0447005R – Rimozione dello sporco dalle arenarie prima della ristilatura

RIMOZIONE DELLO SPORCO DALLE ARENARIE PRIMA DELLA RISTILATURA

 

ALCUNI TIPI DI INVECCHIAMENTO, DA AGENTI ATMOSFERICI E DIFETTO ESTETICI SONO NATURALI E ACCETTABILI E CONTRIBUISCONO A CARATTERIZZARE L’EDIFICIO.

L’USURA NATURALE E GLI AGENTI ATMOSFERICI COME LE DEPRESSIONI NELLA PIETRA POSSONO NON ESSERE UN MOTIVO SUFFICIENTE PER LA RIPARAZIONE.

PARTE 1 — GENERALE

1.01 SOMMARIO

 

A. Questa procedura comprende una guida sulla rimozione della crescita biologica, sporco superficiale ed efflorescenze dalle superfici di arenaria prima della ristilatura.

ATTENZIONE: NON PULIRE FREQUENTEMENTE LE ARENARIE. QUESTO PUÒ ESSERE CAUSA DI GUASTI PREMATURI DEI LEGANTI O DEI MATERIALI CEMENTIZI CHE TENGONO INSIEME LA PIETRA.

B. L’arenaria è molto porosa e incline a raccogliere lo sporco, polvere, oli, grassi sia da contatto diretto che dall’atmosfera. L’assorbimento di questi tipi di contaminanti possono causare macchie di superficie, e promuovere la crescita biologica.

C. Crescite biologiche come licheni, alghe, muschi e funghi che proliferano su muri in pietra è di solito un’indicazione che vi è eccesso di umidità dentro o intorno alla pietra. Queste crescite devono essere rimosse, in quanto attirano l’umidità sulla superficie della pietra e la tengono lì, ciò può portare a problemi più seri. Licheni e muschi in particolare, producono acido ossalico che può danneggiare alcuni tipi di pietra storica.

PARTE 2 — PRODOTTI

2.01 PRODUTTORI

A. Rohm & Haas (controllata di Dow Chemical)    www.rohmhass.com

B. Sigma-Aldrich Corporation   www.sigma-aldrich.com

2.02 MATERIALI

A. Detergenti non ionici come “Triton” (Rohm & Haas), “IGEPAL” (Sigma-Aldrich), o equivalenti approvati.

B. Candeggina:

ATTENZIONE: NON MESCOLARE L’AMMONIACA CON CANDEGGINE CLORATE, POICHÉ CIÒ CAUSA GAS DI CLORO , (GAS VELENOSI)! NON USARE CANDEGGINA SU ESCREMENTI DI UCCELLI.

1. Altri nomi chimici o comuni sono: soluzione sbiancante*; candeggina da lavanderia*; Ipoclorito di sodio (NaOCl); Soluzione di clorurati di soda* .

2. potenziali pericoli : CORROSIVO SULLA CARNE.

3. Disponibile presso fornitori di sostanze chimiche, negozi o supermercati, negozi di ferramenta o distributori di forniture per pulizie.

C. Acqua pulita, potabile

2.03 ATTREZZATURE

A. Spazzola di setole naturali rigide

B. Spruzzatore a bassa pressione o tubo da giardino

C. Foglio di polietilene

D. Spatola di legno o abbassalingua

 

 PARTE 3 — ESECUZIONE

3.01 ESAME

A. Determinare la fonte di umidità eccessiva, cioè perdite di pluviali, acqua stagnante, sporgenza del tetto, vegetazione ecc., e fare le riparazioni necessarie prima di continuare con questo impegno.

B. Determinare il tipo di macchia, cioè alghe e licheni, muffe e funghi o efflorescenze.

3.02 PREPARAZIONE

A. Protezione:

1. Preparare adeguate soluzioni di lavaggio (ad esempio acqua, sapone e asciugamani) prima di iniziare il lavoro.

 2. Non spruzzare nelle immediate vicinanze di persone, ambiente e animali non adeguatamente protetti.

B. Preparazione della superficie: riempire temporaneamente le grandi crepe con guarnizioni fbr prima di pulire le aree per evitare infiltrazione di grandi quantità di acqua.

 

3.03 MONTAGGIO, INSTALLAZIONE, APPLICAZIONE

ATTENZIONE: NON USARE METODI DI PULIZIA ABRASIVI. NON UTILIZZARE DETERGENTI CHIMICI ACIDI O ALCALINI. UTILIZZARE SEMPRE IL PIÙ DELICATO MEZZO DI PULIZIA POSSIBILE.

A. Per composto impermeabilizzante friabile:

1. Rimuovere il composto sigillante sfaldato utilizzando raschietti di legno o abbassalingua. Fare attenzione a non usare sgorbie o si danneggierà la pietra.

 2. Rimuovere il più possibile utilizzando una pennello a setola rigida.

ATTENZIONE: NON USARE SPAZZOLE IN FILO D’ACCIAIO IN QUANTO POTREBBERO LASCIRE PEZZETTI DI FERRO, CHE POTREBBERO ARRUGGINIRE E LASCIARE MACCHIE SULLA SUPERFICIE. NON USARE SPAZZOLE ROTANTI ELETTRICHE. QUESTE SONO TROPPO DURO E POSSONO ABRADERE SEVERAMENTE LA SUPERFICIE.

 3. Piccole quantità di composto sigillante residuo possono rimanere sulla superficie, e dovrebbe essere lasciate isolate. NON USARE SOLVENTI PER RIMUOVERE questo residuo. È probabile che questo residuo verrà portato via dalle intemperie naturalmente e non causano danni fisici alla pietra.

 4. Tenere i composti di silicone sigillante che possono essere stati applicati per contribuire a sigillare alcuni giunti delle scossaline e fare le riparazioni se necessario.

B. Per sporco e polvere, escrementi di uccelli:

 1. Lavare la superficie con acqua con uno spruzzatore a bassa pressione o tubo da giardino con un getto fine.

 2. Pulire delicatamente, se necessario, con una spazzola bagnata di setola naturale o plastica.

3. Se necessario, aggiungere nello spruzzatore un detergente non ionico alla minore concentrazione efficace. 

Nota: Testare una piccola zona per vedere che non lasci un residuo annebbiato.

 4. Evitare l’ammollo della pietra. Sciacquare accuratamente la superficie per evitare di lasciare vaghi o invisibili residui che possono attirare lo sporco.

C. Per muffe, muschi, e alghe: le crescite fungine/alghe è promossa da ambienti molto umidi. Questo, combinato con la mancanza di luce solare, crea condizioni favorevoli per questo tipo di macchiatura della superficie.

1. Eliminare condizioni di umidità in eccesso.

 2. Sfregare accuratamente la superficie con una spazzola di setola naturale o di plastica e acqua.

 3. Se necessario, aggiungere una piccola quantità di candeggina all’acqua per aiutare a uccidere le piante cresciute.

D. Per efflorescenze e sali superficiali:

1. con cautela spazzolare via a secco dalla superficie i sali con una spazzola di setole naturali o lavare con acqua.

 2. Se l’efflorescenza ritorna, esaminare attentamente le aree circostanti per determinare la possibilità di perdite o fonti d’acqua che causano l’eccesso di infiltrazione di umidità.

 3. Eliminare le fonti di umidità in eccesso e ripetere quanto al paragrafo D.1. sopra.

E. Per la guida su ristilatura, vedere 04470-06-R.

 

FINE DELLA SEZIONE