del tipo e la fonte del colorante. Questo tipo di colorazione è probabile che sia estremamente localizzato intorno alla zona di contatto. Il liquido contenente la colorazione può essere assorbito nella pietra e durante il normale processo di evaporazione, il pigmento del colorante si deposita nella pietra.

    Per indicazioni specifiche sulla rimozione di macchie di inchiostro e coloranti dal calcare, vedere scheda 04455-18-R

    3. macchie organiche: le macchie organiche sono causati dal contatto diretto con la materia organica in decomposizione, come foglie, escrementi di uccello o altri animali, fiori, tè o caffè. Indipendentemente dalla sorgente queste macchie tendono ad essere di un lieve colore bruno-rossastro. Spesso scompaiono dopo che la fonte è stata rimossa. Queste macchie possono essere lasciati alle intemperie e candeggiare o ossidare dopo la rimozione della fonte organica, tuttavia un residuo può ancora rimanere sulla pietra.

    Per indicazioni specifiche sulla rimozione di macchie organiche da calcare, vedere scheda 04455-14-R

    4. macchie metalliche: ci sono due grandi categorie di colorazione metallica, queste tendono ad essere basate o su ferro o su rame. La fonte della colorazione può essere nei componenti o elementi strutturali interni. Una fonte importante è l’acqua di lavaggio, o gocciolamento, da elementi metallici adiacenti, soprattutto bronzo e rame.

    a. Macchie di ruggine: Queste macchie sono di colore rosso-arancione e sono causate dalla ossidazione (ruggine) del ferro. La fonte di macchie da ferro è di solito il collegamento o componenti strutturali. Questi componenti sono solitamente nascosti e protetti; Tuttavia, la penetrazione di acqua da cattivi giunti o fessure possono attivare o accelerare la formazione di ruggine. Lo scolorimento può essere all’interno della pietra o può essere un deposito di ruggine sulla superficie della pietra. I depositi di ruggine superficiali possono talvolta essere rimossi con sfregamento a mano con un panno pulito. L’esame della macchia dovrebbe includere tale sfregamento per determinare se è solo un deposito superficiale.

    Per indicazioni specifiche sulla rimozione di macchie di ruggine dal calcare, vedere scheda 04400-06-R

    b. Macchie bronzo e rame: Macchie da gocciolamento dell’acqua dal bronzo può variare di colore da un verde chiaro al marrone scuro. La macchiatura è causata dai sali di rame disciolti (da rame o bronzo) che bagnano la pietra, poi si ossidano. Il pattern della colorazione è probabile che sia localizzato, striato e nel percorso del gocciolamento dalla sorgente metallica.

    Per indicazioni specifiche sulla rimozione di macchie bronzo e rame da calcare, vedere scheda 04400-07-R

    SBRICIOLAMENTO:

    Questa condizione è dovuta a una certa fragilità o tendenza della pietra a rompersi o a sciogliere. Essa può essere causata da una debolezza intrinseca nella pietra o graduale deterioramento della struttura legante o cristallina o può essere il risultato di fattori esterni che influenzano la resistenza e la durevolezza del calcare.

    Questa condizione può essere causato dall’uso di sali disgelanti o qualsiasi altra fonte di migrazione salina, come quella che può verificarsi quando è presente risalita di umidità. Vi è attualmente poco che può essere fatto per riparare il danno una volta che questa condizione si è sviluppata, tuttavia la diagnosi precoce dei potenziali problemi e l’eliminazione di fonti di sali è fondamentale per arrestare il processo. Quando questa condizione è grave e, ovviamente, causata dal pesante uso o inadeguato di sali disgelanti, è talvolta chiamata “consumazione salina”. La regolare conservazione della manutenzione può eliminare le cause che promuovono lo sgretolamento, però , una volta avvenuta la condizione, la correzione o la riparazione è al di là del livello di procedura di manutenzione . Il Regional Historic Preservation Officer ( RHPO ) deve essere contattato per assistenza .

    SCHEGGIATURA:

    La separazione di piccoli pezzi o frammenti più grandi da una pietra, spesso in corrispondenza degli angoli, spigoli o giunti di malta è nota come scheggiatura. Queste fratture sono generalmente causate dal deterioramento e ristuccatura, soprattutto a causa dell’uso di troppo forte della malta di stuccatura, o da incidenti o vandalismo .

    Le riparazioni includono le riparazioni dei distacchi, rattoppi e giunzioni. La riparazione della pietra scheggiata richiede un muratore qualificato e non è una procedura di manutenzione. Se la scheggiatura è dovuta agli urti occasionali da taglio o altri interventi di manutenzione ambientale, dovrebbero essere prese le misure per evitare danni futuri.

    Per indicazioni specifiche sulla riparazione di scheggiature del calcare , vedere scheda 04455-03 – R 

    SCREPOLATURE :

    Questa condizione si manifesta con la comparsa di strette fessure che vanno da meno di 1mm a 10/12 mm di larghezza o più nella pietra .

    Esse sono dovute a una varietà di cause, come sovraccarico strutturale dovuto ad assestamento, uso di una miscela di malta troppo forte o di un difetto nel materiale. La fessurazione minore può non essere un problema, in sé e per sé, ma può essere un’indicazione di problemi strutturali e le fessure possono essere una fonte di entrata di acqua verso l’interno della pietra, promuovendo la migrazione sale. Il calcare è un materiale relativamente omogeneo in quanto viene cristallizzato sotto forte calore e pressione.

    Esso, tuttavia, ha avuto evoluzione da pietre sedimentarie e può avere piani fisici/strutturali di densità e forza diversa.

    La screpolatura, che consente ad acqua o sali di entrare nella pietra , aumenta la possibilità di un guasto lungo i piani con successiva scheggiatura. Le riparazioni includono rattoppo e sostituzione.

    Per indicazioni specifiche sulla riparazione di crepe nel calcare , vedere scheda 04455-03-R

    DISTACCO :

    Questo non è un difetto del calcare, ma piuttosto un difetto del sistema di costruzione, cioè i connettori e/o giunti. La definizione implica che il componente difettato sopravvive intatto e può essere nuovamente installato utilizzando appropriate tecniche meccaniche.

    Il distacco non può avvenire con un pezzo monolitico. Visivamente, i pezzi staccati possono essere separati da quelle circostanti.

    Il guasto di ancore o connettori metallici che portano al distacco può essere causato e/o accelerato dalla penetrazione dell’acqua nella struttura dietro la pietra, provocando ruggine e corrosione.

    Adeguato fissaggio e coibentazione impediranno perdite e penetrazione di acqua nel sistema.

    Per indicazioni specifiche sul riassicurare la pietra calcarea staccata, vedere scheda 04455-21-R

    EFFLORESCENZE :

    L’aspetto di un deposito biancastro localmente o uniforme sulla superficie può essere efflorescenza, la deposizione superficiale di sali solubili. Ci sono numerose fonti di sali solubili che creano l’aspetto annebbiato; i sali possono provenire da malte, detergenti impropri , umidità di risalita, sali antigelo , trattamenti chimici ambientali e inquinamento atmosferico. I depositi biancastri di sali possono essere molto meno evidente sul calcare bianco che sulle pietre scure e i mattoni.

    Su superfici lucide, i depositi ridurranno la brillantezza e presentano una zona diffusa o offuscata .

    Le efflorescenze possono essere un residuo di sale derivante da pulizia chimica impropria, cioè t un detergente chimico troppo forte un o risciacquo inadeguato. Può anche essere un’indicazione di problemi di acqua. La migrazione di sale e/o sub-fioritura e le efflorescenze devono essere considerato un sintomo che deve essere esaminato per identificare l’origine dei sali solubili e/o la fonte di umidità .

    Devono quindi essere intraprese azioni correttive per eliminare la fonte del problema una volta che si identifica.

    Alcuni efflorescenze possono verificarsi naturalmente con pietre nuove, malte e materiali di installazione. Normalmente, questa efflorescenze verrà rimossa dalla pioggia naturale e processi atmosferici e/o lavaggio normale. La nuova o continua comparsa di efflorescenze è un forte indicatore di problemi come l’umidità di risalita, metodi di pulizia inappropriati, i quali dovrebbero essere sottoposti al RHPO .

    Per indicazioni specifiche sulla rimozione di efflorescenze dal calcare, vedere scheda 04455-25 – R

    EROSIONE :

    L’erosione è l’asportazione della superficie del materiale per l’azione naturale del vento, particelle nel vento e nell’acqua. Può verificarsi con marmi e materiali esposti. Le ispezioni dovrebbero includere un esame di qualsiasi perdita apparente di dettagli e nitidezza degli spigoli che potrebbero essere causati da erosione.

    L’erosione può essere un problema minore su roccia o calcare a spacco cava, ma può essere un problema più serio sulla pietra con più precisi dettagli. Poco si può fare per risolvere questo problema una volta che si verifica, oltre che proteggere la superficie da ulteriore esposizione a interrompere o ritardare il processo.

    SFALDAMENTO:

    Questa è una fase iniziale di desquamazione, esfoliazione, delaminazione o scheggiatura evidenziata dal distacco di piccoli pezzi sottili piatti di strati esterni di pietra da un pezzo più grande di pietra. La desquamazione è di solito causata da umidità capillare o cicli di gelo-disgelo che si verificano all’interno della muratura.

    Il problema può verificarsi anche a causa di sub-fioritura, cosicché se si verifica desquamazione, l’area deve essere esaminata per determinare se la cristallizzazione del sale avviene in aree a scaglie.

    SCROSTAMENTO :

    Lo scostamento è l’asportazione della superficie dal substrato in strisce o strati. Essa può derivare da un uso non corretto di rivestimenti murari che determinano il guasto del rivestimento e/o superficie di pietra. Essa può anche derivare da un difetto della pietra o da agenti atmosferici.

    L’incrostazione della superficie causato da reazioni chimiche con gli elementi ambientali può anche staccarsi o sfaldarsi lungo il piano di assestamento .

    UMIDITA’ DI RISALITA:

    Umidità di risalita è l’aspirazione delle acque sotterranee nella base della muratura attraverso l’azione capillare. L’umidità è pompata nel calcare e può salire e scendere a causa di condizioni di temperatura; umidità; livellamento del posto; mancanza o guasto di corsi umidi, e/o trattamenti alle superfici murarie che influenzano l’evaporazione .

    Durante i periodi umidi attivi, l’umidità ascendente può essere visibile come uno scurimento del calcare lungo la base a terra. A causa del continuo cambiamento del livello di umidità causa delle condizioni variabili di esposizione, macchie o efflorescenze possono essere visibili ad una distanza di diversi metri dal suolo. La continuazione del problema può portare a più gravi problemi di desquamazione, secchezza e/o scheggiature, ma la correzione del problema richiede l’ eliminazione della fonte di acqua o l’interruzione del suo percorso nella pietra da impermeabilizzanti fisici o chimici.

    SCHEGGIATURA :

    La scheggiatura è la separazione e il distacco di pezzi di pietra a causa di sub-fioritura, gelo-disgelo, rifissaggio improprio con un mix di malta o cemento Portland troppo duri, o sovraccarico strutturale della pietra.

    La scheggiatura è meno frequente con il calcare che con le pietre sedimentarie che sono anche meno dense. Il calcare è abbastanza denso da resistere alle forze interne che potrebbero causare distacchi in altre pietre naturali o fabbricati in muratura.

    Per indicazioni specifiche sulla riparazione di scheggiature del calcare, vedere schede 04400-03 – R e 04455-03 – R

    SUB – FIORITURA :

    Questo è un accumulo interno potenzialmente dannoso di sali solubili depositati sotto o appena sotto la superficie muraria come l’umidità nella parete evapora.

    L’accumulo di sali e la loro cristallizzazione possono creare pressioni sostanziali all’interno della pietra, provocando rotture di pezzi lungo i piani di deposizione. L’efflorescenza in superficie è un’indicazione che è possibile la sub -fioritura. Le tecniche di mitigazione del problema comprendono l’applicazione di impacchi, la rimozione delle fonti di sale individuate, l’eliminazione dell’umidità nella pietra e impermeabilizzazione.

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0440007R – Rimozione di macchie di Rame/Bronzo da calcari e marmi

    PROCEDURA  GSA  04400-07-R

    RIMOZIONE DI MACCHIE DI RAME/BRONZO DA CALCARI E MARMO


    PARTE 1 — GENERALE

    1.01  SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione di macchie di rame e bronzo da calcari e marmo. Sono descritti alcuni metodi.

    B. Le macchie di rame appaiono come macchie verdi o marrone-fango e sono causate dall’azione dell’umidità su bronzo, rame e/o oggetti in ottone vicini o incastonati.

    C. Precauzioni sicurezza:

    1 . NON conservare i quantitativi non utilizzati dei materiali di rimozione della macchia.
    2 . NON conservare nessuna sostanza chimica in contenitori non etichettati.
    3. DEVE ESSERE ESEGUITA UNA VENTILAZIONE ECCELLENTE OVUNQUE VIENE UTILIZZATO DEL SOLVENTE. USARE RESPIRATORI CON FILTRI PER SOLVENTE.
    4. Negli interni non dovrebbe essere permesso nessun uso di solventi organici senza un consistente movimento dell’aria. Usare solo ventilatori a prova di scintilla vicino a operazioni che comportano liquidi infiammabili.
    5. Reperire indumenti adeguati e dove le sostanze chimiche sono indicate come pericolose l’equipaggiamento protettivo.
    6. Avere a disposizione antidoto e trattamenti chimici in caso di incidente dove indicato.

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01 MATERIALI

    A. Per macchie di colore chiaro:

    1. Sodio Idrogeno Citrato ( NaC6O7H7 ) – ( appare come granuli di sale grosso) :

    a. Altri nomi chimici o comuni: citrato di sodio*.
    b. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, drogherie o distributori di forniture farmaceutiche.

    2. Glicerina :

    a. Un alcol triidrossi igroscopico dolce sciropposo di solito ottenuto per saponificazione dei grassi e utilizzato soprattutto come solvente e plastificante.
    b. Altri nomi chimici o comuni: glicerolo; Idrossido di glicerile ; alcol di glicile; 1,2,3 – propantriolo ; Alcol propenile.
    c . Rischi potenziali : INFIAMMABILE.
    d. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, drogherie o distributori di forniture farmaceutiche.

    3. Tamponi di cotone – lana

    B. Per macchie marcate:

    1. Sodio Idrogeno Citrato ( Vedi 2.01 A.1 sopra)

    2. Tiosolfato di sodiocristallino – sale bianco o ” ipo” di sostanze di fissaggio fotografico (Na2S2O3) . :

    a. Un sale igroscopico utilizzato soprattutto come fissativo fotografico e sostanza riducente o per candeggio.
    b. Altri nomi chimici o comuni: Idrosolfito di sodio; Sodio iposolfito; Subsolfite di sodio; Antichlor *; Hypo *; iposolfite di soda*.
    c . Potenziali pericoli: TOSSICO ; CORROSIVO PER CALCESTRUZZO, ACCIAIO, LEGNO O VETRO .
    d . Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, distributori di forniture di pulizia a secco, farmacie o distributori di forniture farmaceutiche, distributori di forniture fotografiche (non i negozi di fotocamere) , o distributori di forniture acqua e servizi igienico-sanitari.

    3. Ovatta di cotone

    C. Per fare impacchi:

    1. Cloruro di ammonio – Sostanza simile al sale ( NH4Cl ):

    a. Un sale volatile cristallino bianco che viene utilizzato nelle pile a secco e come espettorante:
    b. Altri nomi chimici o comuni includono ammonio cloridrato; Cloruro di Ammoniaca *; Cloridrato di ammoniaca*; Cloruro di ammoniaca* ; Sale ammoniaco* .
    c . I rischi potenziali : TOSSICO ; CORROSIVO ALLA CARNE; CORROSIVO PER CALCESTRUZZO, ACCIAIO , LEGNO O VETRO .
    d . Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, distributori di forniture di pulizia a secco, farmacie o distributori di forniture farmaceutiche, o negozi di ferramenta .

    2.  Idrossido di ammonio ( NH5O ) :

    ATTENZIONE: NON MESCOLARE L’AMMONIACA CON CANDEGGINE CLORATE , CAUSA GAS VELENOSI ! NON USARE CANDEGGINA SU ESCREMENTI DI UCCELLI.

    a. Un composto basico debolmente che si forma quando l’ammoniaca si scioglie in acqua e che esiste solo in soluzione.
    b. Altri nomi chimici o comuni: acqua di Ammoniaca*; ammoniaca per casa* .
    c . I rischi potenziali : TOSSICO ; PUÒ IRRITARE GLI OCCHI.
    d. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, negozi di alimentari o distributori di forniture farmaceutiche , o negozi di ferramenta.

    NOTA : L’USO TRADIZIONALE DI AMMONIACA DIRETTO O IN PASTA CON SBIANCANTE HA SUCCESSO SOLO SU MACCHIE CHIARE.

    3. Diammina – tetra- acetico acido etilene ( EDTA ) :

    A. EDTA è un agente chelante usato per rimuovere le macchie metalliche dalla muratura.

    b. Gli agenti chelanti sono molecole che coordinano gli ioni di metallo. Gli ioni metallici nella macchia si attaccano all’agente chelante per formare un complesso metallico sia solubile che insolubile che può essere rimosso.
    c. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche.
    d. È disponibile come acido o in forma dei suoi sali di sodio più solubili. E’ noto per essere usato come conservante. Il suo uso più importante, tuttavia, è la rimozione di ioni metallici indesiderati da acqua, come nella produzione di spray chimici agricoli o industriali.

    4. Appropriato eccipiente come argilla Attapulgite, talco, diatomite, o terra o gesso in polvere

    D. Acqua minerale

    E. Acqua distillata

    F. Fonte di acqua potabile, chiara, sapone e salviette per il lavaggio e risciacquo in caso di emergenze connesse con l’ uso di prodotti chimici

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Contenitore di vetro o ceramica per miscelare la soluzione

    B. Ciotola per mescolare la pasta di gesso

    C. Utensile in legno per mescolare gli ingredienti

    D. Raschietti legno o spatola di plastica

    E. Fogli di plastica

    F. Salviette pulite, asciutte per tamponare la zona dopo il trattamento

    G. Nastro per mascherature

    H. Guanti di gomma per evitare l’irritazione della pelle

    I. Piatti di vetro per coprire i tamponi

    J. Pesi

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 ESAME

    A. Esaminare la superficie ATTENTAMENTE per determinare la causa della colorazione al fine di accertarsi che il trattamento richiesto sia necessario prima di procedere con qualsiasi operazione di pulizia.

    3.02 PREPARAZIONE

    A. Protezione: prevedere adeguate soluzioni di lavaggio (cioè l’acqua , sapone e asciugamani) prima di iniziare il lavoro.

    B. Preparazione della superficie : Se possibile, rimuovere le fonti di umidità per prevenire ulteriore ossidazione del metallo.
    Se la fonte della macchia è una staffa incorporata, cravatta , o un altro elemento di fissaggio, l’ unico rimedio non distruttivo è quello di eliminare l’umidità alla fonte.

    3.03 MONTAGGIO / INSTALLAZIONE / APPLICAZIONE

    NOTA: NON PROVARE PIÙ DI UN TRATTAMENTO SU UNA DETERMINATA ZONA, A MENO CHE I PRODOTTI CHIMICI UTILIZZATI NEL TRATTAMENTO PRECEDENTE NON SIANO STATI ELIMINATI.

    A. Per le macchie di colore chiaro: Applicare una sostanza attiva con tamponi di ovatta :

    1. Pulire accuratamente la zona da trattare con acqua minerale.

    2. Indossare i guanti di gomma per evitare il contatto con le sostanze chimiche da utilizzare e per evitare inutili irritazioni cutanee.

    3. Preparare una soluzione acquosa al 15 % di sodio idrogeno citrato con glicerina (per rallentare l’evaporazione) nel contenitore appropriato.

    4. Bagnare i tamponi di cotone-lana nella soluzione e applicarli sulla zona da trattare.

    5. Coprire i tamponi con le piatti di vetro.

    6. Applicare pesi sopra i piatti di vetro per assicurare uno stretto contatto tra i tamponi e la pietra macchiata.

    7. Lasciare i tamponi in posa per 3-4 giorni, prima di rimuoverli.

    8. Rimuovere tutta l’attrezzatura, compresi i tamponi, sciacquare con acqua minerale e lasciare asciugare.

    9. Se c’è colorazione residua, ripetere il processo per ottenere il livello desiderato di pulizia.

    B. Per le macchie marcate:  Applicare una sostanza attiva con l’ovatta:

    1. Risciacquare la zona da trattare con acqua distillata.

    2. Indossare i guanti di gomma per evitare inutili irritazioni cutanee.

    3. Mescolare una soluzione acquosa al 15 % di sodio idrogeno citrato nel contenitore di vetro o ceramica.

    4. Formare un impasto di polvere di gesso e acqua distillata.

    5. Bagnare l’ovatta di cotone nella soluzione di sodio idrogeno citrato e applicare sulla zona macchiata.

    6. Stendere la pasta di gesso sopra il ovatta.

    7. Cospargere il tiosolfato di sodio cristallino sopra la pasta.

    8. Lasciare i prodotti chimici di agire sulla macchia per un’ora.

    9. Rimuovere tutti i materiali con una spatola di legno o plastica.

    10. Pulire accuratamente la zona con acqua minerale e lasciare asciugare.

    11. Se c’è colorazione residua, ripetere il processo per ottenere il livello desiderato di pulizia .

    – O-

    C. Applicare un impacco di cloruro di ammonio, idrossido di ammonio , EDTA , e argilla attapulgite( vedi anche 04455-02-R per ulteriori informazioni su impacchi ) .

    1. Preparare l’impasto dell’impiastro :

    a. Aggiungere 70 g di cloruro di ammonio a 570 ml di idrossido di ammonio; Aggiungere acqua fino a raggiungere il volume di 1 litro.

    b. Aggiungere 37 g di EDTA all’acqua ammoniaca.

    c. Aggiungere argilla attapulgite per formare una pasta morbida.

    2. Pre-bagnare la macchia con acqua pulita per evitare una penetrazione troppo profonda del detergente chimico.

    3. Applicare la miscela di cataplasma alla superficie macchiata in strati di spessore non superiore a 5/6 mm .

    4. Coprire l’impacco con fogli di plastica sigillati sulla parete per evitare una evaporazione troppo rapida.

    5. Ri-bagnare l’impacco quanto basta e lasciare asciugare per diversi giorni.

    6. Quando la pasta è asciugata, rimuoverla con una spatola di legno o plastica.

    7. Sciacquare accuratamente la zona con acqua pulita e chiara al fine di rimuovere eventuali residui chimici e lasciare asciugare.

    8. Ripetere questo processo con la frequenza necessaria per rimuovere in modo soddisfacente o per schiarire la macchia.

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0445501R – Decerare patine stratificate su pavimento in marmo

    RIMOZIONE DI PATINE STRATIFICATE DA MARMI INTERNI

     

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni sulla rimozione di patine accumulate su superfici interne in marmo, seguita da pulizia generale della superficie. Queste patine possono comprendere patine spruzzate a strati su pavimento e sporcizia in generale e colorazione.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.02 MATERIALI

    A. Per colorazione generica: utilizzare un impiastro che incorpora tensioattivi e detergenti per la rimozione di macchie generiche, come ad esempio “Sure Klean Marble Poultice” ( ProSoCo , Inc.) , o “General Purpose Poultice ” (Diedrich) o equivalenti approvati.

    B. Per la rimozione di macchie stratificate: utilizzare materiali alcalini tixotropici, come ” Sure Klean Liquid Marble Cleaner” , o “Sure Klean 942 Limestone & Marble Cleaner ” ( ProSoCo , Inc.) , o “910PM Polished Marble” ( Diedrich ) , o equivalenti approvati.

    C. Liquid Strippable Masking Agent: liquido standard del produttore, che forma una pellicola, materiale sverniciabile mascherante per la protezione di vetro, metallo e superfici in pietra levigata da effetti dannosi dei detergenti acidi e alcalini per murature, come ad esempio “Sure Klean Strippable Masking” ( ProSoCo , Inc.) , o equivalenti approvati.

    D. Plastica per coprire gli impacchi

    E. Acqua: Potabile, non colorata e priva di oli, acidi, alcali e materia organica.

    2.03 ATTREZZATURE

    A. Spazzole: solo setola di fibre naturali o sintetiche. L’ uso di spazzole metalliche o lana d’acciaio non è permesso.

    B. Spatola di legno

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 PREPARAZIONE

    A. Protezione : Proteggere tutte le superfici adiacenti utilizzando sostanze mascheranti liquide sverniciabili.

    B. Preparazione della superficie: Lavorare procedendo dall’alto verso il basso. Il lavoro non deve essere considerato completo fino a quando il funzionario contraente o del rappresentante designato lo ha così notificato al contraente per iscritto.

    3.02 MONTAGGIO , INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    A. Rimuovere patine:

    1. Applicare il detergente per marmo diluito sulla superficie del marmo con una spazzola a setole sintetiche morbide (spazzole con fibre naturali non sono adatte).

    2. Il Tempo di posa è di circa 20/60 minuti in conformità con le procedure di test approvate, ma non permettere che il decerante si asciughi. Prima del risciacquo, strofinare per 5/10 minuti per allentare le pellicole resistenti.

    3. Risciacquare accuratamente con la spugna la superficie con acqua fresca e limpida. Cambiare l’ acqua di risciacquo di frequente.

    4. Eliminare l’acqua di rifiuto con il procedere del lavoro con aspiratore di liquidi o altri mezzi appropriati. Non lasciare stazionare l’acqua sul pavimento.

    B. Pulizia generale:

    1. Preparare l’impacco per la pulizia mescolando additivo liquido con l’impiastro secco (terra di Fuller) fino a ottenere una crema di consistenza densa. Mescolare accuratamente in modo che l’impiastro abbia una superficie liscia di consistenza uniforme.

    2. Pulire sporco o polvere dalla superficie da trattare prima dell’applicazione dell’impacco.

    3. Bagnare preventivamente il marmo e applicare uno strato di impiastro spesso 5/ mm. sulla superficie macchiata con una spatola di acciaio inossidabile o altro utensile non ferroso.

    4. Coprire l’impacco con una pellicola di plastica e lasciare asciugare 8 a 24 ore, a seconda del test di prova.

    5. Raschiare l’impacco dalla muratura con un utensile non- metallico e strofinare la macchia con acqua e una spazzola con setola in fibra non metallica.

    6. Risciacquare ogni traccia di residuo chimico con acqua fredda a bassa pressione (300 psi) utilizzando lo spruzzo di ugelli con punte larghe 15-20. Gli ugelli possono essere tenuti perpendicolari alla superficie ad una distanza di lavoro di 50 a 80 cm. Tutte le pompe a pressione devono essere dotate di manometri funzionanti.

    7. Raccogliere tutte le acque di deflusso e smaltirle in modo appropriato. Non permettere che il deflusso si raccolga su superfici non protette.

     

    FINE DELLA SEZIONE

  • 0445512R – Rimozione di macchie di Olio di lino dal marmo

    RIMOZIONE DI VERNICI DI OLIO DI LINO DAL MARMO

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura contiene indicazioni per fare impacchi su marmo macchiato con vernici con legante di olio di semi di lino e “carbonioso” o sporco fuligginoso.

    B. Precauzioni per strutture storiche:

    1. Possono apparire efflorescenze dopo il trattamento.
    2. C’è il rischio di macchie di idrossido di ferro marroni che si formano in presenza di composti di ferro nella pietra.
    3. Si devono indossare indumenti protettivi e occhiali di protezione per gli occhi per evitare scottature, irritazioni e danni agli alla vista.
    4. Possono essere danneggiati Lavori di pittura adiacenti, se non vengono coperti o protetti.

    D.  Per ulteriori informazioni su impacchi, vedere scheda 04455-02-R

    E.  Per informazioni generali sulle caratteristiche, gli usi e problemi connessi con il marmo, vedere scheda 04455-01-S

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.02 MATERIALI

    A. bicarbonato di sodio o qualche altro detergente alcalino da utilizzare per formare la pasta dell’impacco: reperibile nei negozi di ferramenta.

    B. Candeggina da bucato liquida per fare la pasta

    C. Acqua minerale

    D. Fogli di plastica

    E. Salviette pulite, asciutte per tamponare la zona dopo il trattamento

    -O-

    Un detergente commerciale come “Stand Off Oil & Grease Stain Remover” (Prosoco), o equivalenti approvati.

    2.02 ATTREZZATURE

    A. Contenitore di vetro o ceramica per miscelare la soluzione
    B. Utensile in legno per mescolare gli ingredienti
    C. Spatola di legno o plastica
    D. Nastro per mascherature

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01 ESAME

    A. Esaminare il marmo ATTENTAMENTE per determinare la causa di colorazione prima di procedere con qualsiasi operazione di pulizia.

    3.02 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    NOTA: NON USARE CANDEGGINA SU PIETRE DI COLORE SCURO PERCHE’ CIO’ CAUSERA’ LO SCHIARIMENTO DELLA PIETRA.

    A. Proteggere le superfici verniciate adiacenti.

    B. Sciacquare la zona da trattare con acqua minerale.

    C. Versare la candeggina liquida da bucato in una ciotola di vetro o ceramica.

    D. Bagnare accuratamente la superficie macchiata con questo liquido. Assicurarsi di bagnare bene oltre la macchia.

    E. Miscelare il liquido restante con il materiale assorbente bianco per formare una pasta con consistenza della farina d’avena o glassa per torte. (È necessario circa mezzo chilo di pasta per ogni metro quadrato di superficie da trattare.)

    F. Con una spatola di legno o plastica, applicare la pasta alla superficie macchiata in strati spessi non più di 5/6 mm.
    L’impacco dovrebbe estendersi ben oltre la macchia per evitare di spingere la macchia nella pietra già pulita.

    G. Controllare se ci sono sacche d’aria o vuoti nello strato.

    H. Dopo aver applicato l’impacco, coprire con panni bagnati per mantenere umido l’impacco.

    I. Lasciare i panni in posa durante la notte.

    J. Rimuovere i panni e bagnare con acqua minerale l’impacco.

    K. Rimuovere l’impacco con una spatola di legno o di plastica per evitare di graffiare la superficie.

    L. Lavare accuratamente la zona trattata con acqua minerale, assorbire, e lasciare asciugare completamente.

    M. Se c’è colorazione residua, ripetere la procedura.

    -O-

    Se si utilizza un prodotto commerciale per la pulizia, seguire le istruzioni del produttore.


    FINE DELLA SEZIONE

  • 0445510R – Rimozione di macchie di grasso dal marmo con il metodo del tampone di cotone

    RIMOZIONE MACCHIE DI GRASSO DAL MARMO CON IL METODO DEL BATUFFOLO DI COTONE

    PARTE 1 — GENERALE

    1.01 SOMMARIO

    A. Questa procedura include indicazioni sulla pulizia di macchie grasse sul marmo assorbendo la macchia con tamponi di cotone. Questo metodo viene utilizzato in genere per piccole macchie grasse localizzate.

    B. Macchie grasso sono di solito di colore marrone chiaro o giallo.

     

    PARTE 2 — PRODOTTI

    2.01   MATERIALI

    A. Alcool etilico:

    1. Altri nomi chimici o comuni sono: etanolo; Idrossido di etile; Alcol etilico; Metil carbinolo; Spiriti Colonia *; Alcool da fermentazione *; alcol del grano *; alcol concentrato *; alcol rettificato *; distillati di vino *.

    2. potenziali pericoli: INFIAMMABILE.

    3. Reperibile da fornitori di sostanze chimiche, negozi di ferramenta o negozi di liquori.

    4. L’Alcool denaturato, che non è gravato da tassa sui liquori, dovrebbe essere un sostituto soddisfacente alcol etilico per scopi di rimozione delle macchie.

    -O-

    Alcol Metilico:

    1. Altri nomi chimici o comuni includono Carbinol; Metanolo; idrato di metile; Idrossido di metile; Alcol Metilico; spiriti coloniali *; alcol Columnian*; Spirito di legno verde *; spirito di Manhattan *; alcol piroligneo *; alcol Pyroxylico *; spirito di legno Standard*; spirito di legno*; wood Nafta *.

    2. potenziali pericoli: TOSSICI E INFIAMMABILI.

    3. Reperibile da distributori di forniture automotive.

    Fornitori di sostanze chimiche, distributori di forniture per lavaggio a secco, farmacie o distributori di forniture farmaceutiche, negozi di ferramenta, negozi di vernici, o distributori di forniture fotografiche (non i negozi di macchine fotografiche).

    B. Acqua minerale

    C. Tamponi di cotone

    2.02   ATTREZZATURE

    A. Contenitore di vetro o ceramica per miscelare la soluzione

    B. Utensile di legno per mescolare gli ingredienti

     

    PARTE 3 — ESECUZIONE

    3.01   ESAME

    A. Esaminare la superficie marmorea ATTENTAMENTE per determinare il causa della colorazione prima di procedere con qualsiasi operazione di pulizia.

    3.02   MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

    A. Lavare accuratamente la zona da trattare con acqua minerale.

    B. Versare una piccola quantità di acqua minerale nel contenitore da utilizzare per la miscelazione. Aggiungere una quantità appropriata di alcol etilico o metilico nell’acqua minerale e agitare la soluzione con un utensile di legno. NOTA: il rapporto acqua/alcol dovrebbe essere piccolo, dato che la funzione primaria dell’acqua è di rallentare l’evaporazione dell’alcool.

    C. Saturare un batuffolo di cotone nella soluzione e spalmare sulla zona macchiata.

    D. L’olio dovrebbe essere assorbito dalla macchia dal tampone di cotone. Dato che il tampone si sporca, sostituire con tamponi puliti e continuare.

    E. Ripetere, se necessario, fino a quando la macchia si è dissolta.

    NOTA: Una superficie marmo lucido può richiedere la rilucidatura dopo il trattamento. Vedere scheda 04455-02-P “rilucidatura marmo” per tecniche di rilucidatura.

     

    FINE DELLA SEZIONE